Keystone
Milizie houthi a Sana'a
YEMEN
09.07.19 - 16:360
Aggiornamento : 17:54

Gli Houthi condannano a morte 30 persone

Sindacalisti, avvocati, professori e imam sono accusati di spionaggio in favore della coalizione araba a guida saudita

SANAA - Gli insorti yemeniti Houthi, considerati vicini all'Iran, hanno condannato a morte 30 persone in Yemen con l'accusa di spionaggio in favore della Coalizione araba a guida saudita. Lo riferisce la tv panaraba saudita al Arabiya che cita fonti giudiziarie a Sanaa, capitale yemenita da cinque anni in mano agli Houthi.

Le fonti precisano che i 30 condannati a morte sono sindacalisti, avvocati, professori universitari e imam di moschee accusati di spionaggio in favore delle "forze di aggressione", espressione usata per indicare le forze saudite e degli Emirati Arabi Uniti.

I condannati erano stati arrestati circa un anno fa in un gruppo di 36 sospettati di spionaggio. Sei di loro sono stati rilasciati, affermano le fonti. Dal 2014 a oggi, gli Houthi hanno emesso diverse condanne a morte contro presunte spie filo-saudite o filo-Emirati, ma finora le pene non sono mai state eseguite.

Aumentano i sospetti casi di colera - In Yemen si registra un preoccupante aumento di sospetti casi di colera. Lo riferisce l'Onu, citando un rapporto secondo cui nel 2019 si sono finora registrati più di 460mila casi sospetti di colera, mentre l'anno scorso se ne erano registrati 380mila.

Il vice portavoce dell'Onu, Farhan Haq, citato dai media panarabi, ha detto che questo aumento ha portato, da gennaio a oggi, alla morte di 705 persone probabilmente colpite da colera. L'anno scorso nello stesso periodo si erano contati 75 decessi.

Secondo il rapporto dell'Onu, la diffusione del colera in Yemen nell'ultimo anno è stata causata da conseguenze indirette del conflitto in corso dal 2014: mancata manutenzione del sistema di irrigazione, improvvise inondazioni, scarso accesso a fonti di acqua potabile.

La guerra in Yemen - Paese instabile da decenni - è scoppiata nel 2014, quando gli insorti Houthi vicini all'Iran hanno preso la capitale Sanaa e conquistato altre zone nel nord e nel centro dello Paese. Questo ha spinto l'Arabia Saudita a intervenire militarmente, con una coalizione aerea che in questi anni ha compiuto raid contro zone Houthi abitate da civili.


 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
2 ore
Dopo 43 anni il corpo di quella ragazza ha finalmente un nome
La giovane Judy Gifford era scomparsa nel 1976 all’età di 14 anni. Fu strangolata. Ora gli inquirenti cercano l’autore del delitto
REGNO UNITO
2 ore
La regina Elisabetta II potrebbe essere il tuo capo
La famiglia reale è in cerca di un nuovo responsabile dei social media. L'impiego a tempo pieno promette weekend liberi e pranzi gratuiti
ITALIA
12 ore
Le valanghe fanno tre morti
Tre distinti incidenti hanno avuto esito letale sulle Alpi italiane: in Sudtirolo, Valle d'Aosta e Piemonte
CINA
14 ore
Il 74% dei giovani fa acquisti di notte
Lo rivela un recente sondaggio del quotidiano China Youth Daily
SPAGNA
16 ore
Cop25 fallita, Greta: «La scienza è stata ignorata»
Anche il segretario generale dell'Onu ha espresso «delusione» per l'esito della conferenza sul clima. Il WWF: «I Paesi ricchi si sono sottratti alle loro responsabilità»
FILIPPINE
18 ore
Terremoto: una vittima confermata, è una bimba
La piccola è morta nella cittadina di Matanao a causa del crollo della sua abitazione
FOTO
FILIPPINE
23 ore
Terremoto nelle Filippine: i morti sono almeno 4
Dei quali un bimbo, diversi i crolli e molto panico fra la popolazione. Il bilancio è ancora in corso ed è destinato ad aggravarsi
ARGENTINA
23 ore
Buenos Aires, rapinato e ucciso davanti ad un hotel a cinque stelle
La vittima è un turista britannico. Anche il figlio è stato colpito ad una gamba e si trova ora in ospedale
NUOVA ZELANDA
23 ore
White Island, le vittime del vulcano salgono a 16
Le ricerche degli ultimi due dispersi proseguono. Oltre 20 persone si trovano ancora in cura intensiva all'ospedale
SPAGNA
1 gior
Cop25: si tratta a oltranza. Gli ambientalisti: «È un fallimento»
La delegazione svizzera: «Meglio nulla che un pessimo accordo»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile