Depositphotos (archivio)
GIAPPONE
09.10.20 - 13:410

Coronavirus sulla pelle: può rimanerci fino a 9 ore

Lo rivela uno studio giapponese. L'utilizzo di gel disinfettanti permette però una rapida inattivazione dei patogeni

TOKYO - Il nuovo coronavirus può persistere sulla pelle umana molto più a lungo di quanto possa fare quello dell'influenza. Uno studio condotto da ricercatori in Giappone ha mostrato infatti che il Sars-Cov-2, è rimasto vitale su campioni di pelle umana per circa 9 ore mentre quello virus dell'influenza A meno di 2 ore.

Entrambi i virus sono stati però rapidamente inattivati con un gel disinfettante, cosa che supporta l'utilità di una corretta igiene delle mani per contrastare la diffusione del Covid.

All'inizio della pandemia, i ricercatori hanno analizzato per quanto tempo Sars-CoV-2 poteva durare sulle superfici, tuttavia, per ragioni etiche, esaminare per quanto tempo può durare sulla pelle umana è più complicato, perché non si possono mettere campioni di un virus potenzialmente letale sulle mani delle persone.

Quindi, per il nuovo studio, i ricercatori dell'Università di Medicina della Prefettura di Kyoto hanno creato un modello utilizzando campioni di pelle umana ottenuti dalle autopsie e raccolti un giorno dopo la morte. Hanno così scoperto che Sars-CoV-2 è sopravvissuto sui campioni di pelle umana per 9,04 ore, rispetto alle 1,82 ore per il virus dell'influenza A.

Quando questi virus sono stati mescolati con il muco, per imitare il rilascio di particelle virali in caso di tosse o starnuti, il coronavirus è durato ancora più lungo, circa 11 ore.

Tuttavia, entrambi i virus sono stati inattivati 15 secondi dopo l'uso di un disinfettante per mani con l'80% di etanolo. «Questo studio mostra che Sars-CoV-2 può avere un rischio maggiore di trasmissione per contatto diretto rispetto a quello dell'influenza normale, perché è molto più stabile sulla pelle», sottolineano gli autori nel loro articolo, pubblicato online sulla rivista Clinical Infectious Diseases.

Lo studio, precisano, non ha considerato la «dose infettiva» del virus, cioè la quantità di particelle virali necessarie per contagiare effettivamente qualcuno attraverso il contatto con la pelle contaminata. Studi futuri «dovrebbe cercare di dare una risposta anche questa domanda».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
4 ore
«Il vaccino? Non è una passeggiata»
La testimonianza di un partecipante ai trial di Moderna: «Ho avuto sintomi. Ma lo rifarò»
FOTO
AUSTRIA
6 ore
Tutti in coda, al via i test a tappeto
In caso di tampone rapido positivo viene subito effettuato anche un test molecolare
ITALIA
8 ore
«La sanità italiana è arrivata piuttosto fragile all'appuntamento con la pandemia»
A sostenerlo è l'istituto di ricerca Censis. Sulle restrizioni per Natale: «Quasi l'80% degli italiani è favorevole».
STATI UNITI
8 ore
Tutti i film di Warner Bros. nel 2021 andranno anche direttamente in streaming
Titoli come “Matrix 4”, “Dune” e “The Suicide Squad” non usciranno solo in sala. Una mossa senza precedenti
STATI UNITI
9 ore
Biden chiederà agli americani di portare la mascherina per 100 giorni
«Credo vedremo una riduzione significativa dei casi», ha promesso. La sua autorità, però, sarà limitata.
REGNO UNITO
11 ore
Vaccino anti Covid: primo carico arrivato nel Regno Unito
È stato depositato in un magazzino segreto. La distribuzione scatterà dal fine settimana.
ITALIA
12 ore
Obbligo di quarantena per chi rientra in Italia
Esentati coloro che viaggiano per motivi di lavoro o di studio
FOCUS
13 ore
Ammalarsi d'amore, sesso e Covid
Il virus ha sconvolto anche le modalità affettive e sociali d'interazione tra gli umani
MONDO
13 ore
Le motivazioni di chi fa circolare bufale e teorie del complotto
Ci sono quattro categorie di propagatori, secondo la classificazione di un saggio del 2009 di Cass Sunstein.
ITALIA
22 ore
Domani scatta il nuovo Dpcm, ecco le regole per le feste
Le ultime modifiche riguardano la scuola. Vietati gli spostamenti tra regioni dal 21 dicembre al 6 gennaio
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile