Keystone
Xi Jinping durante il suo intervento all'Assemblea generale dell'ONU.
CINA / GERMANIA
30.09.20 - 13:310

Se la Cina raggiungesse i suoi obiettivi, ci sarebbe un calo globale di 0,2-0,3 gradi

La Cina e l'Unione europea, insieme, sono responsabili del 33% delle emissioni globali di gas serra

PECHINO/BERLINO - Se la Cina dovesse raggiungere l'obiettivo annunciato di arrivare alla 'carbon neutrality' prima del 2060, ridurrebbe le proiezioni sul riscaldamento globale di circa 0,2-0,3 gradi centigradi. È quanto emerge da un recente studio tedesco.

Secondo il Climate Action Tracker (Cat), un istituto di ricerca sulle scienze e le politiche climatiche senza scopo di lucro con sede a Berlino, l'annuncio del presidente cinese Xi Jinping all'Assemblea generale delle Nazioni Unite della scorsa settimana «rappresenta una vera pietra miliare nella politica climatica internazionale».

La flessione delle proiezioni sul riscaldamento globale di circa 0,2-0,3 gradi costituisce la maggiore riduzione singola mai stimata dall'istituto tedesco. Data la piena attuazione degli impegni e degli obiettivi dell'accordo di Parigi, in precedenza il Climate Action Tracker aveva stimato un aumento delle temperature globali di 2,7 gradi entro il 2100.

L'annuncio cinese, secondo l'istituto tedesco, dovrebbe ridurre l'aumento stimato del riscaldamento globale a circa 2,4-2,5 gradi Celsius, avvicinandolo al limite massimo dei +1,5 gradi previsto dall'accordo di Parigi. «È l'annuncio di politica climatica globale più importante da almeno cinque anni a questa parte», secondo Niklas Hohne del NewClimate Institute, una delle due organizzazioni partner del Climate Action Tracker. Le dichiarazioni di Xi, ha spiegato ieri Hohne a Xinhua, sono state «accolte con favore da molti osservatori internazionali della politica climatica».

La scorsa settimana, la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, aveva annunciato un più ambizioso obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra nell'Ue, che si impegna a diminuirle entro il 2030 del 55% rispetto ai livelli del 1990. L'obiettivo attuale è una riduzione del 40%.

«Se la Cina e l'Ue - che insieme sono responsabili del 33% delle emissioni globali di gas serra - dovessero entrambe presentare ufficialmente questi nuovi obiettivi all'accordo di Parigi, ciò darebbe il tanto necessario slancio positivo per soddisfare le esigenze del resto del mondo e del clima globale», sottolinea Bill Hare, direttore di Climate Analytics.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 5 mesi fa su tio
Quante baggianate
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Scarcerati dopo 24 anni dietro le sbarre
La sentenza nei confronti di tre afroamericani è stata definita «illegittima», ma sono passati più di vent'anni
FRANCIA
3 ore
Samuel Paty, decapitato per una bugia
La studentessa che aveva denunciato Samuel Paty, il docente ucciso il 16 ottobre scorso, ha ammesso di aver mentito
ITALIA
5 ore
Lockdown massiccio e vaccini a tappeto. È la soluzione?
Imminente il via libera ad AstraZeneca per ogni età. Uno sprint per le vaccinazioni? Qualcuno però chiede il lockdown
ITALIA
7 ore
Si testa il "passaporto immunitario" in Sardegna
A partire da domani si potrà entrare nella regione solo esibendo un certificato d'immunità
REGNO UNITO
7 ore
«Thank you», 16 milioni per i rider del take away
Si tratta di un fondo stanziato dalla società Deliveroo, che sta pensando una futura quotazione
AUSTRIA
10 ore
«Reazioni avverse», l'Austria ferma un lotto di AstraZeneca
Si indaga sul decesso di un'infermiera per capire se sia collegato al vaccino in questione
IRAQ
13 ore
Papa Francesco tra le strade di una Mosul distrutta: «Una tempesta disumana»
«Qui a Mosul le tragiche conseguenze della guerra e delle ostilità sono fin troppo evidenti» ha detto il Pontefice
CINA
13 ore
Un inizio 2021 da urlo per l'export cinese: +60%
La crescita delle esportazioni, secondo le Dogane cinesi, è la più ampia da oltre due decenni
STATI UNITI
1 gior
Biden sul piano Covid: «Disperatamente necessario»
Così dopo l'approvazione da parte del Senato del maxi piano da 1900 miliardi di aiuti.
EUROPA
1 gior
Pressing sugli Usa per i vaccini AstraZeneca
L'Europa vuole risolvere i problemi legati alle forniture.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile