Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STF (JIM LO SCALZO)
+13
STATI UNITI
28.08.20 - 21:030
Aggiornamento : 22:14

Il padre di Blake in testa al corteo e quell'urlo contro il razzismo

Nel 57esimo anniversario del discorso "I Have a Dream" 50'000 americani hanno sfilato a Washington per i diritti civili.

Il padre di Jacob: «Mio figlio è in un letto di ospedale e lo tengono ammanettato». Il figlio di Martin Luther King: «Quando è troppo è troppo»

WASHINGTON - In testa al corteo c'è il padre di Jacob Blake, il giovane afroamericano rimasto paralizzato dopo che a Kenosha, in Wisconsin, un poliziotto gli ha esploso sette colpi di pistola alla schiena: «Mio figlio è in un letto di ospedale e lo tengono ammanettato» (dopo questa dichiarazione a Jacob Blake sono poi state tolte le manette, vedi box), il racconto shock dell'uomo, arrivato a Washington per la marcia antirazzista organizzata per ricordare il 57esimo anniversario dell'iconico discorso "I Have a Dream" di Martin Luther King.

Dalla quale si è levato ancora una volta un grido di rabbia e frustrazione per le troppe vite recise da una polizia oramai sotto processo in tutta America.

«Quando è troppo è troppo», ha scandito Martin Luther King III, figlio maggiore di Mlk, prendendo la parola insieme al pastore Al Sharpton, leader indiscusso della black community. Imponenti misure di sicurezza, Casa Bianca blindata, obbligo di mascherina e distanziamento sociale, in 50 mila si sono radunati lungo il National Mall, davanti al palco sistemato sulle gradinate del Lincoln Memorial, proprio come in quel lontano 28 agosto 1963. Allora una folla enorme segnò la svolta nella lotta per i diritti civili. Oggi, nonostante i numeri ridotti a causa della pandemia, la speranza del movimento è quella di recuperare lo «spirito del 63», per avviare una stagione in cui l'America faccia definitivamente i conti con una questione razziale mai completamente risolta.

In tempi di campagna elettorale le divisioni politiche non aiutano. Da una parte il mantra del "law and order" ripetuto ossessivamente da Donald Trump, dall'altra un partito democratico schierato con le proteste ma dove l'ala sinistra si spinge a chiedere anche un drastico taglio dei fondi alla polizia, posizione avversata anche dal candidato democratico alla presidenza Joe Biden. C'è comunque un punto di partenza che accomuna le varie anime del movimento: varare una profonda riforma, a partire dalla formazione e dall'addestramento degli agenti.

In Congresso c'è già pronta la "George Floyd Justice in Policing Act", sostenuta dai democratici e dal Congressional Black Caucus che riunisce deputati e senatori afroamericani. Un testo che riscrive a fondo anche il codice di condotta degli agenti per limitare al massimo le violazioni dei diritti civili e i comportamenti discriminatori basati su motivi razziali. Se il 3 novembre i dem torneranno alla Casa Bianca e, come spera il partito, torneranno a conquistare il Senato, la strada sarà in discesa.

Ma se Trump sarà rieletto difficile pensare a una vera svolta in tempi brevi, con il presidente che nel discorso di accettazione della nomination celebrando il ruolo dei poliziotti eroi non ha mai citato il nome di Jacob Blake, o quello di George Floyd.

Quando la marcia è partita dal Lincoln Memorial in direzione del vicino Martin Luther King Memorial, a sfilare c'erano invece alcuni familiari di 'Big Floyd', e poi quelli di Breonna Taylor, la giovane afroamericana uccisa dalla polizia mentre dormiva nella sua abitazione a Louisville, in Kentucky. E ancora quelli di Eric Garner, soffocato da una presa al collo degli agenti a New York.

Lo slogan è «Get your knees off our necks», via le vostre ginocchia dal nostro collo, riferito alla pratica spesso usata dagli agenti per immobilizzare le persone fermate: come accaduto a Floyd, morto soffocato. «I can't breath», non posso respirare, l'altro slogan più gettonato. Difficile che Trump lo abbia ascoltato, lasciando la Casa Bianca alla volta del New Hampshire per riprendere la campagna elettorale dopo le fatiche della convention.

Jacob Blake non è più in manette - Jacob Blake, l'afroamericano ferito alla schiena da un poliziotto e rimasto paralizzato, non è più in manette nel suo letto di ospedale. Lo riporta la Cnn. Il padre di Blake in una intervista aveva denunciato come il figlio, nonostante le gravi condizioni e l'impossibilità di muoversi, fosse ancora ammanettato. Secondo quanto si apprende anche i poliziotti che piantonavano la stanza del ricovero sono stati richiamati.

Tutti i capi d'imputazione nei confronti di Blake, inoltre, sono caduti. Il ventinovenne, a cui un agente ha sparato ben sette colpi di pistola alla schiena, è ora cosciente e incontrando i suoi familiari, ha raccontato il legale della famiglia, ha pianto.

keystone-sda.ch / STF (JIM LO SCALZO)
Guarda tutte le 17 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 anno fa su tio
Trump pensaci tu!
sedelin 1 anno fa su tio
trump in manette!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
CANADA
2 min
Si aggira con un fucile vicino a una scuola, ucciso dagli agenti
Ampio dispiegamento di polizia quest'oggi a Toronto: un uomo armato ha creato il panico
STATI UNITI
29 min
Il marito dell'insegnante eroica è morto «dal troppo dolore»
Un attacco cardiaco ha stroncato il marito di Irma García, a soli due giorni dalla sparatoria
UCRAINA:SEGUI IL LIVE
LIVE
Ecco i "bestioni" statunitensi diretti verso Kiev
Biden starebbe preparando l'invio di alcuni MLRS (lanciarazzi multipli) all'Ucraina
MONDO
1 ora
Se il riscaldamento globale ti raggela la camera da letto
L'aumento delle temperature potrebbe avere un'influenza sulla riproduzione della specie umana. L'allarme degli esperti
VERBANIA
10 ore
Errori umani e una fune vecchia
L'inchiesta tecnica sulla tragedia del Mottarone ha portato i primi risultati, a un anno dall'evento
UCRAINA
11 ore
A Mariupol i bambini vengono "de-ucrainizzati"
La denuncia di Kiev: nella città conquistata dai russi è partita la propaganda di massa, anche nelle scuole
UCRAINA
13 ore
I destini paralleli delle fabbriche-bunker in Ucraina
Prima la Azovstal a Mariupol, ora la Azot di Severodonetsk
PERÙ
16 ore
Violenta scossa di terremoto in Perù: magnitudo 7.2
La popolazione è scesa in strada temendo scosse di assestamento
STATI UNITI
17 ore
«È morta a 10 anni, cercando di salvare i suoi compagni»
Mentre si ricostruiscono le azioni dell'omicida di Uvalde, il dolore dei famigliari delle vittime rimbomba nel mondo
INDIA
19 ore
Cinque ore bloccati sull'aereo, senza nessuna informazione
L'ira dei passeggeri che ieri dovevano volare con SpiceJet: «Ci hanno detto solo che c'era un server rotto»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile