Archivio Keystone
Archivio Keystone
MONDO
19.04.20 - 23:050

Ecco il clima che ci aspetta se non riduciamo le emissioni di gas serra

National Geographic ha creato una simulazione che mostra come sarà la terra fra 50 anni se non riduciamo le emissioni

Lugano sarà ancora più calda: avrà più pioggia d'inverno, ma meno precipitazioni in estate

WASHINGTON - Stare a Londra nel 2070 sarà come ci si trova oggi a Siena. Boston sarà come Bardwell, nel Kentucky, e Hanoi, la capitale del Vietnam, avrà un clima mai visto prima d'ora da nessuna parte del globo.

È ciò che mostra la simulazione realizzata da National Geographic, che illustra come sarà la terra fra 50 anni se non riducessimo le emissioni di gas serra. La simulazione, in cui potete osservare il cambiamento per qualsiasi città che vi interessa, è consultabile sul sito ufficiale dell'emittente.

Il gruppo ha analizzato 2'500 aree popolate in tutto il mondo per capire come cambieranno, dal punto di vista climatico, nei prossimi 50 anni. Come detto, Londra sembrerà più Siena, con una temperatura media più alta e maggiori precipitazioni estive. Ravenna passerà dall'essere in una zona temperata ad essere in un'area secca e arida.

Hanoi, Abu Dhabi, e altre 90 città in tutto il mondo vivranno invece un clima che non esiste attualmente da nessuna parte sulla Terra. Per quanto ci riguarda, si può trovare il dato di Lugano, che continuerà ad avere anche nel 2070 un clima piuttosto simile. Tuttavia, le temperature medie (sia invernali che estive) saranno più alte di circa 5°. Inoltre, le precipitazioni aumenteranno in inverno, ma caleranno in estate, e ci saranno più giorni con una temperatura più alta di 35 gradi.

In ogni caso, National Geographic sottolinea che l'impatto su Lugano e sulle altre città elvetiche sarà moderato: la Svizzera sarà capace ad adattarsi al cambiamento climatico meglio rispetto a molti altri Paesi. 

L'analisi si è basata su possibili scenari climatici futuri, legati all'aumento delle emissioni di gas serra, identificati dal Gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici. In questo caso è stato utilizzato e sviluppato lo scenario peggiore ("worst case scenario"), legato ad un aumento costante delle emissioni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GIGETTO 1 anno fa su tio
Io ho smesso di mangiare i fagioli borlotti alla sera proprio per via delle mie emissioni di gas serra.......
seo56 1 anno fa su tio
Ma va benissimo! Adoro il caldo.
Milite Ignoto 1 anno fa su tio
Vabbè cambia poco e niente da noi:-) avanti così ahahaha
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
2 ore
Ergastolo per i boss stragisti, ecco perché «è incostituzionale»
La Consulta ha depositato l'ordinanza con cui ha affermato l'incompatibilità della misura ideata da Giovanni Falcone
MONDO
3 ore
«La pandemia poteva essere evitata»
Lo si legge in un rapporto che analizza la risposta iniziale al contagio.
STATI UNITI
5 ore
Elon Musk: la sregolata vita di un genio eccentrico
Dal dottorato lampo alle gaffe, ai mille progetti, ritratto di un imprenditore tanto ammirato quanto criticato.
ISRAELE
8 ore
«Stiamo andando verso una guerra su vasta scala»
Continuano gli scontri tra Israele e il movimento palestinese Hamas. Fuoco su Gaza, Tel Aviv e Beersheba.
STATI UNITI
10 ore
Strage di Atlanta, l'accusa vuole la pena di morte
La procuratrice distrettuale, Fani Willis, intende perseguire Robert Aaron Long anche per crimini d'odio
CITTÀ DEL VATICANO
10 ore
«Qualcuno ha sparato al Papa». I retroscena quarant'anni dopo
Il 13 maggio 1981 il tiratore scelto Ali Agca colpiva con due proiettili il pontefice Giovanni Paolo II
FOTO
REGNO UNITO
16 ore
Arresti alla manifestazione contro il brevetto del vaccino AstraZeneca
L'azienda si difende: «Siamo orgogliosi che il nostro vaccino rappresenti il ​​98% di tutte le forniture a Covax»
GERMANIA
18 ore
Centri vaccinali tedeschi alle prese con quanti saltano la "fila": «Sono sempre più aggressivi»
Danno informazioni false per rientrare in un gruppo prioritario: «Purtroppo continua a non essere un'infrazione».
BIRMANIA
20 ore
100 giorni dopo, la «brutale repressione» non si ferma
L'ONU ha oggi nuovamente denunciato «la violenza persistente» in corso nel paese
INDIA
23 ore
I corpi nel Gange, un'altra triste "foto" dall'India
Stando agli abitanti, sarebbero stati gettati in acqua per via dell'impossibilità di cremarli
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile