Keystone
LIBANO
07.08.20 - 20:170

Esplosione a Beirut, nessuna ipotesi è esclusa

Richieste le immagini satellitari per fare luce sulla dinamica del disastro che ha colpito la capitale libanese

BEIRUT - Spunta anche l'ipotesi di «un missile o una bomba», accanto a quella della «negligenza», tra le possibili cause del disastro di Beirut. Ad affermarlo, mentre continua a montare la rabbia popolare contro le autorità, è il presidente libanese Michel Aoun, che aggiunge di avere chiesto al suo omologo francese Emmanuel Macron le immagini satellitari necessarie a fare chiarezza sulla dinamica dei tragici eventi.

Ma ciò, avverte Aoun, dovrà avvenire attraverso un'inchiesta tutta libanese e non internazionale, che invece era stata chiesta giovedì dallo stesso Macron durante una visita in Libano, oltre che da diversi politici locali.

Hezbollah si smarca - Dopo tre giorni dalla gigantesca esplosione, che ha provocato almeno 157 morti e più di 5'000 feriti, si fa sentire anche Hezbollah per escludere ogni sua responsabilità anche indiretta. In un atteso discorso televisivo, Hasan Nasrallah, il capo del Partito di Dio filo-iraniano che dispone di una forza militare superiore a quella dell'esercito regolare, ha negato che le sue milizie avessero un deposito di armi nel porto.

Un'eventualità sollevata da più parti negli ultimi giorni, specie da chi, dicendo di avere sentito rumore di aerei prima dell'esplosione, aveva ipotizzato un raid israeliano finito male. Anche Israele aveva subito negato ogni responsabilità, sebbene il primo ministro Benyamin Netanyahu due anni fa avesse denunciato all'Onu la presenza di un deposito di missili appartenente a Hezbollah proprio nel porto.

«Non è accettabile sfruttare questo incidente» - Un discorso dai toni molto prudenti quello di Nasrallah, consapevole della necessità di salvaguardare la pace anche con le fazioni rivali - tra l'altro alleate nel governo - di fronte alla reazione inferocita della popolazione, stanca di un sistema politico giudicato corrotto e clientelare. «Non è accettabile sfruttare a scopi politici o settari questo incidente, che ha colpito tutti», ha detto il capo di Hezbollah. «Tutte le parti politiche dicono che l'esercito libanese è l'unica istituzione del paese su cui c'è piena fiducia... bene, che sia allora l'esercito a condurre l'inchiesta», ha proposto.

Scontri tra manifestanti e autorità - Difficilmente ciò basterà a calmare la piazza, dopo scontri tra manifestanti e polizia avvenuti durante la notte in un'area tra le più presidiate dalle forze dell'ordine, davanti al Parlamento. Venti feriti è il bilancio degli incidenti, che hanno visto gli agenti sparare candelotti lacrimogeni contro manifestanti che lanciavano pietre e altri oggetti, tra cui i detriti della distruzione causata dalla deflagrazione. Ma il giorno più difficile per le autorità sarà sabato, quando è atteso un grande raduno di protesta sulla Piazza dei Martiri promosso da diversi gruppi anti-governativi. Molti attivisti, muniti di megafoni e distribuendo volantini, hanno percorso le strade dei quartieri devastati per fare appello a una mobilitazione di massa.

A placare la rivolta non sono bastati finora i 16 arresti di cui si è avuta notizia finora, fra cui quello di Hasan Koraytem, direttore generale del porto, dove sono saltate in aria le 2'750 tonnellate di nitrato di ammonio che vi giacevano da anni. La magistratura, inoltre, ha disposto il congelamento dei conti bancari di sette persone, fra le quali il capo delle dogane, Badri Daher. Quest'ultimo, tuttavia, aveva detto nei giorni scorsi che ben sei lettere erano state inviate - l'ultima nel 2017 - allo stesso apparato giudiziario per chiedere di fare rimuovere la pericolosa sostanza, ma che nessuna risposta è mai arrivata. Una ricostruzione che sembra avvalorata da un'inchiesta della Cnn, secondo la quale le autorità della dogana avvertirono appunto tra il 2016 e il 2017 un giudice. Quest'ultimo e i suoi successori, secondo i documenti visionati dall'emittente, avrebbero risposto a più riprese che dovevano appurare se la questione «ricadesse sotto la loro giurisdizione».

L'Interpol, intanto, ha annunciato che su richiesta delle autorità libanesi invierà a Beirut una squadra specializzata nell'identificazione dei cadaveri, per cercare di dare un nome ai resti non ancora riconosciuti.

TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
«I palazzi non vengono giù da soli»
Sotto le macerie del condominio crollato a Miami Beach sono sepolti diversi misteri. E non si sa quante persone
GERMANIA
5 ore
L'ultimo discorso di Angela
La cancelliera tedesca ha parlato al Bundestag per l'ultima volta (forse). Un addio dopo 16 anni
REGNO UNITO
6 ore
Malato di Covid per 10 mesi consecutivi
Dave Smith ha avuto 42 test PCR positivi ed è stato ricoverato sette volte, ma è ancora vivo
UNIONE EUROPEA
7 ore
Orban marcato stretto a Bruxelles per la legge “omofoba”
I leader uniti: «Posizioni incompatibili con l'Ue», lui però si difende: «È pensata per difendere bambini e famiglie»
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
7 ore
«Ci stiamo preparando a ricevere cattive notizie»
Le operazioni di soccorso dopo il crollo della palazzina in Florida potrebbero proseguire per una settimana.
ETIOPIA
9 ore
Bombardato un mercato, muoiono in 64, colpiti anche diversi bambini
Un nuovo massacro di innocenti nel Tigray, ma l'Esercito nega: «Erano ribelli travestiti da civili»
FOTO
STATI UNITI
12 ore
Dalle macerie di Miami estratta la prima vittima
I soccorsi ancora al lavoro dopo il crollo nella notte di un palazzo di 12 piani a Miami Beach
STATI UNITI
13 ore
Quelle tracce del Covid prima del dicembre 2019 pubblicate sul Cloud
Erano state postate e poi cancellate da un team cinese, uno studioso americano però le ha ritrovate
FOTO
STATI UNITI
16 ore
Crolla un palazzo a Miami Beach: «È stato prima come una bomba e poi come un terremoto»
Soccorsi sul posto in forze, si temono diverse vittime ma non è ancora chiaro come sia capitato
STATI UNITI
18 ore
«Chiedo scusa... Me ne vergogno»
Una 49enne dell'Indiana si è mostrata pentita davanti al giudice
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile