Deposit
REGNO UNITO
27.03.20 - 15:160
Aggiornamento : 16:54

I cani potrebbero presto essere utilizzati per diagnosticare il coronavirus

Un'organizzazione è al lavoro per "catturare" l'odore dai pazienti per sottoporlo ai migliori amici dell'uomo

LONDRA - I cani hanno un ottimo olfatto, si sa. Vengono infatti utilizzati per ritrovare persone scomparse, fuggitivi, o sostanze pericolose. Sempre più spesso vengono anche impiegati per identificare alcune molecole legate a determinate malattie, come ad esempio alcuni tipi di cancro o il Parkinson. Ed è partendo da questi presupposti che l'organizzazione inglese "Medical Detection Dogs" ha aperto alla possibilità di allenare i propri cani per riconoscere i pazienti affetti dal coronavirus, grazie alla collaborazione con la London School of Hygiene and Tropical e la Durham University, lo stesso team che recentemente aveva collaborato per dimostrare che i cani possono rilevare la malaria. 

I migliori amici dell'uomo potrebbero essere addestrati in sei settimane, e saranno disponibili per prestare il loro lavoro verso la parte finale dell'epidemia. I cani potranno così aiutare a fornire una diagnosi rapida e non invasiva. Inoltre sono già in grado di rilevare lievi variazioni della temperatura della pelle umana, e potrebbero dunque individuare le persone con la febbre. 

L'organizzazione propone di introdurre l'utilizzo dei cani anche per identificare i viaggiatori provenienti da altri paesi o essere impiegati in spazi pubblici. 

«In linea di massima siamo sicuri che i cani possano rilevare il Covid-19. Stiamo ora cercando di trovare il modo per "catturare" l'odore del coronavirus dai pazienti e sottoporlo ai cani» ha affermato Claire Guest, ceo e co-fondatrice di Medical Detection Dogs. «L'obiettivo è che i cani siano in grado di controllare chiunque, comprese le persone asintomatiche, in modo da segnalarle. Sarebbe un metodo veloce, efficace e non invasivo, e farebbe sì che i test clinici vengano utilizzati solo dove sono realmente necessari». 

«I nostri lavori precedenti hanno dimostrato che i cani possono rilevare gli odori delle persone affette da malaria con estrema precisione, al di sopra degli standard dell'OMS. Sappiamo che altre malattie respiratorie come il Covid-19 cambiano l'odore del nostro corpo, quindi c'è un'alta possibilità siano in grado di rilevarlo. Questo nuovo "strumento diagnostico" potrebbe rivoluzionare la nostra risposta alla lotta contro il coronavirus» ha affermato il professore della London School of Hygiene & Tropical Medicine James Logan. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
1 ora
Così la finanza islamica sta conquistando il mondo
Niente speculazioni, rischi o astrazioni: le banche musulmane funzionano e convincono anche chi non lo è
ITALIA
5 ore
Da domenica si potrà tornare in Italia, senza quarantena (ma col tampone negativo)
A deciderlo un decreto firmato oggi da Speranza e che apre all'area Schengen
ITALIA
6 ore
Tutte le date delle riaperture in Italia
Da questa settimana fino all'estate, ecco cosa potrebbe cambiare e cosa si potrà tornare a fare
ITALIA
7 ore
Gregoretti, il giudice "assolve" Salvini: il fatto non sussiste
Non luogo a procedere per l'ex ministro, accusato di sequestro di persona di 131 migranti
REGNO UNITO
8 ore
Preoccupazione per la variante indiana, il Regno Unito vuole accelerare i richiami
Soprattutto nelle zone più colpite dal fenomeno. Non sono esclusi lockdown locali
STATI UNITI
10 ore
Le vittime della “sindrome dell'Avana” sarebbero almeno 130
Attacco con armi sperimentali a microonde oppure altro? La misteriosa “malattia” sarebbe più diffusa del previsto
ITALIA
13 ore
Sarà un'Italia quasi tutta "gialla"
Sono attesi per oggi i nuovi dati della Cabina di regia. In bilico rimane solo la Valle d'Aosta
FOTO E VIDEO
ISRAELE
19 ore
L'attacco di Israele, dall'aria e dalla terra
Oltre all'aviazione, mobilitato anche l'esercito, Netanyahu: «Andremo avanti finché sarà necessario».
STATI UNITI
21 ore
Negli Usa: siete vaccinati? «Potete tornare a fare le cose come prima»
Le nuove linee del CDC: niente più mascherine né distanziamento (salvo eccezioni) per chi ha completato la vaccinazione
STATI UNITI
21 ore
Ritardare la seconda dose, un'opzione che «può salvare vite»
Secondo una ricerca svolta negli USA, aspettare per la seconda dose potrebbe aiutare molti paesi a contenere il Covid.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile