Keystone
ITALIA
11.11.20 - 06:300

Dal lockdown alla Zona rossa quello che cambia è (soprattutto) la rabbia

Nervi a fior di pelle in Lombardia sulla nuova "clausura", fra il «si poteva fare di più» e chi non può lavorare

di Redazione
Irene Panighetti

MILANO - In Italia è di nuovo lockdown, particolarmente duro nelle Regioni dichiarate zone rosse, Lombardia in testa, ma con profonde differenze rispetto a quello della scorsa primavera e non tanto per gli aspetti tecnici (alcune scuole restano aperte così come molte attività commerciali, la produzione non si è fermata) quanto per come è vissuto dalla gente, da chi lavora e dai medici.

Oggi più che il virus spaventa il confinamento in casa. A marzo-aprile erano state la sorpresa, l’assoluta novità della situazione e l’impreparazione a travolgere e stravolgere alcuni settori: in quello sanitario c’è stata la catastrofe mentre nel quotidiano qualche epifania si era verificata; apprezzate per la prima volta la bellezza di ritmi lenti, la possibilità di dedicarsi agli hobbies, alla cucina, al giardinaggio, alla lettura, alle relazioni.

Questa volta invece è il rancore a prevalere: risentimento, odio e rancore si riversano ovunque, sui social e nelle piazze, nei bar e dai parrucchieri (oggi aperti a differenza degli estetisti). Sotto accusa i governi nazionale e locali, che avevano il potere di rivoluzionare alcuni settori sanitari e produttivi, come suggerito, invano, dalla società civile. Non si è fatto nulla per evitare il verificarsi di un nuovo, previsto, disastro.

Qualche accorgimento organizzativo è subito ripartito, come i servizi di spesa e farmaci a domicilio, o le consegne a casa per i ristoratori oggi impossibilitati ad aprire. Ma il grosso lavoro di prevenzione e di rafforzamento è mancato e la gente non lo accetta: le proteste, qualche volta violente, dilagano in tutti i settori anche perché, dopo mesi di crisi, le tasche sono vuote e ai sussidi in pochi credono ancora.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
28 min
L'assassino americano Robert Durst rischia di morire a causa dal coronavirus
Il 78enne, reso celebre per la sua clamorosa confessione nella serie tv “The Jinx”, era stato condannato all'ergastolo
STATI UNITI
1 ora
Bill Clinton ricoverato: presto verrà dimesso
L'ex-presidente era stato ospedalizzato con una certa urgenza settimana scorsa
FOTO
ITALIA
13 ore
"No green pass", nervi tesi a Milano
Cortei, proteste, slogan e qualche scontro con le forze dell'ordine. Migliaia di persone in piazza
STATI UNITI
14 ore
No vax, metà degli agenti di Chicago rischia lo stipendio
La disputa nata tra la linea dura promossa dalla sindaca e i sindacati contrari all'obbligo di mostrare il certificato
FOTO
Italia
19 ore
Proteste contro il fascismo, «è un attacco alla dignità di tutto il Paese»
Centro-sinistra e sindacati chiedono che venga rivista la Costituzione italiana con nuove riforme
Regno Unito
20 ore
Accoltellamento David Amess, «è terrorismo»
L'uomo arrestato figurava tra le persone ritenute a rischio radicalizzazione
STATI UNITI
1 gior
No, l'ivermectina non cura il Covid. Ecco il perché
L'Infectious Diseases Society of America ha pubblicato un'infografica per far chiarezza. E il verdetto non lascia dubbi
GERMANIA
1 gior
Non sei vaccinato? Non fai la spesa
In Assia ogni rivenditore potrà scegliere se far rispettare la regola del 2G o del 3G
REGNO UNITO
1 gior
«Sono scioccato, era un amico e un uomo gentile»
Il premier ha commentato l'aggressione che ha portato alla morte del suo collega di partito Amess
REGNO UNITO
1 gior
Essex, deputato accoltellato a morte da uno sconosciuto
David Amess, 69 anni, è stato colpito più volte dal suo aggressore. La polizia ha già arrestato un 25enne
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile