Immobili
Veicoli
Keystone
STATI UNITI
04.11.20 - 19:000

Al voto non solo sul presidente: "sì" a marijuana e Uber

La vendita e il consumo di cannabis sono diventati legali in altri cinque Stati.

Gli autisti di Uber non diventeranno dei dipendenti in California. Vietati i finanziamenti all'aborto in Louisiana. Il Colorado, invece, respinge le limitazioni sull'interruzione di gravidanza.

WASHINGTON - Il voto del 3 novembre non ha ancora regalato agli Stati Uniti un presidente, ma una vincitrice chiara emerge comunque dalla giornata elettorale di ieri: la marijuana. I referendum per la sua legalizzazione sono stati infatti approvati in tutti e cinque gli Stati in cui la proposta era stata presentata. Si tratta di Arizona, Montana, New Jersey, South Dakota e Mississippi. Si aggiungono ai dieci Stati più la capitale Washington in cui la sua vendita e consumo a fini ricreativi erano già ammessi. 

Grande vittoria ai referendum anche per Uber, con gli elettori della California che hanno approvato l'esenzione per la gig-economy di riclassificare i suoi lavoratori in dipendenti a tutti gli effetti. La "Proposition 22", per la quale Uber e la rivale Lyft si sono battute con tutte le loro forze, è stata approvata a grande maggioranza: gli autisti delle due società restano lavoratori pagati a prestazione ai quali i due colossi si impegnano a garantire maggiori benefit, ma non diventano dipendenti. Uber tira un sospiro di sollievo con il via libera che lascia intatto il suo modello di business e vola a Wall Street, dove arriva a guadagnare oltre il 12%.

Volta una pagina storica il Mississippi: dopo 126 anni dice addio alla sua bandiera confederata, retaggio di un passato controverso. La nuova bandiera è contrassegnata da una magnolia - a riflettere il soprannome dello stato di Magnolia State - circondata da 20 stelle per indicare lo status di 20mo stato dell'unione. Chiude con il passato anche il Nebraska: ai seggi è stata infatti approvata una revisione della costituzione statale dalla quale scompaiono i riferimenti alla "schiavitù o alla servitù involontaria" come punizioni per i reati.

La Florida che ha regalato una grande soddisfazione a Donald Trump ha votato a favore dell'aumento del salario minimo a 15 dollari l'ora. Un traguardo da centrare in sei anni e resosi necessario di fronte al carovita nello Stato, in cui gli attuali 8,56 dollari l'ora di salario non sono più ritenuti sufficienti.

Gli elettori della Louisiana hanno approvato una stretta sull'aborto, dando la loro benedizione a una revisione della costituzione in modo che non vengano offerti finanziamenti all'interruzione di gravidanza. Il Colorado ha invece respinto il divieto di aborto dopo la 22ma settimana. Due indicazioni divergenti che mostrano un'America spaccata sul tema, uno di quelli sui quali la Corte Suprema a maggioranza conservatrice potrebbe essere chiamata a esprimersi.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
1 ora
«A Downing Street si beveva ogni venerdì sera»
Il "Partygate" continua far discutere: mentre Johnson pensa a licenziamenti e divieti, molti chiedono la sua rimozione
STATI UNITI
4 ore
«Questo virus rimarrà con noi, probabilmente per sempre»
Parola di Robert Wachter, una delle voci più ascoltate sulla pandemia negli Usa
STATI UNITI
11 ore
Il ritorno di Trump: «Riprendiamoci l'America»
Durante un comizio in Arizona ha rispolverato tutti i suoi argomenti da campagna elettorale
STATI UNITI
12 ore
Ostaggi salvi, morto il sequestratore
È finito l'incubo nella sinagoga di Colleyville in Texas. Le forze speciali sono entrate in azione
TONGA
1 gior
Eruzione sottomarina, onde alte più di un metro raggiungono il Giappone
Piccole inondazioni si sono verificate anche alle Hawaii, e le spiagge sono state chiuse
LIVE CORONAVIRUS
1 gior
«Bisogna concentrarsi sulla variante Delta, che determina casi più gravi»
«La variante Delta è ancora presente e se andassimo ad un livello di contagio più alto rappresenterebbe un problema»
TONGA
1 gior
Potente eruzione sottomarina, uno tsunami colpisce Tonga
Si segnalano già onde alte oltre un metro che s'infrangono sulle case della capitale, Nuku'alofa
AUSTRALIA
1 gior
Nole è di nuovo in detenzione
Lo fanno sapere i suoi avvocati. Oggi per Djokovic sarà il giorno della verità?
AUSTRALIA
1 gior
Nole espulso: «Maltrattato un intero Paese»
Il campione serbo ha un piede e mezzo fuori dal primo Slam stagionale dopo che l'Australia gli ha ancora tolto il visto.
STATI UNITI
2 gior
Netflix vuole colonizzare l'Asia
Il successo di Squid Game potrebbe fungere da cavallo di Troia: «L'obiettivo è arrivare a mezzo miliardo di utenti».
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile