Keystone
AUSTRIA
21.11.20 - 17:040
Aggiornamento : 21:58

Un complice ha accompagnato in macchina l'attentatore di Vienna?

Circola un video della sera del 2 novembre, in cui si vedono due uomini e un fucile d'assalto in una BMW.

Il video potrebbe essere un indizio importante per scoprire come l'attentatore sia arrivato armato fino ai denti in pieno centro.

VIENNA - Due persone che guidano di sera, nella propria BMW... armate di fucile d'assalto.

È il contenuto di un video girato la notte dei recenti attacchi terroristici di Vienna, e in seguito diffusosi in diversi gruppi Whatsapp, fino a venir pubblicato dal portale di notizie austriaco heute.at.

Il video aggiunge benzina sul fuoco per quanto riguarda la discussione relativa alle ipotesi sul tragitto percorso da uno degli assalitori per arrivare armato di fucile d'assalto, machete, pistola e una finta cintura esplosiva nel centro città di Vienna, a Schwedenplatz, lo scorso 2 novembre.

Gli Uffici di polizia austriaci hanno recentemente confermato che l'attentatore in questione non ha viaggiato con i mezzi pubblici, ed è in seguito stata messa fortemente in discussione anche la teoria che abbia utilizzato un "Uber".

Ora, il video in pasto ai social media potrebbe essere un indizio decisivo: è stato accompagnato da un complice? Da quanto emerge dai dossier investigativi, ripresi dalla rivista austriaca "Profil", la polizia è a conoscenza del filmato. Inoltre, l'arma presente nel video dovrebbe essere presumibilmente un ZASTAVA M70, la stessa tipologia di fucile d'assalto usata nell'attacco a Vienna.

Secondo il portale austriaco, poi, un membro 21enne di uno dei gruppi whatsapp da cui è partito il video è stato in contatto con l'assassino nelle settimane precedenti l'attacco, e a suo nome è registrata una BMW 320i, che potrebbe essere la stessa del video. 

Non è ancora chiaro chi sia l'autore del video, ma la persona che lo ha inviato nei gruppi è già stata interrogata agli inizi di novembre, e a quanto sembra, l'individuo in questione ha visto l'assassino, insieme ad altri cinque giovani, almeno due volte la stessa sera dell'attacco.

La teoria del complice sta così prendendo sempre più piede, e forse, potrebbe proprio essere stata la voglia di girare un video a far scoprire e incriminare il complice.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Italia
2 ore
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Regno Unito
5 ore
Avevano torturato un bimbo fino alla morte, condannati
Arthur Labinjo-Hughes aveva solo sei anni. Il padre con la fidanzata gli hanno fatto subire «crudeli abusi»
GERMANIA
7 ore
Il picco delle terapie intensive è previsto per Natale
«Non si può perdere tempo, non bisogna perdere neppure un giorno» secondo il presidente del Robert Koch Institut
SUDAFRICA
9 ore
La quarta ondata si muove più velocemente delle precedenti
L'incidenza dei ricoveri dei bambini sotto i cinque anni di età è inferiore solamente a quella degli over 60
STATI UNITI
12 ore
Nove colpi di pistola ad un disabile, licenziato un agente di polizia
Il 61enne in sedia a rotelle brandiva un coltello, e si stava recando in un centro commerciale
Francia
14 ore
Si candida come presidente: YouTube lo oscura e i media lo denunciano
Il saggista di estrema destra ha violato i diritti di autore e d'immagine. In totale potrebbe dover pagare 400'000 euro
MONDO
15 ore
«Omicron aveva già fatto il giro del mondo»
La virologa dell'università di Berna Hodcroft: «Le restrizioni servono solo a prendere tempo»
SVIZZERA / MONDO
17 ore
Quegli svizzeri con le piantagioni "problematiche"
Public Eye denuncia la situazione gestita dagli uffici di Ginevra e Zugo, e punta il dito contro la politica svizzera.
STATI UNITI
17 ore
Jack Dorsey, tutti i volti del più atipico dei miliardari hi-tech
Un po' donnaiolo, un po' santone il co-fondatore di Twitter ha confermato il suo addio all'azienda. Vi raccontiamo chi è
AUSTRIA
1 gior
Il cancelliere austriaco vuole già dimettersi
Alexander Schallenberg si è detto pronto a lasciare l'incarico, appena due mesi dopo il predecessore Kurz
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile