Keystone
ITALIA
04.12.20 - 11:140
Aggiornamento : 12:16

«La sanità italiana è arrivata piuttosto fragile all'appuntamento con la pandemia»

A sostenerlo è l'istituto di ricerca Censis. Sulle restrizioni per Natale: «Quasi l'80% degli italiani è favorevole».

ROMA - In Italia «il Servizio sanitario nazionale si è presentato all'appuntamento con l'emergenza del Covid-19 piuttosto fragile. Non solo perché ha scontato una impreparazione sistemica rispetto alla prevenzione delle epidemie, ma anche perché nel tempo è stato minato nelle sue basi economiche e umane». Lo rileva l'istituto di ricerca Censis nell'ultimo rapporto sulla situazione sociale della vicina penisola, che spazia in diversi ambiti.

L'impegno pubblico nella sanità in Italia è «inferiore rispetto a quello di altri Paesi europei», precisa il 54esimo rapporto. Inoltre, «al razionamento delle risorse economiche si aggiunge il mancato ricambio generazionale di medici e infermieri».

A favore della stretta per le Feste - Quasi l'80% degli italiani si dice a favore della stretta in vista delle prossime festività, secondo il Censis. «In vista del Natale e del Capodanno - si legge - il 79,8% degli italiani chiede di non allentare le restrizioni o di inasprirle. Il 54,6% spenderà di meno per i regali da mettere sotto l'albero, il 59,6% taglierà le spese per il cenone dell'ultimo dell'anno».

Per il 61,6%, la festa di Capodanno sarà triste e rassegnata. Non "andrà tutto bene": il 44,8% degli italiani è convinto che uscirà peggiore dalla pandemia (solo il 20,5% crede che questa esperienza renderà migliori).

Il 73,4% degli italiani indica nella paura dell'ignoto e nell'ansia conseguente il sentimento prevalente da quando è cominciata la pandemia.

«Lo Stato - scrive il rapporto - è il salvagente a cui aggrapparsi nel massimo pericolo. Il 57,8% degli italiani è disposto a rinunciare alle libertà personali in nome della tutela della salute collettiva, lasciando al Governo le decisioni su quando e come uscire di casa, su cosa è autorizzato e cosa non lo è, sulle persone che si possono incontrare, sulle limitazioni alla mobilità personale. Il 38,5% è pronto a rinunciare ai propri diritti civili per un maggiore benessere economico, accettando limiti al diritto di sciopero, alla libertà di opinione e di iscriversi a sindacati e associazioni».


 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Dal Mondo
SPAGNA
13 min
«L'appartamento è andato distrutto, non posso uscire»
Un seminarista si trovava nello stabile al momento della forte esplosione a Madrid
AUSTRIA
2 ore
Addio a Langes-Swarovski, il re dei cristalli
L'imprenditore è stato alla guida dell'azienda per 35 anni
MONDO
2 ore
Blockchain più forte del Covid
Non si è fermato lo sviluppo delle tecnologie, neanche in questi tempi di pandemia
MONDO
2 ore
Varianti che provano a «nascondersi» dagli anticorpi
Le mutazioni provenienti da Sudafrica e Brasile sotto la lente degli esperti: «Sequenziare il più possibile»
ITALIA
3 ore
Asia Argento accusa il regista Rob Cohen: «Abusò di me facendomi bere la droga dello stupro»
È la più clamorosa delle rivelazioni contenuta nell'autobiografia che uscirà nelle librerie il 26 gennaio
ITALIA
3 ore
Armi da guerra, esplosivi e 45kg di droga in un garage
La polizia ha requisito l'arsenale e arrestato tre uomini
GERMANIA
4 ore
Gruppo Volkswagen sanzionato per oltre 100 milioni di euro
Le sanzioni riguardano il superamento del limite di emissione di Co2
STATI UNITI
5 ore
Effetto Covid, le case non sono mai state così pulite
Con la pandemia negli Stati Uniti è boom per saponi liquidi e detergenti
STATI UNITI
6 ore
Impeachment, qualcuno già lo chiede per Biden
La richiesta è della deputata Marjiorie Taylor Green, seguace delle teorie di QAnon. Lo accusa di abuso di potere
UNIONE EUROPEA
6 ore
Le varianti spaventano, l'Europa stringe sui viaggi
L'Unione europea non intende chiudere i confini: «Una zona epidemiologica unica»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile