Keystone
Il presidente avrebbe criticato i suoi più stretti collaboratori.
STATI UNITI
24.06.19 - 07:250
Aggiornamento : 08:07

Trump contro i suoi collaboratori: «Vogliono spingermi alla guerra in Iran»

John Bolton e Mike Pompeo sarebbero stati criticati ferocemente dal presidente americano

WASHINGTON - «Queste persone vogliono spingermi in una guerra, ed è ripugnante»: così - secondo quanto riporta il Wall Street Journal - Donald Trump avrebbe parlato dei suoi più stretti collaboratori, dal consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton al segretario di Stato Mike Pompeo, parlando con un confidente. «Noi non abbiamo bisogno di altre guerre», avrebbe aggiunto il presidente americano.

«Pronti negoziare con l'Iran» - Da parte sua uno dei collaboratori criticati dal presidente, ovvero il segretario di Stato Mike Pompeo, si dice pronto a «negoziare con l'Iran senza precondizioni». «Sanno perfettamente dove trovarci e sono fiducioso che arriverà il momento in cui anche loro vorranno intavolare dei colloqui», ha aggiunto, attaccando però Teheran per la «spudorata disinformazione» sul drone abbattuto, dopo che il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif ha postato le mappe che dimostrerebbero come il velivolo abbia violato lo spazio aereo iraniano.

Affare nord-coreano - Intanto, cambiando fronte politico, sempre Pompeo auspica che la lettera inviata a Kim Jong-un da Trump, definita «eccellente» dal leader nordcoreano, possa far ripartire il dialogo tra i due Paesi. «Gli Stati Uniti sono pronti a riprendere i negoziati con la Corea del Nord se Pyongyang si mostra disposta a discutere sulla denuclearizzazione della penisola».
 

Commenti
 
pillola rossa 3 sett fa su tio
Quelli della terra mai promessa, ma arraffata ordinano e gli Stati Uniti eseguono. Bunt, Pompeo e chi più ne ha più ne metta sono solo attori di un teatrino peraltro non credibile.
miba 3 sett fa su tio
Azz.....!! E se n'è accorto solo ora quando tutto il mondo lo sa già da un pezzo? Ma par piasée.....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
26 min

Rifiutati dall'Esercito tedesco: i più rappresentati sono i neonazisti

Seguono gli islamisti. Dall'introduzione, 2 anni fa, di controlli sistematici sono state scartate 63 aspiranti reclute

GERMANIA
2 ore

Il ceo di Siemens: «Trump sta diventando il volto del razzismo»

Joe Kaeser entra a gamba tesa nella diatriba sui tweet giudicati xenofobi del presidente. L'azienda tedesca sta per firmare un importante contratto negli Stati Uniti

CINA
2 ore

Hong Kong: nuova manifestazione, in decine di migliaia in strada

Anche questa volta molti manifestanti marciano con un ombrello, diventato il simbolo della protesta

REGNO UNITO
3 ore

È stato un 19enne a scatenare lo scandalo Darroch

Steven Edginton ha dichiarato di essere stato lui a ottenere i documenti e a passarli alla stampa

STATI UNITI
5 ore

Alll'asta per 1,8 milioni 3 video originali della Nasa sull'allunaggio del '69

Li aveva acquistati in un lotto un videoamatore che all'epoca era studente universitario, rivendendoli ci ha guadagnato circa 8'000 volte

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile