Immobili
Veicoli
Keystone
Operaie al rientro in una fabbrica di Dacca
BANGLADESH / SVIZZERA
26.05.20 - 06:000

Il tessile in balia del coronavirus: «È difficile intravedere dei risvolti positivi in questa crisi»

In Bangladesh, la pandemia ha evidenziato le pecche di un'industria dell'abbigliamento malata: «Dev'esserci una svolta».

DACCA / LOSANNA - L’industria della moda è stata duramente colpita dall’emergenza coronavirus in Bangladesh, dove la produzione di indumenti per il mercato mondiale è un affare da 34 miliardi di dollari, rappresenta l’84% delle esportazioni e occupa 4,4 milioni di persone. 

A causa della chiusura delle fabbriche tessili per motivi sanitari e della cancellazione di almeno 3,1 miliardi di dollari di ordini da parte delle aziende di moda internazionali, le operaie (principalmente donne) di questo settore sono rimaste a decine di migliaia senza stipendio e in più di 1 milione hanno perso il lavoro. La riapertura degli stabilimenti a inizio maggio, inoltre, le sta esponendo a un pericolo accresciuto di contagio, con distanze sociali talvolta non rispettate e carenza di dispositivi di protezione, denuncia una recente inchiesta del Guardian.

Dalla Svizzera, Public Eye sottolinea come la pandemia di Covid-19 abbia evidenziato le criticità di questo settore in Bangladesh e in altri Paesi in via di sviluppo. L'organizzazione non governativa chiede alle case di moda internazionali maggiore responsabilità sociale verso i dipendenti delle fabbriche tessili che producono per loro: «Ad oggi, circa 21mila persone hanno firmato il nostro appello», fa sapere la portavoce Géraldine Viret. «Questa partecipazione dimostra che numerose persone in Svizzera si preoccupano anche delle sorti delle operaie tessili e vorrebbero che i marchi della moda svizzeri e internazionali agissero finalmente in maniera responsabile», aggiunge.

Il Bangladesh, conferma la responsabile, è uno dei Paesi più gravemente colpiti dalla crisi del coronavirus a livello d’impiego. Come ovunque, l’emergenza ha causato una riduzione delle attività «senza precedenti», ma in un Paese con scarse protezioni sociali e così dipendente da un singolo settore ciò ha avuto conseguenze più pesanti che altrove: «Le organizzazioni della società civile, i sindacati, ma anche i consumatori devono approfittare di questo momento di passaggio e fare di tutto per far evolvere le regole del gioco nella direzione di un sistema più solido, più giusto e più sostenibile», afferma Viret. 

La speranza che dall’emergenza coronavirus possa effettivamente uscire qualcosa di buono, però, per il momento resta limitata: «A questo stadio, è difficile intravedere dei risvolti positivi di questa crisi», ammette la portavoce di Public Eye. «Ciò che è chiaro è che ha messo in luce più che mai il malfunzionamento di un’industria della moda basata sullo sfruttamento di decine di milioni di persone e la fragilità delle catene di approvvigionamento», aggiunge.

Per quanto riguarda le protezione dal contagio al rientro in fabbrica, Public Eye è costretta a confermare un certo disinteresse per la salute delle operaie: «Secondo nostre informazioni, le misure sanitarie non sono rispettate, in particolare nei trasporti pubblici e all’entrata e all’uscita dagli stabilimenti», fa sapere Viret. «Gran parte delle operaie non si sente al sicuro a recarsi al lavoro, ma sono obbligate a farlo perché il pagamento del salario da parte dello Stato per aprile non copre che il 65% del salario minimo legale», aggiunge la responsabile. Quest’ultimo, con i suoi 91 franchi al mese (8’000 taka), «è già comunque insufficiente per coprire i bisogni di base», come lo sono gli stipendi corrisposti normalmente, in ogni caso generalmente inferiori ai 100 franchi al mese. 

Keystone
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MEDIO ORIENTE
33 min
La neutralità della "Svizzera dell'Arabia" è sotto attacco
L'Oman si definisce neutrale, e intende tentare di risolvere qualsivoglia conflitto con colloqui di pace e diplomazia
GERMANIA
8 ore
Diversi governi hanno sfruttato la pandemia per opprimere i diritti umani
«Molti leader hanno usato la pandemia di Covid-19 come pretesto per ridurre la supervisione e la responsabilità»
ITALIA
10 ore
Quirinale, niente di fatto anche oggi
Le schede bianche sono state la costante anche della seconda votazione
GERMANIA
12 ore
Il 18enne che ha sparato ai compagni «avrebbe potuto fare una strage»
«Le persone devono essere punite» aveva scritto al padre via Whatsapp, pochi minuti prima
LE FOTO
OCEANO PACIFICO
18 ore
Tra gli aiuti diretti a Tonga, un focolaio di Covid
Sulla "HMAS Adelaide" della marina australiana ci sono 23 membri dell'equipaggio positivi al coronavirus
ITALIA
21 ore
Da Amadeus, a Vasco e Siffredi: i non "quirinabili" votati
Pioggia di schede bianche ieri a Montecitorio, ma non senza qualche nome curioso. E no, non è la prima volta.
COREA DEL NORD
23 ore
La Corea del Nord testa nuovi missili
Il Sud avvisa: «Dobbiamo condurre un'analisi dettagliata»
UCRAINA/RUSSIA
1 gior
Dalla «minaccia russa» all'«isteria europea», il confine è sempre più rovente
Stati Uniti e Regno Unito richiamano a casa i dipendenti delle ambasciate e la Nato manda rinforzi armati all'Ucraina
ITALIA
1 gior
Presidente della Repubblica italiana: nulla di fatto nella prima giornata di votazione
Le schede bianche sono state 672. Domani si ricomincia
MEDIO ORIENTE
1 gior
Missili verso Abu Dhabi, si infiamma lo scontro con gli Huthi
I ribelli dicono di aver colpito anche la zona di Dubai, dagli Emirati non giunge però nessuna conferma
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile