Immobili
Veicoli
Amnesty International
Una ragazza nel campo di Khakhe, vittima di abusi da parte dello Stato islamico.
IRAQ
30.07.20 - 06:290

L'odissea dei bambini Yazidi nelle grinfie dell'ISIS, tra atrocità e abbandono

I giovani, in uno stato psicofisico inquietante, non vengono più accolti nelle loro comunità

L'allarme è lanciato da Amnesty International, che invita le autorità nazionali e la comunità internazionale a fare il possibile per sostenerli

SINJAR - Rapiti, torturati, violentati e costretti a combattere tra le fila dell'ISIS.

È ciò che hanno passato quasi 2'000 bambini Yazidi, che si sono ricongiunti alle proprie famiglie dopo essere stati tenuti prigionieri dallo Stato islamico (ISIS). Tornati dai propri cari, i bimbi sono però in uno stato psicofisico inquietante, che include malattie, lesioni, stress post-traumatico, ansia e depressione.

L'avvertimento arriva da un nuovo rapporto pubblicato da Amnesty International: Legacy of Terror: The Plight of Yezidi Child Survivors of ISIS. «Questi bambini hanno bisogno di un sostegno urgente da parte delle autorità nazionali in Iraq e della comunità internazionale per costruire il loro futuro», ha dichiarato Matt Wells, vicedirettore del programma Crisis Response Amnesty International.

«Sopravvissuti a crimini orribili, questi ragazzi devono ora affrontare un'eredità segnata dal terrore. La loro salute fisica e mentale deve essere una priorità negli anni a venire per far sì che possano reintegrarsi completamente nelle loro famiglie e nella comunità» ha spiegato Wells.

Le testimonianze - Sahir*, un giovane reclutato all'età di 15 anni, ha detto ad Amnesty: «Sono stato costretto a combattere. Ho dovuto farlo o sarei morto. Non avevo altra scelta. Era fuori dal mio controllo. Per sopravvivere, ho combattuto. È la cosa peggiore che possa accadere a una persona, la più degradante... [Dopo essere tornato dalla prigionia] avevo solo bisogno che qualcuno si prendesse cura di me, mi sostenesse e mi dicesse: "Sono qui per te"... Questo è quello che cercavo, e non l'ho mai trovato».

Anche Randa*, una quattordicenne che è stata prigioniera dell'ISIS per cinque anni, si è confidata: «Ero una bambina quando mi hanno fatto sposare. Mi hanno fatto soffrire. Voglio che il mio futuro sia migliore. Voglio che lo Stato Islamico risponda di quello che mi hanno fatto». Amnesty ha scoperto che i servizi esistenti per le sopravvissute alle violenze sessuali hanno in gran parte trascurato le ragazze. «Queste bambine sono state sistematicamente sottoposte ai peggiori orrori sotto l'ISIS, e ora sono state lasciate a raccogliere i cocci da sole» ha detto Wells.

Il rifiuto delle comunità - Un altro problema è che i giovani Yazidi sono spesso isolati al loro ritorno, poiché le famiglie e le comunità faticano ad accettare ciò che hanno vissuto durante la prigionia. Un problema aggravato dall'intensa attività di propaganda perpetrata dall'ISIS, intesa a cancellare le loro precedenti identità, lingua e cultura. In aggiunta, il quadro giuridico iracheno impone che un figlio di padre "sconosciuto" debba essere registrato come musulmano (e gli Yazidi sono molto legati alla loro religione). 

Diverse donne intervistate da Amnesty hanno raccontato le pressioni ricevute, venendo costrette o addirittura ingannate per abbandonare i propri figli. Janan*, 22 anni, ha detto: «Voglio dire [alla nostra comunità] e a tutti nel mondo, per favore accettateci e accettate i nostri figli... Non volevo avere un figlio da queste persone. Sono stata costretta con la forza ad avere un figlio. Non chiederei mai di riunirmi a suo padre, ma ho bisogno di essere riunita con mio figlio».

Amnesty International chiede ora alle organizzazioni internazionali di dare priorità al processo di reinsediamento o di trasferimento umanitario di queste donne e bambini. «In vista del sesto anniversario dell'assalto dell'ISIS contro gli Yazidi, le autorità nazionali in Iraq e la comunità internazionale devono fare tutto il possibile per assicurare un pieno risarcimento per le violazioni dei diritti di questi bambini, e per fornire loro il sostegno a cui hanno diritto», ha concluso Matt Wells.

*I nomi dei giovani stati cambiati per proteggere l'identità degli intervistati.

La comunità Yazidi 

Gli yazidi sono una comunità, con una religione propria, all’interno dell'etnia curda. Vivono principalmente nell'area attorno alla città di Sinjar, nel nord dell’Iraq. Secondo un articolo pubblicato sulla rivista scientifica Plos medicine, la popolazione attiva sarebbe di circa 400'000 persone.

La religione yazida consiste in un Dio accompagnato da sette angeli creatori, tra cui Melek Taus, l'angelo ribelle. Il ruolo di rilievo dell'angelo ribelle ha fatto sì che per i turchi gli yazidi diventassero «gli adoratori del diavolo». Gli yazidi non accettano i matrimoni con persone di una religione diverse e non tollerano le conversioni (pena: l'espulsione dalla comunità).

 Tra il 2014 e il 2017, lo Stato Islamico ha commesso crimini di guerra, crimini contro l'umanità, e, secondo l'Onu, un genocidio contro la comunità Yazidi in Iraq.

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Shion 1 anno fa su tio
Satana vive su questo pianeta, e l'uomo si vende sempre ancora e volentieri a lui.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
SLOVACCHIA
1 ora
Il fiume s'è fatto arancione: «I pesci stanno morendo»
Il chirurgo locale Tibor Varga: «Ho assistito alla lenta morte della fauna selvatica» a causa di ferro e zinco
MONDO
3 ore
Turkmenistan, l'ultimo "zero" della pandemia
Incredibile ma soprattutto improbabile. Il Paese asiatico è l'unico a non aver mai confermato un solo caso di Covid-19
ITALIA
6 ore
Tragedia del Mottarone, «ci hanno abbandonati»
A un anno dallo schianto di una cabina della funivia con 15 persone a bordo, la commemorazione e la prima udienza
TAIWAN
9 ore
«Difenderemo Taiwan, in caso di invasione cinese»
Lo ha dichiarato il Presidente statunitense Joe Biden durante la sua visita in Giappone
MONDO
12 ore
Siamo «a un singolo incidente dalla apocalisse»
L'Ucraina è il terreno sul quale si sta consumando la «sfida finale» tra Mosca e Washington
ITALIA
12 ore
La strage di Capaci, trent'anni di buchi neri
Il 23 maggio 1992 moriva Giovanni Falcone, ucciso con la moglie e gli agenti della scorta in un attentato da Cosa nostra
CINA
22 ore
Ripartono i trasporti pubblici a Shanghai
Molti viaggiatori si sono equipaggiati con mascherine, camici e guanti
FOTO E VIDEO
BANGLADESH
1 gior
Le alluvioni devastano il Bangladesh
Almeno una sessantina le vittime. Danneggiati anche i campi destinati all'agricoltura
MONDO
1 gior
Vaiolo delle scimmie: i casi sono una novantina in 14 nazioni
L'insolita diffusione del virus, noto da tempo, ha allertato le autorità e l'Oms che monitora la situazione
BELGIO / SPAGNA
1 gior
Il festival fetish, la sauna e il Pride: alla ricerca delle origini del vaiolo delle scimmie
Autorità sanitarie al lavoro per ricostruire la catena dei contagi
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile