Keystone
Due lavoratori spruzzano pesticidi in un campo, in Thailandia.
UNIONE EUROPEA
11.09.20 - 06:040

Quei pesticidi pericolosi... vietati in Europa, ma esportati nei paesi più poveri

Alcuni pesticidi, nocivi per l'uomo o per l'ambiente, vengono venduti principalmente nei paesi in via di sviluppo

Ed è coinvolta anche la Svizzera nell'esportazione di queste sostanze, denunciate anche da alcuni specialisti dell'Onu: «violano i diritti umani»

BRUXELLES - Le aziende agrochimiche esportano nei paesi in via di sviluppo delle sostanze che sono ritenute troppo pericolose per essere utilizzate all'interno dell'Unione europea.

È una pratica che va avanti da troppo tempo, denunciano l'Ong per i diritti umani e la sostenibilità Public Eye e la piattaforma giornalistica di Greenpeace Unearthed. Una richiesta all'Agenzia europea per le sostanze chimiche (EHCA) ha portato infatti a migliaia di "notifiche di esportazione", che dimostrano la quantità di esportazioni di pesticidi vietati in paesi al di fuori dell'Ue, dove il loro uso è ancora consentito. 

Il caso del Paraquat - Come primo caso, il Paraquat, un pesticida tossico. Mentre già un solo sorso può risultare letale, un'esposizione prolungata a questa sostanza, anche a dosi ridotte, può portare allo sviluppo del morbo di Parkinson. 

Nonostante sia stato vietato dalla Svizzera nel 1989, e dall'Ue nel 2007, per i rischi troppo elevati per gli agricoltori, Syngenta continua a produrre Paraquat nel Regno Unito e ad esportarlo in Sud America, Asia e Africa, dove porta a migliaia di casi di avvelenamento, denunciano i due enti. Secondo i dati messi alla luce dall'investigazione, nel 2018 le autorità britanniche hanno esportato oltre 28'000 tonnellate di sostanze a base di quest'erbicida.

In totale sono 41 i pesticidi vietati per l'esportazione dall'UE nel 2018. Principalmente a causa dei rischi per la salute o per l'ambiente: possono essere mortali se inalati, possono provocare difetti congeniti, disturbi riproduttivi o ormonali, cancro, contaminazione delle fonti di acqua potabile, e tossicità per gli ecosistemi.

La mappa infame - A questo link si può vedere una mappa che raccoglie tutti i tipi di esportazione di questo genere, da dove e per dove. L'indagine mostra che nel 2018 i Paesi membri dell'Ue hanno approvato l'esportazione di 81'615 tonnellate di pesticidi contenenti sostanze vietate. Anche la Svizzera è coinvolta: Syngenta, infatti, esporta anche dal nostro paese.

E per quanto riguarda le destinazioni? 85 paesi, di cui tre quarti sono paesi in via di sviluppo o emergenti, dove l'uso di tali sostanze presenta rischi molto elevati. Brasile, Ucraina, Marocco, Messico e Sudafrica sono tra i primi dieci importatori di pesticidi "Made in Europe", dove sono vietati.

Le aziende coinvolte - Non solo Syngenta, ma anche Corteva, Bayer, BASF e molte aziende più piccole, come la Finchimica italiana o la tedesca Alzchem giocano un ruolo importante, secondo l'indagine. Delle 30 aziende contattate a riguardo, solo 15 hanno dato una risposta.

Secondo le aziende, i loro prodotti sono sicuri, rispettano le leggi dei paesi in cui operano, ogni paese sovrano ha il diritto di decidere quali pesticidi soddisfano al meglio le esigenze dei propri agricoltori, ed è anche una questione di clima. 

Tuttavia, i 41 pesticidi interessati sono esplicitamente vietati nell'Ue «per proteggere la salute umana o l'ambiente» spiegano gli attivisti. «Se l'UE, con tutte queste risorse, è giunta alla conclusione che questi pesticidi sono troppo pericolosi, come è possibile che vengano utilizzati in modo sicuro nei paesi più poveri, quando spesso i necessari dispositivi di protezione non sono nemmeno disponibili?» è invece la reazione di Baskut Tuncak, ex relatore speciale dell'ONU. 

L'appello dell'ONU - «Ponete fine a questa pratica deplorevole». È l'appello di 36 specialisti delle Nazioni Unite, affinché l'Unione europea agisca rapidamente in tal senso, in quanto questi pesticidi vietati vengono esportati in paesi che non hanno la capacità di controllarne i rischi, e causano «frequenti violazioni dei diritti umani alla vita e alla dignità».

Ma oltre il danno c'è anche la beffa, inevitabilmente. I principali Paesi che importato nell'UE prodotti agricoli (tra cui Stati Uniti, Brasile e Ucraina) sono anche tra le destinazioni preferite per le esportazioni di pesticidi vietati dall'Ue. Queste sostanze finiscono spesso perciò anche nei piatti dei consumatori europei, sotto forma di residui.

Mettere fine al sistema - Una portavoce della Commissione europea ha detto che le regole dell'UE sull'esportazione di pesticidi vietati sono già «più severe del necessario», e che «un divieto di esportazione generale non porterà automaticamente i paesi terzi a smettere di usare questi pesticidi, perché possono importarli da altri paesi». «Convincerli a non usare tali pesticidi sarebbe più efficace» ha spiegato.

I paesi esportatori, contattati, hanno principalmente argomentato che rispettano le leggi e le sovranità degli Stati, e che i paesi ricevono «informazioni solide e affidabili sui rischi di queste sostanze», ha spiegato un rappresentante tedesco.

Almeno in Francia, però, le acque sembrano muoversi: un divieto di questa pratica entrerà in vigore già nel 2022, nonostante la battaglia intrapresa dai produttori per ribaltare questa decisione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Heinz 1 anno fa su tio
Con una mano si avvelena la terra d'africa, con l'altra si depreda le risorse, con l'altra si creano e fomentano guerre per mantenere nella miseria gli africani, con l'altra si tutelano i soldi sporchi dei criminali sanguinari di quei paesi e poi.... si rimane sorpresi se tutti i giovani di quei paesi prendono una barca per cercare un futuro.
sedelin 1 anno fa su tio
finché gli interessi economici delle multinazionali, e di conseguenza dei loro azionisti che siedono a berna (!), stanno al disopra del bene della terra possiamo soltanto prevedere la rapidissima morte di molte specie vegetali, animali e dell'uomo che ne fa di tutti i colori senza rispetto per la vita.
Tenero72 1 anno fa su tio
Purtroppo, molti di quei prodotti pieni di pesticidi, coltivati in quei paesi, arriva comunque sulle nostre tavole.
SosPettOso 1 anno fa su tio
@Tenero72 Per te dunque il fatto che pur di lucrare le nostre multinazionali avvelenino scientemente le persone più sfortunate del pianeta non sarebbe un problema. Il problema sarebbe solo che ci arrivano i prodotti con i pesticidi, e magari pure qualche "finto asilante" che non ha nessun motivo di scappare... con tutta la buona roba che gli abbiam fatto avere. Commento da pelle d'oca.
sedelin 1 anno fa su tio
@Tenero72 eh sì, peccato che i primi a subire siano i coltivatori del "terzo mondo".
Tenero72 1 anno fa su tio
@sedelin Hai ragione
Tenero72 1 anno fa su tio
@SosPettOso non é quello che ho scritto! Leggi bene l’articolo!
Giovanii 1 anno fa su tio
Chissà se c'è dietro a tutto questo c'è lo zampino della Monsanto.
SosPettOso 1 anno fa su tio
@Giovanii Perché pensare a Monsanto quando la nostra Syngenta fa da esempio con il Paraquat?
pontsort 1 anno fa su tio
Il fatto é, che quando si vieta l'utilizzo di un prodotto se ne dovrebbe vietare anche la produzione e la commercializzazione
pontsort 1 anno fa su tio
Il fatto é che spesso se ne vieta semplicemente l'utilizzo da noi, ma se un prodotto é pericoloso se ne dovrebbe vietare pure la produzione e la commercializzazione
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
LIVE
Omicron ha una variante “occulta” che la rende difficile da tracciare
In Austria ospedali allo stremo, in Spagna si vaccinano i bambini e l'Oms ragiona sull'obbligo vaccinale
GERMANIA
16 ore
Dalla paura alla strage, così si è svolto il dramma di Brandeburgo
Una coppia e i loro tre bambini sono stati trovati morti in casa nel fine settimana
EGITTO
18 ore
Patrick Zaki sarà scarcerato (ma non assolto)
La conferma oggi da parte delle autorità egiziane che confermano come il processo si farà, ma a febbraio 2022
STATI UNITI
20 ore
Quel processo da 50 miliardi al sedicente creatore dei Bitcoin
Si è tenuto a Miami e ha visto sul banco degli imputati un informatico australiano 46enne che sostiene di averli creati
LE FOTO
FRANCIA
23 ore
L'esplosione e poi il crollo, in piena notte
All'origine del crollo, informano i pompieri, potrebbe esserci stata una fuga di gas
MONDO
1 gior
Covid, l'Oms "boccia" il plasma dei convalescenti
La terapia «non incrementa le chance di sopravvivenza né riduce la necessità di ricorrere alla ventilazione meccanica»
REGNO UNITO
1 gior
«Facebook ha lucrato sul genocidio dei Rohingya»
Lo sostiene una doppia class action che chiede al social di Zuckerberg 150 miliardi di dollari
Francia
1 gior
Ordinano stupri online, è la nuova frontiera del turismo sessuale
Chi paga questo "servizio" è nel 100 per cento dei casi un uomo e non è escluso che sia un padre di famiglia
ITALIA
1 gior
Brevettato il "trucco" per ingannare il coronavirus
I risultati di uno studio italiano. Basato sull'uso di aptameri, potrebbe essere il primo tassello di un nuovo farmaco.
LA FOTO
STATI UNITI
1 gior
La foto di Natale con i fucili d'assalto che fa discutere gli USA
L'albero addobbato, la famiglia riunita, e i... fucili d'assalto. Un'immagine che ha provocato una marea di polemiche
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile