Deposit
STATI UNITI
26.02.20 - 06:330

Non beveva: la sua vescica produceva alcol da sola

Sospettata di essere un’alcolista, una paziente epatopatica soffriva invece di sindrome da auto-produzione di birra

PITTSBURGH - Una 61enne americana è finalmente stata dichiarata idonea al trapianto di fegato che attendeva da tempo dopo che i medici hanno scoperto che l’alto livello di alcol riscontrato nelle sue urine non dipendeva da una sua presunta abitudine ad alzare il gomito. La sua vescica, infatti, produceva etanolo da sola, senza che la donna bevesse neanche un goccetto.

Come riportato in un articolo sul caso pubblicato sugli “Annals of Internal Medicine”, il primo ospedale che l'ha avuta in cura e i ricercatori della University of Pittsburgh School of Medicine and Medical Center hanno inizialmente creduto che la paziente avesse un problema di alcolismo che tentava di nascondere. Questa eventualità avrebbe del resto spiegato i suoi problemi al fegato.

La 61enne, però, non sembrava affatto ubriaca nemmeno quando i suoi esami delle urine dicevano il contrario. I test del sangue in cerca di etilglucuronide ed etil solfato, due inequivocabili tracce del consumo di alcol, risultavano del resto negativi.

I medici hanno allora trovato una spiegazione alternativa - l’unica possibile - per gli alti livelli di etanolo nelle sue urine: la sua vescica conteneva grandi quantità di un lievito simile a quello usato per produrre la birra che, proprio come avviene nel fermentatore di un birrificio, faceva fermentare gli zuccheri presenti nella pipì producendo alcol. Un fenomeno noto come sindrome della fermentazione o sindrome dell’autoproduzione di birra che interessa più spesso l’intestino e non è unanimemente riconosciuta dalla comunità scientifica. Questo studio, però, ne confermerebbe l’esistenza. 

Di sicuro, l’impegno dei ricercatori di Pittsburgh ha significato una svolta per la paziente epatopatica: «È stata riconsiderata per un trapianto di fegato», si legge nella ricerca.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
BRUXELLES
54 sec
Covid-19, il capo della ricerca Ue sbatte la porta
Mauro Ferrari, presidente del Consiglio europeo della ricerca, ha dato le dimissioni per divergenze interne
STATI UNITI
35 min
Negli Usa un nuovo, brutto record
Mille decessi in poche ore. In gran parte a New York. E non è tutto
AFRICA
6 ore
Difendere i diritti umani, a rischio della vita
Le notizie positive che arrivano da Etiopia e Sudan sono purtroppo delle eccezioni
MONDO
10 ore
La pandemia fa piangere anche i “Paperoni” ma il più ricco è sempre Bezos
I super ricchi hanno perso circa 700 miliardi in un anno (e alcuni non lo sono più) ma il boss di Amazon è sempre il re
STATI UNITI
11 ore
Le sensazionali immagini spaziali in infrarossi
La luce infrarossa è in grado di penetrare attraverso le polveri e i gas spaziali, e il risultato è sbalorditivo
HONG KONG
14 ore
Il coronavirus resiste di più sulla plastica, e di meno sulla carta
L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) rimane scettica a riguardo
NUOVA ZELANDA
16 ore
Anche il coniglietto di Pasqua tra i lavoratori indispensabili
Lo ha annunciato la premier Jacinda Ardern, per la gioia di tutti i bambini.
STATI UNITI
18 ore
Ansia e tensione in polizia: oltre ai crimini ci sono ora i contagi
Il coronavirus ha messo alle strette i dipartimenti di polizia americani, che non possono permettersi contagi di massa
ITALIA
20 ore
Immune al coronavirus? È pronto il test
Sarà accessibile a tutti: costa solo cinque euro e i risultati sono disponibili in un'ora
STATI UNITI
21 ore
Facebook fornirà mappe per tracciare il contagio
Saranno a disposizione dei ricercatori per analizzare l'evoluzione dell'epidemia.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile