keystone-sda.ch (Filippo Venezia)
243 sindaci bergamaschi scrivono a Conte e Fontana: «Fermiamoci, ma per davvero».
ITALIA
21.03.20 - 15:480

243 sindaci bergamaschi scrivono a Conte e Fontana: «Fermiamoci per davvero»

Per fermare questa «tragedia che sembra non avere fine» servono «coraggiosi provvedimenti restrittivi»

BERGAMO - «È arrivato il momento di fermarci, ma per davvero. Confidiamo in voi». È l'appello firmato dai 243 sindaci dei Comuni Bergamaschi inviato al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al governatore lombardo Attilio Fontana.

«Al momento - spiegano - riteniamo che l'adozione di coraggiosi nuovi provvedimenti restrittivi possa rappresentare l'unica e auspicabile soluzione per una tragedia che sembra oggi, che i contagi aumentano inesorabili, non avere fine».

La lettera è firmata anche dal Presidente della Provincia di Bergamo Gianfranco Gafforelli e dai primi cittadini di tutti i partiti politici. «La situazione che si vive nell'intera Regione Lombardia - scrivono - assume ormai i connotati dalla tragedia e questo è ancor più evidente purtroppo nella nostra provincia di Bergamo che in questi giorni sta vedendo morire tanti uomini e donne e cancellare intere generazioni, senza nemmeno poter dare un degno saluto».

«Con questa nota - si legge nella lettera - si vuole rimarcare la necessità condivisa e trasversale di una effettiva presa di coscienza della drammaticità del momento anche per chi non vive questa Provincia. Chiediamo, auspichiamo e sollecitiamo quindi un intervento maggiormente coercitivo che imponga nuove restrizioni: con i dati che tutti conosciamo non è pensabile che ancora oggi ci si debba basare sul buon senso dei cittadini chiamati a rispettare regole soggette alle più varie interpretazioni».

I sindaci si dicono «consapevoli dell'importante presenza di attività produttive in Regione Lombardia che grande e operosa hanno fatto la nostra terra, e siamo consapevoli che maggiori restrizioni potrebbero comportare gravi conseguenze economiche, ma al momento tutto questo appare necessario per salvare delle vite e per tutelare il valore primario della salute che non può che precedere quello pur sacrosanto del mercato economico».

«Al momento riteniamo che l'adozione di coraggiosi nuovi provvedimenti restrittivi possa rappresentare l'unica e auspicabile soluzione per una tragedia che sembra oggi, che i contagi aumentano inesorabili, non avere fine. I movimenti sul territorio sono ancora troppi, e molti inesorabilmente costituiscono un vettore per questo virus».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 anno fa su tio
Conte chiudi ste maledette frontiere visto che la Svizzera non ha le palle per farlo. Inutile negare l’entrata agli svizzere se poi i tuoi cittadini, giornalmente, varcano tranquillamente il confine non escludendo un contagio di ritorno!!
dan007 1 anno fa su tio
Prendere come esempio la Corea depistaggio massivo e isolamento obbligatorio loro c’è l’hanno fatta ma bisogna accettare di essere pedinati sul telefono e con telecamere per individuare gli spostamenti dei portatori positivi che non hanno sintomi apparenti e che vanno dappertutto io ho il corona virus trasmesso da un tipo che diceva di avere una semplice influenza e in più aveva organizzato cene con amici e parenti un carnaio
Hy_Dana 1 anno fa su tio
Io lavoro in banca e noi lavoriamo continuamente (perché non siamo a contatto con clienti) senza fermarci in Ticino, ci sono ancora tante aziende che lavorano,dobbiamo fermare tutto!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Italia
13 min
Cannabis legale, «Mancano quattro giorni all'assassinio della democrazia»
Raccolte quasi 600mila firme online, ma moltissimi comuni non vogliono concedere i certificati elettorali
FOTO
GRECIA
3 ore
Forte terremoto a Creta, un morto e alcuni feriti
L'epicentro della scossa è stato localizzato a una ventina di chilometri a sud di Candia
GERMANIA
5 ore
L'Spd s'impone al fotofinish
I socialdemocratici avanti con il 25,7% dei voti, crollo dei conservatori. Quale coalizione per governare?
MONDO
7 ore
Le giovani generazioni «vivranno una vita senza precedenti»
Ci saranno più inondazioni, più siccità, più ondate di calore. È l'avvertimento di uno studio internazionale
GERMANIA
18 ore
Il dopo-Merkel da cardiopalma, per gli exit poll Spd e Cdu sono a pari merito
Stando ai sondaggi i due partiti di maggioranza sarebbero o fermi a quota 25% o comunque molto vicino
Regno Unito
19 ore
Sabina Nessa, arrestato il presunto assassino
La 28enne è stata accoltellata a morte lo scorso 17 settembre poco lontano dalla sua abitazione
FOTO
SAN MARINO
22 ore
San Marino alle urne per depenalizzare l'aborto
È una delle poche nazioni in Europa dove è ancora illegale, si vota oggi dopo una battaglia politica lunga 18 anni
GERMANIA
1 gior
Oggi in Germania si decide il volto del dopo-Merkel
Che si prospetta instabile, con un testa a testa fra Laschet e Scholz che non avranno i numeri per governare da soli
STATI UNITI
1 gior
Deraglia l'alta velocità: tre morti nel Montana
Un treno che correva tra Chicago e Seattle è uscito dai binari. Diversi i feriti
SPAGNA
1 gior
Altre bocche, altre eruzioni: chiuso l'aeroporto di La Palma
A preoccupare, nell'immediato, è la quantità di cenere che ha ricoperto l'isola
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile