NASA/JPL/USGS
Foto scattate dalla navicella spaziale Galileo: immagini separate della Terra e della Luna sono state combinate per generare quest'immagine.
COSMO
14.10.20 - 21:300

Firmato un patto internazionale per l'esplorazione e l'insediamento lunare

Gli Accordi di Artemis nascono per coordinare il futuro dei viaggi spaziali dell'umanità

WASHINGTON - Otto nazioni hanno firmato un patto di esplorazione per gestire in modo pacifico l'insediamento umano sulla luna.

L'idea è quindi quella di prevenire possibili futuri conflitti tra le colonie umane che si svilupperanno sulla superficie lunare. Lo ha annunciato la NASA in un comunicato stampa.

Si tratta degli Accordi di Artemis, un successo dell'Agenzia spaziale statunitense che lavora per definire gli standard per la realizzazione di futuri insediamenti a lungo termine su suolo lunare.

Gli accordi, che prendono il nome dal programma lunare Artemis della NASA, si basano sul diritto spaziale internazionale esistente, stabilendo una serie di principi per coordinare l'esplorazione dello spazio tra le varie nazioni. Introduce inoltre delle "zone di sicurezza", che circonderanno le future basi lunari per prevenire conflitti tra gli Stati che vi operano, e per consentire alle società private di possedere le eventuali risorse lunari che vengono estratte.

I paesi coinvolti - al momento - sono gli Stati Uniti, l'Australia, il Canada, il Giappone, il Lussemburgo, l'Italia, il Regno Unito e gli Emirati Arabi Uniti. La firma degli accordi è giunta nel corso di una conferenza spaziale annuale che si è tenuta martedì, dopo mesi di colloqui. 

«Quello che stiamo cercando di fare è stabilire norme di comportamento che ogni nazione possa accettare», ha spiegato alla stampa l'amministratore della NASA Jim Bridenstine. Gli accordi, per Bridenstine, sono inoltre coerenti con il trattato del 1967 che stabilisce che i corpi celesti sono esenti da rivendicazioni nazionali di proprietà.

«Vogliamo creare il più ampio e diversificato programma internazionale di esplorazione spaziale umana della storia», ha detto Bridenstine, per «un futuro sicuro, pacifico, e prospero nello spazio».

I principi degli Accordi di Artemis 

  • Esplorazione pacifica: Tutte le attività condotte nell'ambito del programma Artemis devono essere a scopo pacifico
  • Trasparenza: I firmatari devono svolgere le loro attività in modo trasparente per evitare confusione e conflitti
  • Interoperabilità: Le nazioni che partecipano al programma Artemis devono sostenere sistemi interoperabili per migliorare la sicurezza e la sostenibilità
  • Assistenza in caso di emergenza: I firmatari degli Accordi si impegnano a fornire assistenza al personale in difficoltà
  • Registrazione di oggetti spaziali: Ogni nazione che partecipa ad Artemis deve essere firmataria della "Registration Convention"
  • Rilascio di dati scientifici: I firmatari degli Accordi si impegnano a rendere pubblica l'informazione scientifica
  • Preservare il patrimonio: I firmatari degli Accordi si impegnano a preservare il patrimonio spaziale
  • Risorse spaziali: L'estrazione e l'utilizzo delle risorse spaziali è la chiave per un'esplorazione sicura e sostenibile e i firmatari degli Accordi affermano che tali attività dovrebbero essere condotte in conformità con il Trattato sullo Spazio Estero.
  • De-conflitto di attività: Le nazioni aderenti ad Artemis si impegnano a prevenire interferenze pericolose e a sostenere i principi del Trattato sullo spazio extra-atmosferico
  • Detriti orbitali: I paesi aderenti ad Artemis si impegnano a pianificare uno smaltimento sicuro dei detriti
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
1 ora
Non sei vaccinato? Non fai la spesa
In Assia ogni rivenditore potrà scegliere se far rispettare la regola del 2G o del 3G
REGNO UNITO
3 ore
«Sono scioccato, era un amico e un uomo gentile»
Il premier ha commentato l'aggressione che ha portato alla morte del suo collega di partito Amess
REGNO UNITO
7 ore
Essex, deputato accoltellato a morte da uno sconosciuto
David Amess, 69 anni, è stato colpito più volte dal suo aggressore. La polizia ha già arrestato un 25enne
LE FOTO
ITALIA
9 ore
«No Green Pass!», «Libertà!», in seimila a protestare al porto di Trieste
Nonostante i disagi, per il momento le operazioni portuali proseguono, ha confermato il Presidente della regione
AFGHANISTAN
9 ore
Tre esplosioni in moschea, un'altra strage di sciiti
Un altro massacro tra i fedeli sciiti: la preghiera del venerdì è ormai nel mirino dei terroristi
STATI UNITI
11 ore
Uccise un'amica nel 2000, condanna a vita per il milionario Robert Durst
Vent'anni dopo il delitto, l'ormai 78enne è stato condannato al carcere a vita
KENYA
15 ore
Uccisione dell'atleta Agnes Tirop, arrestato il marito
L'uomo, unico sospettato dell'omicidio, stava tentando di lasciare il Paese. È stato arrestato a Mombasa
ITALIA
22 ore
Senza il Green Pass si prospetta un venerdì nero
Da venerdì in Italia per lavorare bisogna mostrarlo, sono previsti disagi e forse anche scaffali vuoti nei supermercati
FOTO
NORVEGIA
1 gior
«È una persona gravemente malata»
Alcuni conoscenti raccontano la storia del 37enne danese, che ieri ha ucciso cinque persone utilizzando arco e frecce.
MONDO
1 gior
La lunghissima "lista nera" di Facebook
Nell'elenco ci sono più di 4'000 fra individui, gruppi e organizzazioni che i vertici del social considerano pericolosi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile