Keystone
ITALIA
11.11.20 - 06:300

Dal lockdown alla Zona rossa quello che cambia è (soprattutto) la rabbia

Nervi a fior di pelle in Lombardia sulla nuova "clausura", fra il «si poteva fare di più» e chi non può lavorare

di Redazione
Irene Panighetti

MILANO - In Italia è di nuovo lockdown, particolarmente duro nelle Regioni dichiarate zone rosse, Lombardia in testa, ma con profonde differenze rispetto a quello della scorsa primavera e non tanto per gli aspetti tecnici (alcune scuole restano aperte così come molte attività commerciali, la produzione non si è fermata) quanto per come è vissuto dalla gente, da chi lavora e dai medici.

Oggi più che il virus spaventa il confinamento in casa. A marzo-aprile erano state la sorpresa, l’assoluta novità della situazione e l’impreparazione a travolgere e stravolgere alcuni settori: in quello sanitario c’è stata la catastrofe mentre nel quotidiano qualche epifania si era verificata; apprezzate per la prima volta la bellezza di ritmi lenti, la possibilità di dedicarsi agli hobbies, alla cucina, al giardinaggio, alla lettura, alle relazioni.

Questa volta invece è il rancore a prevalere: risentimento, odio e rancore si riversano ovunque, sui social e nelle piazze, nei bar e dai parrucchieri (oggi aperti a differenza degli estetisti). Sotto accusa i governi nazionale e locali, che avevano il potere di rivoluzionare alcuni settori sanitari e produttivi, come suggerito, invano, dalla società civile. Non si è fatto nulla per evitare il verificarsi di un nuovo, previsto, disastro.

Qualche accorgimento organizzativo è subito ripartito, come i servizi di spesa e farmaci a domicilio, o le consegne a casa per i ristoratori oggi impossibilitati ad aprire. Ma il grosso lavoro di prevenzione e di rafforzamento è mancato e la gente non lo accetta: le proteste, qualche volta violente, dilagano in tutti i settori anche perché, dopo mesi di crisi, le tasche sono vuote e ai sussidi in pochi credono ancora.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Alice Sebold ha chiesto scusa all'uomo assolto dal suo stupro (40 anni dopo)
Il nome di Anthony Broadwater è finalmente pulito: non è più nel registro degli autori di reati sessuali
STATI UNITI
3 ore
«Il peggior incubo di ogni genitore»
È salito a tre morti e otto feriti il bilancio della sparatoria nel liceo di Oxford. Il racconto di un testimone
OLIVIERO TOSCANI
4 ore
«Timbri sui corpi come nei lager. Oggi i social sono la Auschwitz mentale»
Le sue foto sull'Aids hanno fatto il giro del mondo. Il fotografo italiano racconta quel periodo.
Stati Uniti
15 ore
Sparatoria in un liceo: tre morti e sei feriti
La polizia ha fermato il killer, si tratterebbe di un ragazzo di 15 anni
FOTO
STATI UNITI
18 ore
«Su quell'aereo ho trasportato diverse volte anche Bill Clinton»
Secondo giorno di processo per la vice di Epstein, alla sbarra il pilota della coppia: «Lei era chiaramente il numero 2»
AUSTRALIA
20 ore
In Parlamento, un dipendente su tre vittima di abusi sessuali
Il premier Scott Morrison ha commentato il rapporto: «Statistiche spaventose»
NORVEGIA
23 ore
A 10 anni dalla strage, Breivik continua a perseguitare i sopravvissuti
Anche le famiglie delle vittime continuano a ricevere lettere di minacce e di propaganda
ITALIA
1 gior
Long Covid, uno su due si sente sempre stanco
Uno studio evidenzia i sintomi più comuni per chi ha contratto il Covid: dolori, depressione e fatica a respirare
FOCUS
Cina
1 gior
Denuncia e poi scompare, il misterioso caso di Peng Shuai
La tennista, svanita dopo un'accusa di stupro alle alte sfere, è poi riapparsa. Ma i dubbi su quanto successo restano
STATI UNITI
1 gior
Omicron e vaccini: «calo sostanziale» dell'efficacia oppure no?
Il Ceo di Moderna Bancel prevede che la risposta sarà inferiore rispetto alla Delta. Più ottimismo, invece, da BioNTech
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile