Archivio Kestone (foto illustrativa)
ITALIA
14.09.20 - 17:010

«Il declino della biodiversità potrebbe essere peggiore del previsto»

La biodiversità è minacciata soprattutto nelle zone del Mediterraneo e in quelle tropicali

L'esperto Tim Newbold: «È necessaria un'azione urgente per prevenire la perdita di biodiversità e le estinzioni»

ROMA - La biodiversità del Mediterraneo e delle zone tropicali è quella più seriamente minacciata dalle attività umane e dal riscaldamento climatico. Nelle regioni tropicali, inoltre, si prevede un calo del numero di specie, compreso tra il 10 e il 13%, per ogni grado in più di temperatura.

Emerge dall'analisi di oltre 47'000 specie di animali, piante e funghi in migliaia di siti di 91 Paesi. La ricerca, pubblicata sulla rivista Nature Ecology & Evolution, è coordinata da Tim Newbold, dell'University College London.

«Abbiamo scoperto che - rileva Newbold - le aree che devono affrontare le maggiori minacce alla biodiversità dovute ai cambiamenti climatici e all'uso del suolo sono spesso le stesse aree». Questo, aggiunge, «è ancora più preoccupante in quanto queste due pressioni possono interagire per rendere gli ambienti ancora più inospitali».

I risultati, prosegue l'esperto, suggeriscono che «il declino della biodiversità globale potrebbe essere peggiore del previsto. È necessaria un'azione urgente per prevenire le perdite di biodiversità e le estinzioni, in particolare nelle zone tropicali e mediterranee, aree che hanno alcune delle più ricche comunità ecologiche del pianeta».

I ricercatori hanno analizzato i dati relativi a 47'044 specie di animali, piante e funghi in 91 Paesi per misurare il numero di specie che vivono in ambienti più disturbati dall'uomo come città e aree agricole intensive. Inoltre, per prevedere le risposte ai cambiamenti climatici, i ricercatori hanno confrontato i dati con i modelli climatici.

È emerso che la biodiversità è minacciata specialmente nelle regioni mediterranee e tropicali, dove fra le specie più a rischio vi sono la tartaruga di terra (del Mediterraneo), e il gorilla orientale (in Africa), entrambi minacciati dalla perdita di habitat e dal cambiamento climatico.

Secondo gli esperti le specie di queste aree, dove i cambiamenti stagionali sono meno pronunciati, sono più vulnerabili ai cambiamenti climatici perché non si sono adattate a sperimentare ampi intervalli di temperature durante le stagioni. Di conseguenza hanno maggiori probabilità di soffrire se le temperature aumentano.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
«Trump tratta la presidenza come un reality show»
Barack Obama non ha risparmiato accuse all'indirizzo del suo successore alla Casa Bianca.
COREA DEL SUD
1 ora
Samsung: è morto il presidente Lee Kun-hee
È stato l'artefice della trasformazione di Samsung da un'azienda locale a un colosso mondiale.
EUROPA
12 ore
L'Europa si divincola tra record di casi e nuove strette
Una situazione cui i cittadini sembrano reagire con un mix di preoccupazione, noncuranza e ribellione
FRANCIA / TURCHIA
15 ore
Erdogan mette in dubbio la "salute mentale" di Macron
L'Eliseo ha denunciato le frasi del presidente turco, definendole «inaccettabili»
STATI UNITI
17 ore
Elezioni USA: possibile affluenza da record, Trump al seggio
Il Presidente ha preferito, nonostante il Covid, votare dal vivo: «Sono all'antica, immagino»
FRANCIA
20 ore
Lusso: trimestre sopra le aspettative per i principali marchi
Dopo una primavera difficile, gruppi come Moncler e Kering chiudono il 3° periodo dell'anno meglio del previsto.
ITALIA
21 ore
Covid-19: in Italia pronto soccorso «presi d'assalto»
A lanciare l'allarme è il presidente della Società italiana medicina d'emergenza: «C'è chi resta 3-5 giorni».
VIDEO
GERMANIA
22 ore
«Di nuovo: restate a casa»
Con un gesto inusuale, la cancelliera tedesca ha voluto sottolineare come la sua posizione non sia cambiata.
AZERBAIGIAN
22 ore
Crimini di guerra? Scatta l'indagine
Nei due filmati si vedrebbero due armeni uccisi da militari azeri. Per la BBC, sono potenzialmente autentici.
STATI UNITI
1 gior
Joe Biden: «Se vinco, vaccino gratis per tutti»
Il candidato democratico alla Casa Bianca ha parlato del suo piano di lotta alla pandemia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile