Keystone
MONDO
11.10.20 - 08:090
Aggiornamento : 11:08

E se il lockdown non facesse poi così male all'economia?

Perché anche dove non è stato applicato la gente ha iniziato a comportarsi diversamente

È la tesi del Fondo Monetario Internazionale che sostiene che la salute di tutti sia il punto di partenza di una ripresa solida

WASHINGTON D.C. - Chiudere tutto per evitare il propagarsi del contagio o lasciare aperto, per evitare danni irreparabili all'economia. 

Sono queste le due scuole di pensiero per affrontare la pandemia da Covid-19, contrapposte e (apparentemente) inconciliabili: da una parte le vite umane, dall'altra il lavoro e il funzionamento del nostro sistema. 

A tentare di scardinare, o quantomeno di incrinare, questa contraddizione ci ha pensato un recente studio del Fondo monetario internazionale, ripreso dal TagesAnzeiger, che propone una tesi originale: non è detto che l'apertura faccia davvero bene all'economia, almeno sul lungo termine: «la cosa migliore sarebbe un approccio equilibrato che protegga la salute delle persone ed eviti il protrarsi di una crisi economica».

Che il lockdown abbia causato recessione dove è stato applicato è un dato di fatto, ma - stando agli esperti del FMI - «non è detto che sarebbe andata meglio anche se tutto fosse rimasto aperto». 

Stando all'analisi del Fondo, che ha preso in considerazione 128 paesi colpiti dall'emergenza Covid-19, là dove non era stato imposto un lockdown, la presenza del virus aveva modificato comunque i comportamenti delle persone con un calo delle uscite serali, nei ristoranti, nei cinema, così come nei negozi di abbigliamento. 

«Affinché vi sia una ripresa forte e sostenibile è necessario garantire lo stato di salute della popolazione», spiega il FMI, in questo senso il lockdown preventivo - applicato nelle primi fasi dello sviluppo della curva dei contagi - si è dimostrato efficace nella riduzione delle nuove infezioni.

La chiave, in questo senso, è la reazione tempestiva da parte dello Stato: «I blocchi rigorosi e limitati nel tempo, funzionano meglio di misure lievi ma protratte come il distanziamento sociale», confermano gli esperti, «ma bisogna agire rapidamente».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
9 ore
«Il vaccino? Non è una passeggiata»
La testimonianza di un partecipante ai trial di Moderna: «Ho avuto sintomi. Ma lo rifarò»
FOTO
AUSTRIA
11 ore
Tutti in coda, al via i test a tappeto
In caso di tampone rapido positivo viene subito effettuato anche un test molecolare
ITALIA
13 ore
«La sanità italiana è arrivata piuttosto fragile all'appuntamento con la pandemia»
A sostenerlo è l'istituto di ricerca Censis. Sulle restrizioni per Natale: «Quasi l'80% degli italiani è favorevole».
STATI UNITI
14 ore
Tutti i film di Warner Bros. nel 2021 andranno anche direttamente in streaming
Titoli come “Matrix 4”, “Dune” e “The Suicide Squad” non usciranno solo in sala. Una mossa senza precedenti
STATI UNITI
14 ore
Biden chiederà agli americani di portare la mascherina per 100 giorni
«Credo vedremo una riduzione significativa dei casi», ha promesso. La sua autorità, però, sarà limitata.
REGNO UNITO
16 ore
Vaccino anti Covid: primo carico arrivato nel Regno Unito
È stato depositato in un magazzino segreto. La distribuzione scatterà dal fine settimana.
ITALIA
17 ore
Obbligo di quarantena per chi rientra in Italia
Esentati coloro che viaggiano per motivi di lavoro o di studio
FOCUS
18 ore
Ammalarsi d'amore, sesso e Covid
Il virus ha sconvolto anche le modalità affettive e sociali d'interazione tra gli umani
MONDO
18 ore
Le motivazioni di chi fa circolare bufale e teorie del complotto
Ci sono quattro categorie di propagatori, secondo la classificazione di un saggio del 2009 di Cass Sunstein.
ITALIA
1 gior
Domani scatta il nuovo Dpcm, ecco le regole per le feste
Le ultime modifiche riguardano la scuola. Vietati gli spostamenti tra regioni dal 21 dicembre al 6 gennaio
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile