Immobili
Veicoli
Archivio keystone
AMERICA LATINA
21.09.20 - 17:490

Quarantena sotto la lente, «violati i diritti umani»

Amnesty International denuncia le spaventose condizioni di quarantena in alcuni Stati dell'America Latina

RIO DE JANEIRO - Dallo scoppio della pandemia da Covid-19 nel mese di marzo, le autorità in Venezuela, El Salvador e Paraguay «hanno tenuto decine di migliaia di persone in strutture inadeguate alla quarantena gestite dallo stato, senza proteggerle sufficientemente dalle violazioni dei diritti umani. Questo comportamento potrebbe rappresentare un maltrattamento e la detenzione potenzialmente arbitraria».

Lo denuncia Amnesty International nella ricerca "When protection becomes repression", che documenta come le «autorità dei tre paesi abbiano sottoposto migranti, rifugiati, persone che rientravano in patria e comunità a basso reddito a quarantene gestite dallo stato, spesso in condizioni non igieniche e a volte disumane, senza cibo, acqua e assistenza medica adeguati».

Secondo l'ong, tali quarantene potrebbero configurarsi come maltrattamenti e le spaventose condizioni rendere gli spazi luoghi dove le persone sono a rischio di contrarre il Covid-19.

«Quando gli stati recludono decine di migliaia di persone senza assicurarsi che per ciascuna di esse si tratti di una misura necessaria e proporzionata, le tengono in condizioni spaventose sotto il controllo militare o della polizia e le discriminano o utilizzano la quarantena come punizione, trasformano un intervento di sanità pubblica in una strategia punitiva e repressiva», ha dichiarato in una nota stampa Erika Guevara-Rosas, direttrice per le Americhe di Amnesty International.

In base alle informazioni ricevute da Amnesty, «in Venezuela, El Salvador e Paraguay spesso le persone sono state sottoposte a quarantena per ben oltre i 14 giorni attualmente raccomandati dall'Oms, a volte per più di un mese». Le persone sottoposte a quarantena «non hanno avuto accesso sufficiente a informazioni» in merito alla durata della loro quarantena o sui criteri per stabilire il loro eventuale sollevamento dall'obbligo di isolamento, e ciò «rappresenta una violazione del loro diritto all'informazione e dell'obbligo secondo il diritto umanitario internazionale che ogni privazione della libertà, anche se al fine di proteggere la salute pubblica, deve essere stabilita per legge e deve essere necessaria, proporzionata e limitata nel tempo».

Amnesty chiede ai governi che sottopongono le persone a quarantena gestita dallo stato di dare immediatamente accesso ai centri alle organizzazioni umanitarie e agli osservatori indipendenti dei diritti umani, per permettere loro di monitorarne le condizioni, offrire protezione contro eventuali maltrattamenti e fornire con urgenza acqua, cibo e altri beni necessari.

L'organizzazione chiede infine che le autorità evitino che le persone vengano trattenute a tempo indeterminato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 1 anno fa su tio
guarda caso, sono paesi che hanno una certa familiarità con la dittatura.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
9 ore
«Sto per sparare in una scuola elementare»
I messaggi su Facebook del 18enne di Uvalde. Nella strage sono morti 19 bambini e due insegnanti
STATI UNITI
14 ore
Strage in Texas, una bambina tentò di chiamare la polizia
Cominciano ad emergere i primi nomi e le prime storie delle vittime della sparatoria di Uvalde
REGNO UNITO
16 ore
«Partygate, molti comportamenti lasciano sgomenti»
Johnson si è assunto la «piena responsabilità», ma si è detto anche «sorpreso e deluso»
RUSSIA / SVIZZERA
19 ore
«Temo per la mia vita»
Boris Bondarev aveva rassegnato le sue dimissioni in segno di protesta contro l'aggressione all'Ucraina voluta da Putin.
SEGUI IL LIVE
UCRAINA
LIVE
Kuleba al WEF: «La Nato non fa letteralmente nulla»
«Bisogna uccidere la politica dell'export della Russia» ha aggiunto il ministro degli Esteri ucraino.
STATI UNITI
23 ore
Sparatoria alle elementari: almeno 19 i bambini morti
Si contano inoltre anche due vittime adulte. Il killer, il 18enne Salvador Ramos, era un ex allievo.
RUSSIA
23 ore
La sorte di chi ha deluso Putin
Spariti, silurati, arrestati: sono diversi i comandanti e politici al fianco dello "zar" che non si sono più visti
UNIONE EUROPEA
1 gior
Sempre più pesticidi pericolosi nella frutta europea
La denuncia arriva da un rapporto del Pesticide Action Network che ha analizzato quasi 100'000 campioni
STATI UNITI
1 gior
Sparatoria alle elementari: morti 14 bambini
School shooting in Texas. La strage è tra le più gravi nella storia recente degli Stati Uniti
SVIZZERA/MONDO
1 gior
«Parlare con Putin? Non vale la pena discutere con un malato»
Il sindaco di Kiev era ospite in remoto del Wef: «Ogni euro dato alla Russia è sporco di sangue ucraino»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile