Depositphotos (archivio)
MONDO
14.07.20 - 06:060
Aggiornamento : 10:28

Sì, ci sono ancora Paesi in cui il coronavirus "non esiste"

Sono una dozzina le nazioni che non hanno ancora riportato alcun caso ufficiale di contagio dall'inizio della pandemia

La lista include perlopiù stati insulari dell'Oceania. Ci sono però anche la Corea del Nord e il Turkmenistan, Paesi che non brillano per la trasparenza dei propri governi.

PYONGYANG - Può sembrare impossibile, ma a oltre sei mesi dall'inizio della pandemia di Covid-19 ci sono ancora dei Paesi in cui il coronavirus sembra non essere mai arrivato.

A livello globale il patogeno ha provocato ufficialmente oltre 13 milioni di infezioni dall'inizio dell'emergenza, con oltre 570mila vittime a essa legate. Ci sono però una dozzina di nazioni che fino ad oggi non hanno ancora riportato un singolo caso di contagio.

Per buona parte dei casi si tratta di stati insulari appartenenti all'Oceania, come le Isole Salomone, il regno di Tonga, Kiribati, Samoa, Tuvalu, Palau, le Isole Marshall e Vanuatu. Ma anche Nauru e gli Stati Federati della Micronesia. Zone estremamente isolate per natura e con una popolazione ridotta. Nella lista però sono presenti anche la Corea del Nord e il Turkmenistan, entrambi confinanti con Stati (rispettivamente la Cina e l'Iran) che hanno vissuto da molto vicino gli effetti della pandemia.

Pyongyang è stata una delle prime a chiudere i propri confini quando l'emergenza è scoppiata, poco dopo la metà dello scorso gennaio. Da quel momento il governo nordcoreano ha sempre dichiarato il Paese libero dal Covid. E proprio la scorsa settimana, il leader Kim Jong-un ha celebrato il «brillante successo» del Paese nell'aver «prevenuto« il «virus maligno» e «mantenuto una situazione stabile». Una situazione ritenuta poco probabile da parte degli analisti. Alcuni casi sono stati segnalati, ma mai confermati ufficialmente.

Anche il governo di Ashgabat è finito nel mirino di alcune ong internazionali, come Human Rights Watch, per la sua gestione dell'emergenza. Ufficialmente il contagio non esiste nel Paese asiatico, ma le autorità turkmene sono state accusate di aver messo in pericolo il proprio sistema sanitario negando, a fine giugno, l'esistenza di un presunto focolaio d'infezione e non promuovendo alcun distanziamento sociale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOTO
ITALIA
1 ora
Perché un ciclone ha investito la Sicilia: «Il Mediterraneo è sempre più tropicale»
Cosa si pensa che ci sia dietro al nubifragio che ha devastato Catania e che potrebbe protrarsi fino al fine settimana
TURKMENISTAN
5 ore
Doppio zero. Perché il Covid in Turkmenistan non esiste?
Ufficialmente non sono mai stati registrati casi o decessi. Ma per alcune fonti i morti sarebbero almeno 25'000.
STATI UNITI
13 ore
Ergastolo? El Chapo ha richiesto un nuovo processo
La difesa del narcotrafficante si sta battendo in particolare contro le condizioni di detenzione ai tempi delle udienze
Stati Uniti
16 ore
Ecco perché transizione green non è sinonimo di sicurezza sul lavoro
Dalle miniere di cobalto agli impianti di riciclaggio, passando per i pescatori: i diritti umani nell'economia verde
REGNO UNITO
18 ore
Danni fino a 18 miliardi di sterline da nuove misure anti-Covid
Per questo motivo il governo Johnson non prende in considerazione il Piano B (nonostante quello A non stia funzionando)
STATI UNITI
21 ore
«È uno sforzo coordinato per dipingere una falsa immagine di Facebook»
Per il Ceo della piattaforma social, l'azienda ha una «cultura aperta» e accoglie le «critiche in buona fede»...
CINA
1 gior
Vaccino ai bimbi dai tre anni e lockdown, la stretta cinese
Diversi focolai sono emersi dal 17 ottobre in diverse parti della Cina, a causa di alcuni turisti
MONDO
1 gior
«La salute deve diventare una priorità»
La lezione appresa dopo la pandemia è che il settore sanitario deve tornare al centro delle attività economiche
ITALIA
1 gior
Quella terza dose sempre più «scenario verosimile»
Con i contagi che rialzano la testa, è fra le misure tenute in considerazione, Brusaferro: «Ci faremo trovare pronti»
AFGHANISTAN
1 gior
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile