Keystone
Xi Jinping durante il suo intervento all'Assemblea generale dell'ONU.
CINA / GERMANIA
30.09.20 - 13:310

Se la Cina raggiungesse i suoi obiettivi, ci sarebbe un calo globale di 0,2-0,3 gradi

La Cina e l'Unione europea, insieme, sono responsabili del 33% delle emissioni globali di gas serra

PECHINO/BERLINO - Se la Cina dovesse raggiungere l'obiettivo annunciato di arrivare alla 'carbon neutrality' prima del 2060, ridurrebbe le proiezioni sul riscaldamento globale di circa 0,2-0,3 gradi centigradi. È quanto emerge da un recente studio tedesco.

Secondo il Climate Action Tracker (Cat), un istituto di ricerca sulle scienze e le politiche climatiche senza scopo di lucro con sede a Berlino, l'annuncio del presidente cinese Xi Jinping all'Assemblea generale delle Nazioni Unite della scorsa settimana «rappresenta una vera pietra miliare nella politica climatica internazionale».

La flessione delle proiezioni sul riscaldamento globale di circa 0,2-0,3 gradi costituisce la maggiore riduzione singola mai stimata dall'istituto tedesco. Data la piena attuazione degli impegni e degli obiettivi dell'accordo di Parigi, in precedenza il Climate Action Tracker aveva stimato un aumento delle temperature globali di 2,7 gradi entro il 2100.

L'annuncio cinese, secondo l'istituto tedesco, dovrebbe ridurre l'aumento stimato del riscaldamento globale a circa 2,4-2,5 gradi Celsius, avvicinandolo al limite massimo dei +1,5 gradi previsto dall'accordo di Parigi. «È l'annuncio di politica climatica globale più importante da almeno cinque anni a questa parte», secondo Niklas Hohne del NewClimate Institute, una delle due organizzazioni partner del Climate Action Tracker. Le dichiarazioni di Xi, ha spiegato ieri Hohne a Xinhua, sono state «accolte con favore da molti osservatori internazionali della politica climatica».

La scorsa settimana, la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, aveva annunciato un più ambizioso obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra nell'Ue, che si impegna a diminuirle entro il 2030 del 55% rispetto ai livelli del 1990. L'obiettivo attuale è una riduzione del 40%.

«Se la Cina e l'Ue - che insieme sono responsabili del 33% delle emissioni globali di gas serra - dovessero entrambe presentare ufficialmente questi nuovi obiettivi all'accordo di Parigi, ciò darebbe il tanto necessario slancio positivo per soddisfare le esigenze del resto del mondo e del clima globale», sottolinea Bill Hare, direttore di Climate Analytics.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 8 mesi fa su tio
Quante baggianate
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
«Il razzismo è una crisi di salute pubblica»
Lo ha dichiarato giovedì la sindaca di Chicago, Lori Lightfoot. Per contrastarlo verranno usati quasi 10 milioni.
UNIONE EUROPEA
5 ore
Sentenza sui vaccini: l'Ue esulta, AstraZeneca pure
Il verdetto è stato accolto «con soddisfazione» sia da Bruxelles che dall'azienda anglo-svedese
GERMANIA
8 ore
La Svizzera non è più «un'area a rischio»
L'Istituto Robert Koch ha deciso: gli svizzeri possono entrare in Germania senza restrizioni
REGNO UNITO
9 ore
La «profonda vergogna» dei ministri per gli stupri che restano impuniti
Un numero altissimo di crimini non viene nemmeno denunciato, la politica fa mea culpa
STATI UNITI
10 ore
Niente accusa di schiavitù infantile per Nestlé Usa e Cargill
Lo ha stabilito la Corte Suprema, ma gli attivisti impegnati nel caso non hanno nascosto il loro disappunto
ITALIA
12 ore
Il Green Pass italiano: a cosa serve e come lo si ottiene
Lanciata nelle scorse ore l'apposita piattaforma governativa: la certificazione consentirà di viaggiare, ma non solo.
STATI UNITI
13 ore
Sale in auto, guida e spara: 90 minuti di follia
In otto sparatorie diverse, una persona ha perso la vita e 12 sono rimaste ferite
EUROPA
14 ore
Viaggi in aereo? «Mascherina sempre addosso»
Sono state aggiornate le linee guida europee per i voli turistici
MONDO
15 ore
La pandemia non ferma la migrazione: nel 2020 oltre 82 milioni di persone in fuga
Anche lo scorso anno il numero di movimenti forzati è aumentato. Nel 42% dei casi si tratta di minori
COREA DEL NORD
15 ore
«Con gli Stati Uniti pronti al dialogo ma anche allo scontro»
Così si è espresso Kim Jong-Un delineando la posizione della Corea del Nord di fronte all'amministrazione di Joe Biden
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile