Depositphotos (SIphotography)
Ci sono varie ragioni che spingono le persone a dare credito e diffondere notizie false e teorie del complotto.
MONDO
04.12.20 - 06:000

Le motivazioni di chi fa circolare bufale e teorie del complotto

Ci sono quattro categorie di propagatori, secondo la classificazione di un saggio del 2009 di Cass Sunstein.

Alcuni sono mossi dall'interesse personale, altri sono spinti dalla malignità. Qualcuno, però, è in buona fede.

LUGANO - Negli ultimi mesi, complice la pandemia di coronavirus, si è assistito a un proliferare di voci, bufale, false dicerie e teorie del complotto sui più svariati argomenti. 

Per cercare di capire come nascono e, ancor di più, come si diffondono queste teorie che corrono velocissime sui social, siamo andati a ripescare un saggio del 2009, pubblicato dalla Princeton University Press e tradotto in italiano l'anno successivo. S'intitola "Voci, gossip e false dicerie. Come si diffondono, perché ci crediamo, come possiamo difenderci" e lo ha scritto Cass R. Sunstein, professore universitario e studioso di diritto statunitense, collaboratore di Barack Obama alla Casa Bianca e ora docente alla scuola di legge di Harvard.

«Le dicerie vengono spesso messe in circolazione da propagatori consapevoli, che possono credere o meno a ciò che diffondono» spiega Sunstein, che passa quindi a identificare quattro categorie d'individui, con determinate caratteristiche e motivazioni.

Coloro che sono spinti dal puro interesse personale - Per ottenere i propri obiettivi non si fanno scrupoli a danneggiare altri individui o gruppi di persone. «Vogliono fare soldi, vincere qualche tipo di competizione o comunque conquistare un vantaggio». Tra gli esempi fatti da Sunstein ce n'è uno decisamente attuale: «Spesso i sostenitori di un candidato insinuano che il rappresentante del partito avversario nasconde nel suo passato un segreto inconfessabile». Quello che si è visto con la teoria del complotto nota come QAnon, che ha messo nel mirino nomi illustri del Partito democratico e in particolare il Presidente eletto Joe Biden. Per dimostrare come ciò rientri nella categoria della ricerca dell'interesse personale, Sunstein aggiunge: «Quando i membri del Partito repubblicano diffondono delle voci su un politico designato dal presidente democratico (all'epoca Obama, ndr), sperano di colpire non solo la reputazione e il credito di cui gode il funzionario, ma anche quella del presidente e di tutto il Partito democratico, favorendo in questo modo gli interessi dei repubblicani».

Chi è mosso dall'interesse personale in senso generale - Ovvero chi «cerca di conquistare lettori o di attirare l'attenzione diffondendo delle dicerie». Non c'è un guadagno diretto nello screditare e infangare la reputazione di qualcuno, se non in termini di convenienza economica derivata dalla ricerca di click o di audience. «Per quanto grave, il danno si rivela collaterale» osserva Sunstein. Non tutti lo fanno per denaro: «Ci sono persone che pubblicano falsità su Internet con il solo scopo di attirare l'attenzione. Chi mette in circolazione pettegolezzi infondati rientra in questa categoria».

I propagatori altruistici - È la categoria più interessante tra quelle elencate nel saggio. Gli individui che ne fanno parte sono «impegnati a sostegno di una causa». Accusando qualcuno o mettendo alla berlina qualcosa - che i vaccini o le mascherine facciano male, che Biden faccia parte di una pericolosa rete di pedofili e così via - «stanno cercando di promuovere quello che nella loro mente è il bene pubblico» e sperano di contribuire, seppur giocando sporco «alla causa in cui credono». Sunstein comprende i propagatori altruistici, ma non li assolve: «Possono essere straordinariamente disinvolti nei confronti della verità, nel senso che a volte sono disposti a dichiarare consapevolmente il falso, e più spesso sono pronti a fare affermazioni della cui veridicità non sono certi». Lo stesso vale per chi, spesso in assoluta buona fede, condivide sui social contenuti che in realtà sono imprecisi o del tutto fasulli. Perché avviene? Perché su Internet (ma non solo) «prospera una specie di industria dell'indignazione», che produce voci false o ingannevoli «su persone che hanno un'opinione diversa da quella di chi esprime il suo sdegno». Chi è indignato, aggiunge Sunstein, cerca di "contagiare" chi gli sta intorno con quella che pensa essere la bontà delle ragioni che gli hanno suscitato questa emozione.

Chi ha motivazioni maligne - «Cercano di svelare e diffondere particolari imbarazzanti o lesivi non per interesse personale o per una causa, ma semplicemente per ferire». La volontà di danneggiare può nascere da risentimento o dall'essere convinti (a ragione o meno) di aver subito un torto. «Provano un piacere autentico e profondo nel danneggiare il prossimo» e, sottolinea Sunstein, «può non esserci uno stretto legame fra le loro affermazioni e la verità». L'autore avverte: non per forza il bersaglio può essere un nome famoso, ma anche una persona comune. In questo caso i propagatori maligni «costituiscono una seria minaccia» perché possono compromettere la carriera, la reputazione e le relazioni sociali di chi vogliono colpire. «Spesso queste voci sono resistenti, e anche se non lo sono possono sollevare interrogativi e dubbi che perseguitano per parecchio tempo i malcapitati».

TOP NEWS Dal Mondo
SPAGNA
5 min
«L'appartamento è andato distrutto, non posso uscire»
Un seminarista si trovava nello stabile al momento della forte esplosione a Madrid
AUSTRIA
1 ora
Addio a Langes-Swarovski, il re dei cristalli
L'imprenditore è stato alla guida dell'azienda per 35 anni
MONDO
2 ore
Blockchain più forte del Covid
Non si è fermato lo sviluppo delle tecnologie, neanche in questi tempi di pandemia
MONDO
2 ore
Varianti che provano a «nascondersi» dagli anticorpi
Le mutazioni provenienti da Sudafrica e Brasile sotto la lente degli esperti: «Sequenziare il più possibile»
ITALIA
3 ore
Asia Argento accusa il regista Rob Cohen: «Abusò di me facendomi bere la droga dello stupro»
È la più clamorosa delle rivelazioni contenuta nell'autobiografia che uscirà nelle librerie il 26 gennaio
ITALIA
3 ore
Armi da guerra, esplosivi e 45kg di droga in un garage
La polizia ha requisito l'arsenale e arrestato tre uomini
GERMANIA
4 ore
Gruppo Volkswagen sanzionato per oltre 100 milioni di euro
Le sanzioni riguardano il superamento del limite di emissione di Co2
STATI UNITI
4 ore
Effetto Covid, le case non sono mai state così pulite
Con la pandemia negli Stati Uniti è boom per saponi liquidi e detergenti
STATI UNITI
6 ore
Impeachment, qualcuno già lo chiede per Biden
La richiesta è della deputata Marjiorie Taylor Green, seguace delle teorie di QAnon. Lo accusa di abuso di potere
UNIONE EUROPEA
6 ore
Le varianti spaventano, l'Europa stringe sui viaggi
L'Unione europea non intende chiudere i confini: «Una zona epidemiologica unica»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile