Keystone
Una manifestazione anti Charlie (immagine generica)
TURCHIA / FRANCIA
28.10.20 - 10:170
Aggiornamento : 11:33

Ankara condanna la copertina di Charlie su Erdogan

Vi si vede il presidente turco che commenta il fondoschiena di una donna velata: «Uuuh! Il profeta!», afferma.

Il portavoce di Erdogan: «L'obiettivo di queste pubblicazioni senza morale e decenza è di seminare odio e ostilità».

ANKARA / PARIGI - Ankara reagisce alla copertina su Recep Tayyip Erdogan pubblicata oggi dal settimanale satirico Charlie Hebdo: «Condanniamo con la più grande fermezza l'ultima edizione della rivista francese», «che non ha rispetto per alcun credo, alcuna sacralità e alcun valore», scrive su Twitter il portavoce del presidente turco, İbrahim Kalın.

Dopo lo scontro sulle caricature di Maometto, il presidente turco è rappresentato oggi in copertina nell'atto di sollevare l'abito a un donna velata mostrando il suo fondoschiena. La donna regge dal canto suo un vassoio con due calici di vino. "Nella vita privata Erdogan è molto divertente", recita il titolo. "Uuuh! Il profeta!", esclama un Erdogan in maglietta e mutande seduto in poltrona a bere da una lattina.

«L'obiettivo di queste pubblicazioni senza morale e decenza - scrive il portavoce del presidente turco - è di seminare odio e ostilità».

«Trasformare la libertà d'espressione in ostilità verso la religione e il credo non può essere altro che espressione di una mentalità malata», insiste Kalın, sostenendo che «chiunque abbia buon senso dovrebbe condannare e respingere queste pubblicazioni abominevoli».

La condanna verso Charlie Hebdo viene rilanciata in queste ore dai massimi dirigenti di Ankara, tra cui il ministro delle Finanze e genero di Erdogan, Berat Albayrak. «Quello che ha fatto Charlie Hebdo non è umorismo, è maleducazione! È odio verso l'Islam manifestato sul nostro presidente!», scrive su Twitter.

La Turchia avvia una procedura giudiziaria - Nel frattempo, la procura generale di Ankara ha aperto una procedura giudiziaria mettendo sotto inchiesta Charlie Hebdo per la sua copertina odierna. Lo riporta Anadolu. La presidenza turca ha inoltre fatto sapere che intende intraprendere «le necessarie azioni giudiziarie e diplomatiche» contro la vignetta. Ieri l'avvocato di Erdogan aveva già presentato una denuncia presso la stessa procura della capitale turca contro il leader dell'estrema destra olandese Geert Wilders per un'altra sua caricatura diffusa su Twitter.

Rohani: «Basta interferenze nell'Islam» - «Se gli europei e la Francia sono sinceri quando affermano di cercare la pace nella società, dovrebbero smettere d'interferire negli affari interni dell'Islam». Lo ha dichiarato il presidente iraniano Hassan Rohani in una riunione del suo gabinetto, dopo le proteste nel mondo islamico per la ripubblicazione delle caricature di Maometto su Charlie Hebdo, appoggiata dal presidente francese Emmanuel Macron.

Il capo del governo di Teheran ha condannato la «recente tendenza islamofoba» in Francia, definendo «immorali e provocatorie» queste iniziative da parte di «coloro che sostengono di essere difensori della democrazia» e avvertendo del rischio di «incoraggiare la violenza». «Oggi, tutti i problemi mondiali derivano dalla tirannia e dalle interferenze dell'Occidente, come in Yemen, dove la povera popolazione è sotto bombardamento dei jet occidentali», ha aggiunto Rohani.


 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 4 mesi fa su tio
Cosa continua a rompere gli zebedei . Che se ne stia a casa sua a fr casini. Lui che parla di seminare zizzanie e ostilità. Ma cosa ha fatto finora?
seo56 4 mesi fa su tio
É una delle delle migliori copertine mai viste
Güglielmo 4 mesi fa su tio
perché i miei post non escono?
Güglielmo 4 mesi fa su tio
Mah… la vedo male se si continua così. Si potrebbe anche evitare di continuare a inzigare sti beoti. Però il rispetto di alcun credo, alcuna sacralità e alcun valore non esce proprio dalla bocca giusta. dal 1922 a oggi non hanno più costruito chiese in Turchia, dal 1961 al 2011 nessun cristiano ha mai fatto parte del parlamento Turco. molti dei beni delle chiese non riconosciute sono stati confiscati e nazionalizzati. Inoltre, i cristiani furono costretti a lavorare di domenica; gli studenti cristiani dovettero frequentare le scuole turche; i matrimoni non poterono più essere celebrati con solennità; fu proibito ai parroci di suonare le campane; i capi religiosi cessarono di rappresentare le proprie comunità. Il jihād venne proclamato il 14 novembre 1914 da Maometto V “contro gli infedeli (cristiani) che combattono il califfo”, come si autodefiniva l'imperatore ottomano. Così la lotta, da nazionale, divenne anche religiosa e da li la strage armena… quindi STATE almeno ZITTI per favore.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ISRAELE
4 ore
A Tel Aviv il primo concerto "per soli vaccinati"
500 persone hanno potuto partecipare mostrando il proprio certificato vaccinale
STATI UNITI / MESSICO
4 ore
Ondata di migranti al confine, Trump attacca Biden: «Leadership disastrosa»
Nell'ultimo mese sono stati arrestati quasi 100'000 migranti al confine con il Messico
STATI UNITI
5 ore
Tesla: bruciati 234 miliardi in quattro settimane
A pesare, la svolta verde dei tradizionali big dell'auto
SPAGNA
16 ore
A Barcellona un concerto (all'interno) con 5'000 persone
Dovrebbe tenersi il 27 marzo. Il pubblico dovrà presentare un test negativo e indossare la mascherina FFp2.
STATI UNITI
18 ore
Nuovi guai per McAfee, è accusato di aver "pompato" il valore delle sue criptovalute
Con messaggi entusiastici sui social, dopodiché ha venduto tutto il portafoglio. Rischia (altri) 20 anni di carcere
BRASILE
18 ore
Il Brasile supera la quota dei 260mila morti da Covid, Bolsonaro: «Piantatela di frignare»
Un nuovo contagiato ogni 3 è brasiliano. Ecco perché il negazionsimo del presidente riguarda anche per noi
MONDO
21 ore
«Le farmaceutiche rinuncino ai diritti sui vaccini, così tutti potranno produrli»
Così il direttore generale dell'OMS appoggia una proposta di India e Sudafrica. Ma le aziende non ci stanno
ITALIA
21 ore
La Lombardia resta arancione rinforzato, l'indice di contagio italiano sale sopra l'1
Preoccupa la diffusione estremamente rapida del virus. La nuova mappa dei colori delle Regioni
STATI UNITI
22 ore
L'esperimento, 500 dollari di reddito di base: «Quei soldi mi hanno cambiato la vita»
Ha avuto un riscontro inaspettato un progetto pilota in un quartiere popolare di una città californiana
GERMANIA
23 ore
Test fai da te a 24.99 da Aldi: si teme l'assalto
Il discount: «Chiediamo comprensione se si esaurissero il primo giorno». Berlino punta sulle analisi a tappeto.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile