keystone-sda.ch/STF (WAEL HAMZEH)
LIBANO
22.10.19 - 11:450

La folla è ancora in piazza per il sesto giorno di proteste

Al centro delle rivendicazioni, il carovita e la corruzione: «Continueremo fino alla caduta del sistema»

BEIRUT - Per il sesto giorno consecutivo, manifestanti libanesi rimangono nelle piazze di tutte le città del paese per protestare contro il carovita e la corruzione, ribadendo la volontà di proseguire le manifestazioni «fino alla caduta del sistema» politico-confessionale e clientelare.

In tutto il paese anche oggi è stato proclamato "giorno di sciopero generale". Le scuole, le università, le banche e diverse istituzioni pubbliche rimangono chiuse.

Secondo fonti giornalistiche libanesi, nelle proteste di ieri sono scese in strada più di un milione di persone. Ma queste cifre non sono confermate dalle autorità.

Dopo l'annuncio del governo, ieri pomeriggio, di avviare «riforme senza precedenti», centinaia di migliaia di persone a Beirut e nelle altre città e località del paese sono rimaste in piazza. E stamani, sin dalle prime ore del giorno, le stesse piazze e strade sono tornate gradualmente a riempirsi. Gruppi di attivisti si occupano di ripulire le strade e i luoghi dei sit-in dai rifiuti.

Ieri sera, gruppi di centinaia di giovani a bordo di scooter e con le insegne dei due partiti sciiti - Amal e Hezbollah, presenti nel governo - hanno tentato di raggiungere a Beirut il luogo della protesta in piazza dei martiri ma sono stati bloccati da militari dell'esercito.

Sia Hezbollah che Amal hanno smentito ogni legame con questi giovani, ma video apparsi su Internet mostrano esponenti di Amal salutare alcuni di questi giovani alla periferia di Beirut.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
33 min
Su Facebook tornano i post sponsorizzati di carattere politico
Dopo il silenzio post-votazioni americane, saranno ancora visibili: «Monitoreremo costantemente»
AMERICA DEL SUD
1 ora
La «terza ondata» investe il Brasile, record di decessi e proteste contro Bolsonaro
La variante amazzonica ha messo in ginocchio il sistema sanitario nazionale
MONDO
3 ore
Una buona parte di quelli che stanno investendo nei Bitcoin non sanno cosa siano
Uno su tre non ne ha proprio idea, e più dell 80% non ne è davvero sicuro. Ma allora perché tutti ne comprano?
ISLANDA
3 ore
Più di 18'000 terremoti in una settimana, si attende un'eruzione
«Ormai ho perso il conto di quante scosse ho sentito» ci racconta l'appassionato di geologia Marco di Marco
AUSTRALIA
4 ore
17enne ucciso da una cubomedusa
Nonostante il trasporto d'urgenza in ospedale, il giovane è spirato dopo qualche giorno
NUOVA ZELANDA
5 ore
Violenta scossa in Nuova Zelanda, ora si teme per l'onda di tsunami
Il sisma di grado 7.2 ha svegliato tutta l'isola nella notte. Le autorità: «Chi è sulle coste si sposti in alto»»
REGNO UNITO
6 ore
«Monopolio» nell'App Store? Apple di nuovo nei guai
Un'indagine è stata aperta dall'autorità di antitrust britannica
ITALIA
7 ore
Da mezzanotte la Lombardia sarà "arancione scuro"
L'ordinanza è stata firmata dal Presidente della Regione Attilio Fontana
CINA
7 ore
Curare il Covid con la medicina tradizionale cinese? Pechino ci crede
Approvati 3 farmaci per trattare i sintomi e che sarebbero già stati utilizzati durante le prime fasi della pandemia
UNIONE EUROPEA
9 ore
L'Europa (infine) pensa allo Sputnik
Al via la revisione del siero russo da parte dell'Agenzia europea per i medicinali
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile