La ex di Nordahl Lelandais vuole fare causa alla gendarmeria.
FRANCIA
14.10.19 - 19:050

La ex di Lelandais vuole fare causa alla polizia

La donna dice di aver segnalato la pericolosità dell'uomo mesi prima dell'omicidio della piccola Maëlys

GRENOBLE - La ex compagna di Nordahl Lelandais, accusato dell'omicidio della piccola Maëlys de Araujo e del militare Arthur Noyer, ha manifestato l'intenzione di fare causa alla polizia.

Karine (nome di fantasia), intervistata da Le Parisien e RTL, dice di aver denunciato alla gendarmeria la pericolosità dell'uomo, alla quale è stata legata sentimentalmente da maggio del 2015 a dicembre dell'anno successivo. Un rapporto che è finito perché Lelandais era «diventato insopportabile, troppo impulsivo. Aveva dei turbamenti, dei cambiamenti d'umore, uno scollamento con la realtà. Prendeva anche molta cocaina» e l'avrebbe anche «minacciata» a più riprese, giungendo persino a picchiarla e a seguirla nei suoi spostamenti.

Per quattro volte si sarebbe presentata in commissariato per sporgere denuncia contro Nordahl e «i gendarmi si sono dapprima rifiutati di accettarla. Ho dovuto insistere, piangere perché lo facessero. Mi hanno pure detto di smetterla di provocarlo. Anche se ero io che vivevo un inferno».

È qui che la donna pensa che, con le dovute iniziative da parte delle forze dell'ordine, gli omicidi di Maëlys e Arthur sarebbe potuti essere evitati. Per questo motivo è nata in lei l'intenzione di fare causa contro la gendarmeria di Pont-de-Beauvoisin che non ha preso nel dovuto conto la sua denuncia e che l'accusata di essere «la malvagia» invece che «la vittima».

Karine ha taciuto fino a oggi per rispetto delle famiglie e delle loro vittime, ma pensa che sia giunto il momento di far sapere che lei aveva messo in guardia le autorità su un uomo «manipolatore» e «psicopatico». Nemmeno lei, però, pensava che Lelandais potesse commettere ciò di cui è accusato: «I suoi crimini, la pedofilia, la sua omosessualità, ho scoperto tutto sulla stampa. Non c'è che della malvagità in lui».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
EUROPA
31 min
Riconoscimento facciale? Bastano gli occhi, o la camminata
Le mascherine, che bloccano l'operatività del riconoscimento facciale, non hanno effetti su altri sistemi
STATI UNITI
6 ore
Le proteste potrebbero provocare una nuova ondata di contagi
Il chirurgo generale degli Stati Uniti lancia l'allarme
STATI UNITI
7 ore
L'agente che ha soffocato Floyd accusato di omicidio volontario
Il procuratore generale del Minnesota ha riqualificato le accuse nei confronti di Derek Chauvin.
STATI UNITI
8 ore
Rubano l'auto dei nonni, muoiono in un incidente due fratellini di 6 e 7 anni
I due bambini sono morti sul colpo in seguito ad uno spettacolare incidente
STATI UNITI
10 ore
Si rifiutano di servire i poliziotti: licenziati in 4
Caos anche nella ristorazione negli States, la vicenda vissuta da Condado Tacos fa discutere
STATI UNITI
11 ore
Polemica Amazon: rimossi i bonus ai dipendenti che si recano al lavoro durante la pandemia
La decisione ha raccolto le critiche del personale: «Ci sentiamo ancora in pericolo»
STATI UNITI
12 ore
428 persone bloccate al collo dalla polizia di Minneapolis
In due terzi dei casi la procedura è stata applicata a persone di colore
ITALIA
12 ore
«Parlare ora di seconda ondata non ha senso»
Il primario dell'ospedale San Raffaele, Alberto Zangrillo, conferma la propria posizione sull'evoluzione della pandemia
STATI UNITI / CINA
14 ore
Gli Stati Uniti hanno vietato i voli delle compagnie aeree cinesi
La misura, sarà attiva dal 16 giugno ed è una ritorsione perché quelle americane in Cina non possono (ancora) volare
NUOVA ZELANDA
14 ore
Lotta alla povertà, assorbenti e tamponi gratuiti in tutte le scuole
Troppe ragazze si assentano da scuola perché non possono permetterseli. La Nuova Zelanda corre ai ripari
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile