Keystone
STATI UNITI
22.10.19 - 12:150

Il buco dell'ozono è ai minimi dal 1982 (ma è una buona notizia solo a metà)

Perché è probabile che c'entri il riscaldamento globale, sostengono gli esperti: «Positivo, ma non è un segno di recupero»

NEW YORK - Sull'Antartide il buco dell'ozono ha raggiunto l'estensione minima dall'epoca della sua scoperta, nel 1982: ora è 10 milioni di chilometri quadrati, rispetto ai 16 milioni di chilometri quadrati misurati l'8 settembre. A indicare il record sono i dati di Nasa ed Ente americano per le ricerche su atmosfera e oceani (Noaa).

Per gli esperti è una buona notizia solo a metà, perché è un segno del riscaldamento climatico: le temperature più alte riducono le reazioni fra ozono e i composti che lo distruggono, cioè cloro e bromo.

«È un'ottima notizia per l'ozono nell'emisfero australe», rileva Paul Newman, del Goddard Space Flight Center della Nasa. «Ma bisogna riconoscere - aggiunge - che ciò è anche dovuto alle temperature di quest'anno nella stratosfera. Non è un segno che il buco dell'ozono è improvvisamente sulla buona strada per il recupero».

Infatti nella fascia dove c'è l'ozono, a 19 chilometri sopra la superficie terrestre, secondo la Nasa le temperature a settembre erano 29 gradi più alte della media.

L'ozono è una molecola formata da tre atomi di ossigeno che scherma la Terra da una radiazione ultravioletta del Sole che può causare tumori alla pelle, problemi alla cataratta e anche danneggiare le piante. Il buco dell'ozono si forma sull'Antartide alla fine dell'inverno australe quando si innescano le reazioni che distruggono la molecola e che coinvolgono sostanze come cloro e bromo.

Nel 1988, il protocollo di Montreal ha ridotto consumo e produzione di questi composti, ma secondo gli esperti solo nel 2070 l'ozono sull'Antartide potrebbe ritornare al livello del 1980.

Commenti
 
anndo76 3 sett fa su tio
io sono convinto che noi possiamo dire, fare, proporre etc, ma quando la natura sara' al limite si autodifendera' come abbiamo visto nei milioni di anni di evoluzione. il resto sono chiacchere scientifiche che nn servono a nulla, d'altronte la scienza, come la medicina, NON sono scienze esatte.....
Mara Athena 3 sett fa su fb
Cioè in un anno é successo quanto non accadeva da ... 37 anni ? Urka ...chissà a chi dobbiamo l’onore 😅🤣 Tranquilli nel 2070 sarà ancora meglio , e io un’idea di chi ringraziare c’è l’avrei già .... 🧐😁🤣
Aldo-Alfonso Ferrini 3 sett fa su fb
BUCO NELL’OZONO: LA “SOLA“ DEGLI ECOLOGISTI A PRESCINDERE...Quali sono le cause del buco dell ozono secondo le Grete svedesi e svizzere: “Lo strato di ozono, con il passare del tempo, ha subito delle variazioni per cause naturali, assottigliandosi leggermente in alcuni periodi ma questo non ha mai destato grandi preoccupazioni. Si è iniziato a parlare di buco dell’ozono negli anni ’70 poichè gli scienziati hanno notato che lo strato di ozono si era assottigliato ulteriormente, e questa volta per effetto dell’uomo. Come abbiamo già visto quando abbiamo parlato dell’effetto serra, del surriscaldamento globale e delle piogge acide, gli agenti inquinanti rilasciati nell’atmosfera dalle industrie e dalle attività umane ha determinato dei mutamenti bruschi e repentini, che rischiano di mettere in pericolo la nostra stessa esistenza. Le sostanze inquinanti responsabili del buco dell ozono, non appena entrano in contatto con i raggi ultravioletti si degradano e rilasciano nell’atmosfera atomi di cloro e di bromo, che danneggiano lo strato di ozono.” NOTIZIONA DI OGGI CHE AZZERA IL TERRORISMO PORTATO AVANTI DALLE LOBBY VERDI DURANTE 10 ANNI E PIÙ: ”Il buco dell’ozono è ai minimi dal 1982...” (ANSA, CdT, Tio...) Come dire che siamo in mano ad apprendisti stregoni che tentano di terrorizzarci per stravolgere le nostre esistenze, per spremerci con le eco-tasse e per lucrare con le energie alternative....oh no?
Treccani Danilo 3 sett fa su fb
Zico 3 sett fa su tio
merito delle Grete
Alice Gatti 3 sett fa su fb
Se dovesse diminuire la temperatura nei prossimi anni ci diranno che non è una buona notizia perché sarà considerato come un effetto strano del global warming.
Renzo Lucini 3 sett fa su fb
Alice Gatti e ci sarà gente, senza alcuna cognizione in merito, che lo metterà in dubbio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI / GERMANIA
1 ora
Auto elettriche: la prima "gigafactory" europea di batterie sarà a Berlino
Lo ha annunciato il ceo di Tesla, Elon Musk. Lo stabilimento potrebbe entrare in funzione già dal 2021
CROAZIA
2 ore
Emergenza maltempo anche in Istria e Dalmazia
Si registrano inondazioni e interruzioni nella circolazione stradale. Palazzo di Diocleziano parzialmente allagato a Spalato
CINA
3 ore
Huawei offre un bonus a chi trova scappatoie per il bando Usa
In palio per i dipendenti ci sono circa 280 milioni di franchi destinati perlopiù a chi lavora nella sezione ricerca e sviluppo
FOTO E VIDEO
ITALIA
3 ore
Venezia: ecco la maxi-mareggiata e l'acqua altissima arriva a 160 cm
2 i morti mentre i vigili del fuoco continuano gli interventi, danneggiata anche San Marco. Il sindaco: «Abbiamo bisogno di aiuto»
STATI UNITI
4 ore
Trump avrebbe offerto a Erdogan un accordo da 100 miliardi
Lo sostiene il Washington Post alla vigilia dell'arrivo del presidente turco alla Casa Bianca di oggi
ITALIA
5 ore
Venezia in tilt a causa della marea da record
L'acqua ha raggiunto un metro e 87 cm, la seconda misura più alta nella storia della Serenissima subito dietro ai 194 centimetri del 1966
BOLIVIA
6 ore
La senatrice Anez nominata presidente ad interim
«Mi impegno ad assumere tutte le iniziative necessarie per pacificare il Paese»
ITALIA
17 ore
Vogliono estorcere denaro: si fingono dell'‘ndrangheta
I carabinieri hanno fermato cinque persone. La loro vittima è un albergatore del torinese
STATI UNITI
17 ore
Con Disney+ si entra nel vivo della guerra dello streaming
Dai film classici a quelli Pixar passando "Star Wars" e Marvel, il servizio offre un catalogo di spessore. E Netflix è sempre più sola
POLONIA / STATI UNITI
19 ore
Lager nazisti «attribuiti» alla Polonia: Varsavia e Netflix ai ferri corti
Alle autorità polacche non va proprio giù una mappa che compare nella nuova serie documentario "The Devil Next Door". Netflix: «Stiamo seguendo la questione»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile