Keystone
BRASILE
13.07.20 - 15:400

L'esercito «è complice del genocidio» del coronavirus

Durissima la dichiarazione di Gilmar Mendes contro le forze armate brasiliane

BRASILIA - Dura presa di posizione del giudice della Corte suprema brasiliana, Gilmar Mendes, contro le forze armate: secondo il togato l'esercito è «complice del genocidio» messo in pratica dalla politica adottata dal governo di Jair Bolsonaro per combattere la pandemia da coronavirus.

«Va detto chiaramente che l'esercito si sta associando a questo genocidio, non è ragionevole, è necessario porre fine a tutto ciò», ha detto Mendes, criticando la gestione del generale Eduardo Pazuello, ministro ad interim della Sanità.

«Ho assoluto rispetto per le Forze armate, ma non mi astengo dal criticare la loro scelta di occupare il ministero della Sanità. La politica sanitaria deve essere pensata da specialisti, è una situazione che va rivista per il bene delle Forze armate e della salute del Brasile», ha scritto il magistrato sui social.

Le parole di Mendes - uno dei più anziani e autorevoli tra gli undici giudici della Corte suprema, non nuovo a dichiarazioni particolarmente polemiche - sono state accolte con una certa irritazione dai vertici militari, secondo i media locali.

Senza citare l'alto magistrato, il ministro della Difesa, generale Fernando Azevedo e Silva, ha affermato in una nota che «le forze armate hanno agito direttamente nella lotta contro il coronavirus sin dall'inizio della pandemia per garantire il benessere di tutti i brasiliani».

Il ministero della Sanità brasiliano si trova da quasi due mesi senza un titolare ufficiale. I ministri precedenti, l'ortopedico Luiz Henrique Mandetta e l'oncologo Nelson Teich, si sono dimessi per divergenze di vedute con Bolsonaro.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
BANGLADESH
1 ora
Studente ucciso, condannate a morte 20 persone
Il ragazzo fu aggredito a colpi di mazza nel 2019 per aver criticato il governo
MONDO
LIVE
Casi di Covid stabili nel mondo, ma decessi in aumento
Scoperta una versione "occulta" della variante Omicron, la Svezia pensa a nuove misure
GERMANIA
20 ore
Dalla paura alla strage, così si è svolto il dramma di Brandeburgo
Una coppia e i loro tre bambini sono stati trovati morti in casa nel fine settimana
EGITTO
22 ore
Patrick Zaki sarà scarcerato (ma non assolto)
La conferma oggi da parte delle autorità egiziane che confermano come il processo si farà, ma a febbraio 2022
STATI UNITI
1 gior
Quel processo da 50 miliardi al sedicente creatore dei Bitcoin
Si è tenuto a Miami e ha visto sul banco degli imputati un informatico australiano 46enne che sostiene di averli creati
LE FOTO
FRANCIA
1 gior
L'esplosione e poi il crollo, in piena notte
All'origine del crollo, informano i pompieri, potrebbe esserci stata una fuga di gas
MONDO
1 gior
Covid, l'Oms "boccia" il plasma dei convalescenti
La terapia «non incrementa le chance di sopravvivenza né riduce la necessità di ricorrere alla ventilazione meccanica»
REGNO UNITO
1 gior
«Facebook ha lucrato sul genocidio dei Rohingya»
Lo sostiene una doppia class action che chiede al social di Zuckerberg 150 miliardi di dollari
Francia
1 gior
Ordinano stupri online, è la nuova frontiera del turismo sessuale
Chi paga questo "servizio" è nel 100 per cento dei casi un uomo e non è escluso che sia un padre di famiglia
ITALIA
1 gior
Brevettato il "trucco" per ingannare il coronavirus
I risultati di uno studio italiano. Basato sull'uso di aptameri, potrebbe essere il primo tassello di un nuovo farmaco.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile