keystone-sda.ch (archivio)
ITALIA
23.04.20 - 21:060
Aggiornamento : 23:47

«Grazie per il Covid che tutti i giorni ci porti»

Il messaggio dei vicini a un'infermiera toscana. La condanna del presidente della Toscana: «Siamo tutti con lei»

CAPANNORI - Non può che lasciare l’amaro in bocca e un certo dispiacere quanto accaduto a Damiana Barsotti, un’infermiera di 48 anni, residente a Capannori, nella provincia di Lucca. La donna - come raccontano oggi i media italiani - dopo aver fatto ritorno a casa dal lavoro negli scorso giorni ha trovato nella propria buca delle lettere un messaggio di “ringraziamento” lasciato da qualche vicino. Ma di certo non era il tipo di ringraziamento che poteva aspettarsi.

«Grazie per il Covid che tutti i giorni ci porti in corte. Ricordati che ci sono anziani e bambini, grazie», si legge sul foglio, scritto grossolanamente al computer e abbandonato fra la posta. Senza ovviamente alcuna firma.

Damiana, che presta servizio da quasi 30 anni nel reparto malattie infettive dell’ospedale di Lucca, ha deciso di rendere pubblico l’accaduto, segnalandolo anche alle forze dell’ordine. «Non è che uno si aspetta un grazie, ma sinceramente ci sono rimasta male. Quel messaggio mi ha ferito. Mi sono sentita denigrata. Sanno che faccio l'infermiera e mai avrei pensato che mi prendessero di mira per il mio lavoro», ha raccontato.

Fortunatamente, la solidarietà non ha tardato a mostrarsi. La direzione aziendale, il dipartimento infermieristico e ostetrico dell'Asl Toscana nord ovest, così come il sindaco di Lucca (già ricoverato nelle scorse settimane per Covid-19) e lo stesso presidente della Regione Toscana Enrico Rossi hanno espresso - rispettivamente - parole di vicinanza per l’infermiera e di condanna per l’accaduto. «È una ferita per tutti i suoi colleghi e per tutti noi. Oggi voglio dire soprattutto che siamo tutti con Damiana», ha detto Rossi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Verbania 1 anno fa su tio
Questo caso non è così grave come quello dell’infermiera francese e famiglia costretti a traslocare dai padroni di casa, che abitavano sopra di loro. Le hanno tolto l’elettricità, l’acqua, la via cavo,... e altre angherie (rumore il mattino presto) per liberarsene. La famiglia ha trovato solo alloggi separati. Numerose in Francia anche queste lettere anonime, minatorie, tanto che la polizia ha invitato il personale sanitario a sporgere denuncia.
sedelin 1 anno fa su tio
il frutto dell'ignoranza alimentata dalla paura ma anche il frutto della paura alimentata dall'ignoranza.
Um999 1 anno fa su tio
@sedelin Questo è il frutto dell’ignoranza ben detto, aggiungerei magari del catastrofismo dell’informazione. Avrei una osservazione che non ho sentito in nessun servizio: ma sono tutti morti per COVID-19 le persone che sono venute a mancare? Nessuno per anzianità, nessuno per tumore o malattia rara? O ulteriori scenari che la vita ci riserva? Solo COVID-19? Come citava un caro amico mio: se scopriamo il vaccino del COVID-19 diventiamo immortali. Quindi rafforzo il tuo scritto: ignoranza pura al quadrato.
vulpus 1 anno fa su tio
@Um999 E quanti sono deceduti, senza che venissero contati nella tragica statistica?
Mattiatr 1 anno fa su tio
@Um999 In Svizzera l'aspettativa di vita è di circa 83,6 anni, quindi chi vive di più è un'eccezione alla regola? Chi tragicamente muore dopo questa età è a causa del virus o di una regolazione naturale? È giusto o sbagliato? Queste sono domande da porre alla singola moralità, che una volta era data dalla fede, ogni morto risorgeva in nuova vita. Oggi? Ogni morto è morto e basta? Dopo ci sarà qualcosa? Bisogna fare in modo di riscattare la morte con una vita migliore per chi sopravvive? Tante domande sulla quale in molti giocano, ma in pochi rispondono.
Mattiatr 1 anno fa su tio
@vulpus Harukichi Shimoi, il camerata samurai, noto per essere il giapponese che combatté tra le file italiane durante la seconda guerra mondiale scrisse poesie poi note sopra tutto durante il periodo fascista. Notava come i soldati provassero orgoglio nel morire per la patria, malgrado nessuno avrebbe mai ricordato il loro nome. Diciamo che una lezione che si può imparare è che chi è morto non resusciterà, ma bisogna far in modo che tale sacrificio non sia stato vano. Gli italiani hanno dovuto provarlo due volte prima di capirlo, a noi spetta fare in modo che ciò ci migliori come persone. È nostro dovere limitare i danni che questa situazione ci porterà, in tutti gli ambiti, per in futuro prepararci e poter superare di peggio. In fondo se qualcosa deve andar male, lo farà (oppure andrà peggio).
seo56 1 anno fa su tio
Cose da pazzi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Italia
8 ore
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Regno Unito
10 ore
Avevano torturato un bimbo fino alla morte, condannati
Arthur Labinjo-Hughes aveva solo sei anni. Il padre con la fidanzata gli hanno fatto subire «crudeli abusi»
GERMANIA
12 ore
Il picco delle terapie intensive è previsto per Natale
«Non si può perdere tempo, non bisogna perdere neppure un giorno» secondo il presidente del Robert Koch Institut
SUDAFRICA
15 ore
La quarta ondata si muove più velocemente delle precedenti
L'incidenza dei ricoveri dei bambini sotto i cinque anni di età è inferiore solamente a quella degli over 60
STATI UNITI
17 ore
Nove colpi di pistola ad un disabile, licenziato un agente di polizia
Il 61enne in sedia a rotelle brandiva un coltello, e si stava recando in un centro commerciale
Francia
19 ore
Si candida come presidente: YouTube lo oscura e i media lo denunciano
Il saggista di estrema destra ha violato i diritti di autore e d'immagine. In totale potrebbe dover pagare 400'000 euro
MONDO
20 ore
«Omicron aveva già fatto il giro del mondo»
La virologa dell'università di Berna Hodcroft: «Le restrizioni servono solo a prendere tempo»
SVIZZERA / MONDO
22 ore
Quegli svizzeri con le piantagioni "problematiche"
Public Eye denuncia la situazione gestita dagli uffici di Ginevra e Zugo, e punta il dito contro la politica svizzera.
STATI UNITI
23 ore
Jack Dorsey, tutti i volti del più atipico dei miliardari hi-tech
Un po' donnaiolo, un po' santone il co-fondatore di Twitter ha confermato il suo addio all'azienda. Vi raccontiamo chi è
AUSTRIA
1 gior
Il cancelliere austriaco vuole già dimettersi
Alexander Schallenberg si è detto pronto a lasciare l'incarico, appena due mesi dopo il predecessore Kurz
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile