Deposit Photos
MONDO
15.10.19 - 15:030
Aggiornamento : 16:27

Il 33% dei bimbi è denutrito o in sovrappeso

Per aiutare i bambini a crescere in salute l'Unicef lancia un appello ai governi, ai genitori, alle famiglie e alle imprese

NEW YORK - Nel mondo un numero altissimo di bambini e di ragazzi o sono malnutriti o sono obesi, fenomeno quest'ultimo in aumento in tutti i continenti compresa l'Africa.

«La nostra sfida comune di oggi: è prima di tutto dare il giusto cibo» afferma il direttore generale di Unicef Henrietta commentando i dati del nuovo rapporto Unicef 'La Condizione dell'infanzia nel mondo 2019: Bambini, Cibo e Nutrizione - Crescere sani in un mondo in trasformazione' da cui risulta che nel mondo 1 bambino su 3 sotto i 5 anni è denutrito o in sovrappeso; 2 bambini su 3 sotto i 2 anni seguono una dieta povera (per il 45% niente frutta o verdure e per 60% né uova, latticini, pesce o carne) e 40 milioni di bambini con più di cinque anni sono in sovrappeso o obesi.

Le condizioni dei bambini e dei ragazzi cambiano tantissimo a seconda delle aree geografiche: la Papua Nuova Guinea ha il più alto tasso di malnutrizione infantile con il 65%; in Asia del Sud è un bambino su 2 che non sta crescendo bene o è denutrito o in sovrappeso, mentre in Africa orientale e meridionale, più di 2 bambini su 5 non stanno crescendo bene. Segue l'Africa occidentale e centrale con un tasso del 39%.

Nel mondo sono ben 340 milioni di bambini, pari a 1 su 2, che soffrono di mancanza di vitamine e nutrienti essenziali come vitamina A e ferro.

Di contro dal 2000 al 2016, la percentuale di bambini sovrappeso fra i 5 e i 19 anni è raddoppiata da 1 su 10 a circa 1 su 5. In Europa orientale e in Asia centrale, circa 1 bambino su 7 sotto i 5 anni, è in sovrappeso. Rispetto al 1975, il numero di bambini e ragazzi fino a 19 anni che soffrono di obesità è 10 volte maggiore per le ragazze e 12 volte maggiore per i ragazzi.

Infatti il 42% degli adolescenti che vanno a scuola in paesi a basso e medio reddito consuma bibite zuccherate gassate almeno una volta al giorno e il 46% mangia cibo da fast food almeno una volta a settimana. Percentuali che raggiungono il 62% e il 49% per gli adolescenti nei paesi ad alto reddito. Dal 1990, il tasso di obesità tra bambini e ragazzi tra i 5 e i 19 anni è aumentato del 33% nel Regno Unito e del 49,7% negli Stati Uniti.

«Malnutrizione non significa solo non avere da mangiare a sufficienza, ma anche - sottolinea Samengo - mangiare in modo errato o malsano. Attraverso questo rapporto, si vuole mettere in luce anche il problema dell'obesità infantile che sta assumendo le caratteristiche di una vera e propria epidemia».

Dal rapporto emerge, inoltre, che il peso maggiore della malnutrizione in tutte le sue forme è sulle spalle dei bambini e degli adolescenti delle comunità più povere e marginalizzate ed anche nei paesi ad alto reddito, come il Regno Unito, la percentuale di bambini in sovrappeso è oltre due volte maggiore nelle aree più povere rispetto a quelle più ricche.

Per aiutare i bambini a crescere in salute l'Unicef lancia un appello ai governi, ai genitori, alle famiglie e alle imprese per chiedere, tra l'altro, di migliorare l'educazione alimentare e di usare leggi collaudate come le tasse sullo zucchero, ma anche adottare etichette accurate e facili da comprendere.

Commenti
 
nordico 4 sett fa su tio
Noi siamo quello che mangiamo. E ciò non riguarda solamente la salute del corpo ma anche della mente. Molti problemi comportamentali, sia dei bambini che degli adulti, derivano proprio dal nutrimento che assumiamo.
koalaboss 4 sett fa su tio
Ma se i genitori non hanno più tempo ne voglia di cucinare e almeno una volta a settimana vanno al mc o altri fast food, con annessi coca e dessert vari. A tavola sempre bibite gassate, quando finiscono scuola mangiano sempre cavolate. Giocano sempre meno fuori casa e sempre più attaccati alla console! Non camminano più ma vengono scarrozzati in macchina anche solo x 300m !
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
VIDEO
ITALIA
14 min
A Matera ora si contano i danni
La città è tornata alla normalità dopo il nubifragio di ieri mattina
STATI UNITI / GERMANIA
2 ore
Auto elettriche: la prima "gigafactory" europea di batterie sarà a Berlino
Lo ha annunciato il ceo di Tesla, Elon Musk. Lo stabilimento potrebbe entrare in funzione già dal 2021
CROAZIA
2 ore
Emergenza maltempo anche in Istria e Dalmazia
Si registrano inondazioni e interruzioni nella circolazione stradale. Palazzo di Diocleziano parzialmente allagato a Spalato
CINA
3 ore
Huawei offre un bonus a chi trova scappatoie per il bando Usa
In palio per i dipendenti ci sono circa 280 milioni di franchi destinati perlopiù a chi lavora nella sezione ricerca e sviluppo
FOTO E VIDEO
ITALIA
4 ore
Venezia: ecco la maxi-mareggiata e l'acqua altissima arriva a 160 cm
2 i morti mentre i vigili del fuoco continuano gli interventi, danneggiata anche San Marco. Il sindaco: «Abbiamo bisogno di aiuto»
STATI UNITI
4 ore
Trump avrebbe offerto a Erdogan un accordo da 100 miliardi
Lo sostiene il Washington Post alla vigilia dell'arrivo del presidente turco alla Casa Bianca di oggi
ITALIA
5 ore
Venezia in tilt a causa della marea da record
L'acqua ha raggiunto un metro e 87 cm, la seconda misura più alta nella storia della Serenissima subito dietro ai 194 centimetri del 1966
BOLIVIA
6 ore
La senatrice Anez nominata presidente ad interim
«Mi impegno ad assumere tutte le iniziative necessarie per pacificare il Paese»
ITALIA
17 ore
Vogliono estorcere denaro: si fingono dell'‘ndrangheta
I carabinieri hanno fermato cinque persone. La loro vittima è un albergatore del torinese
STATI UNITI
18 ore
Con Disney+ si entra nel vivo della guerra dello streaming
Dai film classici a quelli Pixar passando "Star Wars" e Marvel, il servizio offre un catalogo di spessore. E Netflix è sempre più sola
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile