Keystone
GERMANIA
10.08.20 - 06:300
Aggiornamento : 09:37

Ridurre l'imposta di culto per tamponare l'emorragia di giovani fedeli?

La proposta arriva dal presidente delle Chiese evangeliche tedesche. Sia cattolici sia evangelici, però, sono scettici.

BERLINO - I giovani lasciano la Chiesa per evitare di pagare l’imposta di culto? E se non dovessero pagarla o dovessero corrispondere un importo ridotto rimarrebbero più volentieri nei registri parrocchiali? Sono queste, in estrema sintesi, le domande attorno alle quali ruota il dibattito scatenato in Germania dal presidente del Consiglio delle Chiese evangeliche tedesche, Heinrich Bedford-Strohm.

In un’intervista con la Welt, il vescovo bavarese si è chiesto in particolare se potesse essere «sensato» ridurre o rimandare la riscossione dell’imposta di culto per quei giovani che abbiano appena iniziato a lavorare. L’obiettivo: contenere l’emorragia di fedeli che interessa la Chiesa evangelica e quella cattolica. I giovani adulti, del resto, rappresentano una sfida per entrambe le confessioni, ha sottolineato.

La sua proposta, però, non ha fatto l’unanimità. Come riporta lo stesso quotidiano, la conferenza episcopale cattolica tedesca ha sottolineato che non c’è «alcuna riflessione» in corso in merito a una possibile riduzione dell’imposta di culto per i neo lavoratori. Tra i protestanti, invece, anche il vescovo della più grande Chiesa statale, quella di Hannover, si è detto «scettico riguardo alla possibilità che il modello dell’imposta di culto possa davvero cambiare qualcosa nelle statistiche di abbandono» delle Chiese.

Nel 2019, più di mezzo milione di persone hanno lasciato la Chiesa cattolica e quella evangelica in Germania. Un’emorragia di fedeli che potrebbe cambiare di molto i bilanci di queste istituzioni religiose. Nello stesso anno, infatti, dalle imposte di culto incassavano ancora la cifra record di 12,7 miliardi di euro (quasi 14 miliardi di franchi).

A seconda del luogo di residenza, l’imposta di culto si aggira tra l’8% e il 9% dell’imposta sul reddito. Secondo un esempio fornito dall’Arcidiocesi di Colonia, una persona celibe o nubile e senza figli con un reddito lordo di 2’000 euro al mese deve aspettarsi di pagare 15,64 euro al mese. Sarebbe invece esente se sposato/a o con figli. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
48 min
Trump nomina Amy Coney Barrett giudice della Corte Suprema
La decisione sposta ancora più a destra la massima istanza giudiziaria statunitense.
BIELORUSSIA
4 ore
In più di 90 in manette dopo le manifestazioni anti Lukashenko
La maggior parte delle persone fermate sono donne. In centinaia hanno preso parte ai raduni a Minsk.
REGNO UNITO
7 ore
Proteste anti-confinamento: manifestanti e polizia si scontrano
Almeno tre dimostranti e quattro agenti sono rimasti feriti a Londra.
STATI UNITI
9 ore
La Florida toglie le restrizioni a bar e ristoranti
Sarà inoltre proibito multare chi non indossa la mascherina o non osserva il distanziamento sociale
FRANCIA
10 ore
Attacco a Parigi, l'aggressore: «Non sopportavo le caricature di Maometto»
Il 18enne pachistano ha «riconosciuto» e «rivendicato» il suo atto. Pensava di attaccare Charlie Hebdo
REGNO UNITO
14 ore
Londra in allerta per le manifestazioni anti-Covid
La polizia ha fatto sapere che «non tollererà violenze»
STATI UNITI
15 ore
Trump ha scelto la sostituta del giudice Ginsburg
L'annuncio della Casa Bianca è atteso nelle prossime ore
ITALIA
15 ore
A un mese dal contagio, è ancora Covid-positivo
Il Cavaliere settimana prossima compierà gli anni, ma per lui nessuna super festa
FOTO
UCRAINA
1 gior
Precipita un aereo della scuola d'aviazione militare: almeno 22 i morti
Il velivolo stava rientrando al vicino aeroporto quando qualcosa è andato storto, Zelensky: «È una tragedia»
FRANCIA
1 gior
Parigi, fermate altre 5 persone: «È un atto terroristico islamista»
La dura condanna del ministro degli Interni Gerald Darmanin, arrestati 3 coinquilini del 18enne: «Non era radicalizzato»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile