Keystone (archivio)
MONDO
19.10.20 - 23:500
Aggiornamento : 20.10.20 - 08:31

Covid, gli anticorpi «scompaiono dopo poche settimane»

Lo indica uno studio canadese, pubblicato dalla rivista medica mBio

MONTREAL - Si è immuni al Covid-19 dopo aver contratto il nuovo coronavirus? E se sì, lo si è per un lungo periodo o no? A queste domande, che orbitano attorno alla pandemia sin dai primi giorni, prova a dare una risposta uno studio canadese.

Stando ai risultati pubblicati sulla rivista medica mBio, il livello di anticorpi contro il Covid nel sangue cala rapidamente nelle settimane successive alla guarigione.

Un fattore che ha implicazione multiple, che vanno dall'immunità dell'individuo alla possibilità di ricorrere al suo plasma per curare altri pazienti. E la sperimentazione, ha spiegato il professor Andreas Finzi - del team di ricerca dell'Università di Montreal - «mostra che la capacità del plasma di neutralizzare le particelle virali decresce nel corso di quelle prime settimane».

In particolare, attraverso un precedente studio trasversale (che ha coinvolto oltre un centinaio di pazienti), il team canadese ha rilevato che questa capacità del plasma si riduce in modo sensibile già tra la terza e la sesta settimana dopo l'insorgenza dei sintomi.

Alcuni studi precedenti hanno rilevato che la risposta anticorpale raggiunge il suo picco a due o tre settimane di distanza dalla comparsa dei sintomi. Ma bisogna considerare che prima di poter donare il proprio sangue, una persona guarita dal Covid-19 deve attendere un periodo di almeno 14 giorni. Inoltre, un ulteriore studio effettuato su una trentina di persone, con due prelievi di sangue effettuati a un mese di distanza, ha indicato la tendenza comune di un abbassamento dei livelli d'immunoglobuline che agiscono in corrispondenza della cosiddetta proteina Spike.

Se da un lato, sottolineano gli autori della ricerca, ancora non è del tutto chiaro se la capacità neutralizzante sia effettivamente alla base dell'efficacia del plasma quale cura per i casi più gravi di Covid, i risultati indicano sicuramente che il componente va prelevato il prima possibile dal donatore.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
SCOZIA
1 ora
Assorbenti gratis: in Scozia è legge
L'iniziativa ha ricevuto ieri il via libera finale del Parlamento di Edimburgo
FRANCIA
1 ora
La Francia pronta a tassare Google, Amazon e Facebook già da quest'anno
L'Eliseo porta avanti il suo piano per la "web tax" per i colossi digitali malgrado la possibile rappresaglia americana
ITALIA
2 ore
EasyJet per la prima volta in perdita, taglia un quarto della sua flotta in Italia
In 1'500 in cassa integrazione, il ritorno alla normalità atteso non prima del 2024
FOTO
GERMANIA
3 ore
Auto contro il cancello dell'ufficio di Angela Merkel
Sulle fiancate le scritte «Stop alle politiche di globalizzazione» e «dannati assassini di bambini e anziani»
FRANCIA
4 ore
Telelavoro obbligatorio per qualche giorno a settimana?
Il governo francese ci sta riflettendo insieme alle parti sociali
STATI UNITI
6 ore
«Il mio non sarà un terzo mandato Obama»
Il presidente eletto Joe Biden, nella sua prima intervista televisiva dopo il voto: «Finita l'era dell'odio»
REGNO UNITO
7 ore
L'errore fortunato del vaccino di AstraZeneca
Il dosaggio più efficace testato dai ricercatori di Oxford non era programmato
STATI UNITI
16 ore
Trump grazia un tacchino
Così vuole la tradizione. Il nome del fortunato? Corn.
ITALIA
19 ore
Le mafie hanno messo nel mirino il vaccino anti-Covid?
Gli esperti lanciano l'allarme e la magistratura spiega che anche l'Interpol ha previsto questo scenario
STATI UNITI
20 ore
Biden fa volare il Dow Jones: sopra 30'000 per la prima volta
Nel giorno del via libera di Trump, Wall Street registra un primato assoluto
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile