Keystone
Operaie al rientro in una fabbrica di Dacca
BANGLADESH / SVIZZERA
26.05.20 - 06:000

Il tessile in balia del coronavirus: «È difficile intravedere dei risvolti positivi in questa crisi»

In Bangladesh, la pandemia ha evidenziato le pecche di un'industria dell'abbigliamento malata: «Dev'esserci una svolta».

DACCA / LOSANNA - L’industria della moda è stata duramente colpita dall’emergenza coronavirus in Bangladesh, dove la produzione di indumenti per il mercato mondiale è un affare da 34 miliardi di dollari, rappresenta l’84% delle esportazioni e occupa 4,4 milioni di persone. 

A causa della chiusura delle fabbriche tessili per motivi sanitari e della cancellazione di almeno 3,1 miliardi di dollari di ordini da parte delle aziende di moda internazionali, le operaie (principalmente donne) di questo settore sono rimaste a decine di migliaia senza stipendio e in più di 1 milione hanno perso il lavoro. La riapertura degli stabilimenti a inizio maggio, inoltre, le sta esponendo a un pericolo accresciuto di contagio, con distanze sociali talvolta non rispettate e carenza di dispositivi di protezione, denuncia una recente inchiesta del Guardian.

Dalla Svizzera, Public Eye sottolinea come la pandemia di Covid-19 abbia evidenziato le criticità di questo settore in Bangladesh e in altri Paesi in via di sviluppo. L'organizzazione non governativa chiede alle case di moda internazionali maggiore responsabilità sociale verso i dipendenti delle fabbriche tessili che producono per loro: «Ad oggi, circa 21mila persone hanno firmato il nostro appello», fa sapere la portavoce Géraldine Viret. «Questa partecipazione dimostra che numerose persone in Svizzera si preoccupano anche delle sorti delle operaie tessili e vorrebbero che i marchi della moda svizzeri e internazionali agissero finalmente in maniera responsabile», aggiunge.

Il Bangladesh, conferma la responsabile, è uno dei Paesi più gravemente colpiti dalla crisi del coronavirus a livello d’impiego. Come ovunque, l’emergenza ha causato una riduzione delle attività «senza precedenti», ma in un Paese con scarse protezioni sociali e così dipendente da un singolo settore ciò ha avuto conseguenze più pesanti che altrove: «Le organizzazioni della società civile, i sindacati, ma anche i consumatori devono approfittare di questo momento di passaggio e fare di tutto per far evolvere le regole del gioco nella direzione di un sistema più solido, più giusto e più sostenibile», afferma Viret. 

La speranza che dall’emergenza coronavirus possa effettivamente uscire qualcosa di buono, però, per il momento resta limitata: «A questo stadio, è difficile intravedere dei risvolti positivi di questa crisi», ammette la portavoce di Public Eye. «Ciò che è chiaro è che ha messo in luce più che mai il malfunzionamento di un’industria della moda basata sullo sfruttamento di decine di milioni di persone e la fragilità delle catene di approvvigionamento», aggiunge.

Per quanto riguarda le protezione dal contagio al rientro in fabbrica, Public Eye è costretta a confermare un certo disinteresse per la salute delle operaie: «Secondo nostre informazioni, le misure sanitarie non sono rispettate, in particolare nei trasporti pubblici e all’entrata e all’uscita dagli stabilimenti», fa sapere Viret. «Gran parte delle operaie non si sente al sicuro a recarsi al lavoro, ma sono obbligate a farlo perché il pagamento del salario da parte dello Stato per aprile non copre che il 65% del salario minimo legale», aggiunge la responsabile. Quest’ultimo, con i suoi 91 franchi al mese (8’000 taka), «è già comunque insufficiente per coprire i bisogni di base», come lo sono gli stipendi corrisposti normalmente, in ogni caso generalmente inferiori ai 100 franchi al mese. 

Keystone
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
5 ore
Omicron sbarca negli Usa
Un primo caso registrato in California mette in allarme le autorità sanitarie. E anche la Borsa
STATI UNITI
7 ore
Astroworld: metà delle famiglie delle vittime rifiuta l'offerta di Travis Scott
Il rapper si era offerto di pagare le spese per i funerali dei giovani che hanno perso la vita durante il suo concerto
STATI UNITI
9 ore
Donald Trump positivo al Covid già prima del dibattito con Joe Biden?
È la tesi dell'ex-capo del personale della Casa Bianca che ne parla nel suo libro, per il magnate però sono «fake news»
FOTO
GERMANIA
12 ore
Un ordigno bellico è esploso a Monaco
Il bilancio è di quattro feriti, uno dei quali sarebbe in gravi condizioni. Il traffico ferroviario è stato bloccato
STATI UNITI
14 ore
Alice Sebold ha chiesto scusa all'uomo assolto dal suo stupro (40 anni dopo)
Il nome di Anthony Broadwater è finalmente pulito: non è più nel registro degli autori di reati sessuali
STATI UNITI
16 ore
«Il peggior incubo di ogni genitore»
È salito a tre morti e otto feriti il bilancio della sparatoria nel liceo di Oxford. Il racconto di un testimone
OLIVIERO TOSCANI
17 ore
«Timbri sui corpi come nei lager. Oggi i social sono la Auschwitz mentale»
Le sue foto sull'Aids hanno fatto il giro del mondo. Il fotografo italiano racconta quel periodo.
Stati Uniti
1 gior
Sparatoria in un liceo: tre morti e sei feriti
La polizia ha fermato il killer, si tratterebbe di un ragazzo di 15 anni
FOTO
STATI UNITI
1 gior
«Su quell'aereo ho trasportato diverse volte anche Bill Clinton»
Secondo giorno di processo per la vice di Epstein, alla sbarra il pilota della coppia: «Lei era chiaramente il numero 2»
AUSTRALIA
1 gior
In Parlamento, un dipendente su tre vittima di abusi sessuali
Il premier Scott Morrison ha commentato il rapporto: «Statistiche spaventose»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile