keystone-sda.ch / STF (Domenico Stinellis)
STATI UNITI
25.03.20 - 13:220

Covid-19, uno studio punta il dito contro i farmaci per l'ipertensione

Le complicazioni potrebbero essere legate ai recettori Ace nelle basse vie respiratorie

NEW ORLEANS - I farmaci ace-inibitori e i sartani, usati da chi soffre di ipertensione e problemi cardiovascolari, potrebbero peggiorare l'andamento del Covid-19. Dopo settimane di supposizioni, uno studio della New Orleans School of Public Health, pubblicato sul Journal of Travel Medicine, punta il dito su questi farmaci come possibile spiegazione per le gravi complicazioni polmonari osservate in alcuni dei malati.

I coronavirus della Sars e Covid-19 si legano ai recettori Ace, che si trovano nelle basse vie respiratorie dei pazienti infettati, per farsi strada verso i polmoni. «I farmaci Ace-inibitori e i sartani sono indicati per i pazienti con malattie cardiovascolari, quali infarti, ipertensione, diabete e insufficienza renale cronica», spiega James Diaz, coordinatore dello studio. «Molti di quelli che sviluppano il Covid-19 sono anziani, che spesso prendono questi farmaci ogni giorno», continua. In un modello sperimentale da loro elaborato, i ricercatori mostrano un aumento del numero di recettori Ace2 nella circolazione cardiopolmonare dopo iniezioni per endovena di farmaci Ace-ibitori.

La possibile causa - «Poiché i pazienti trattati con questi farmaci hanno un aumento nei polmoni del numero di recettori Ace, a cui si lega la proteina S del coronavirus, potrebbero essere questi la causa del maggior rischio di complicazioni nei malati». Un'ipotesi che sarebbe supportata, scrive Diaz, da uno studio cinese condotto su 1099 pazienti con Covid-19 tra l'11 dicembre 2019 e il 29 gennaio 2020, da cui sono emersi più casi gravi della malattia nei pazienti ipertesi, con malattie coronariche, renali e diabete, a cui erano raccomandati questi farmaci.

Nei bambini no - A proteggere i bambini dal Covid-19 potrebbero invece essere due meccanismi: gli anticorpi protettivi prodotti dalle numerose infezioni del tratto respiratorio con i frequenti raffreddori e la minore quantità di recettori Ace nelle base vie respiratorie.

In attesa che questi dati vengano confermati, si invita chi soffre di malattie cardiovascolari a non interrompere i farmaci, ma ad evitare luoghi affollati e chi ha malattie respiratorie.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Corea del Sud
8 min
Per i sudcoreani Squid Game è tutti i giorni
La serie Netflix non si discosta poi tanto dalla realtà: i sudcoreani hanno un debito pro-capite pari a 44'000 dollari
UNIONE EUROPEA
1 ora
Senza vaccino e Green pass il Covid dilaga
L'incubo della pandemia è tornato soprattutto nelle nazioni a bassa percentuale di vaccinati e con poche restrizioni.
Germania
3 ore
Volevano formare un gruppo di mercenari, arrestati due soldati tedeschi
Cercavano di assoldare 150 soldati e avevano tentato di contattare l'Arabia Saudita per avere un sostegno economico
MONDO
6 ore
Come per l'influenza, il freddo influisce anche sul Covid
È quanto emerge da uno studio quantitativo dell'Istituto di Barcellona per la salute globale.
ITALIA
9 ore
Boom di certificati medici per dribblare il "green pass"
Dall'entrata in vigore dell'obbligo, lo scorso 15 ottobre, le cifre sono decollate. Quella delle vaccinazioni molto meno
AUSTRALIA
12 ore
Un milione per ritrovare Cleo Smith
L'ipotesi della polizia è che sia stata rapita: la cerniera della tenda era troppo alta per la bambina
STATI UNITI
14 ore
Trovati resti umani e oggetti appartenenti al fidanzato di Gabby Petito
Bisognerà attendere l'autopsia per stabilire se il corpo appartiene veramente a Brian Laundrie, scomparso da 37 giorni
STATI UNITI
17 ore
Topi infetti, boom di casi di leptospirosi a New York
Una persona è deceduta. Nel 2021 le chiamate per segnalare le infestazioni sono aumentate del 20%
BRASILE
23 ore
Bolsonaro accusato di crimini contro l'umanità
Sono pesanti le accuse rivolte dalla Commissione parlamentare d'inchiesta al presidente brasiliano.
AFGHANISTAN
1 gior
Giovane pallavolista decapitata dai Talebani
La giocatrice della nazionale giovanile afghana è stata assassinata a inizio ottobre. Si chiamava Mahjabin Hakimi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile