In thai, una targhetta riportava la dicitura "cannibale"
THAILANDIA
18.06.19 - 06:000

Una petizione chiede un degno funerale per il serial killer cannibale

Il suo corpo imbalsamato è esposto a Bangkok. Fu giustiziato per aver mangiato sette bambini, ma forse non andò proprio così

BANGKOK - Un degno funerale per il serial killer cannibale: è quanto chiede una petizione che, in Thailandia, ha superato le 17mila firme.

Il criminale in questione è Si Quey, immigrato cinese che, negli Anni ‘50 del secolo scorso, fu accusato di aver ucciso sette bambini e mangiato i loro organi dopo averli bolliti. Arrestato nel 1958 in possesso del corpo di un ragazzino e di un cuore e un fegato espiantati, fu giustiziato. Il suo cadavere - dapprima oggetto di studio in una facoltà di medicina - finì poi imbalsamato e ricoperto di paraffina al Museo di medicina forense Songkran Niyomsan di Bangkok e lì si trova tuttora.

Da qualche tempo, tuttavia, ha iniziato a crescere in Thailandia una certa compassione per quel corpo racchiuso in una teca e presentato come “Si Quey (cannibale)”. Una petizione online pubblicata il mese scorso che chiede di rimuovere il cadavere dell’assassino dal museo e garantirgli un degno funerale ha infatti superato le 17mila firme.

Come riporta il Bangkok Post, a smuovere gli animi rispetto alle sorti delle spoglie di Si è stato un video pubblicato su YouTube dalla madre dell’unica vittima di quel killer degli Anni '50 che sopravvisse alla sua furia. Nel filmato, che si intitola “Si Quey non ha ucciso”, la donna sostiene che non fu l’immigrato cinese ad aggredire la figlia: Si Quey fu solo un capro espiatorio. L’uomo, del resto, si era dichiarato colpevole solo per l’omicidio per il quale era stato arrestato e aveva negato le accuse di cannibalismo.

Per ora, l’attenzione sui resti di Si ha portato il museo a rimuovere la dicitura "cannibale" dalla targhetta della teca con il suo corpo. I responsabili della struttura però - pur difendendo la loro scelta di esporre quello e altri cadaveri - si dicono aperti a discutere eventuali ulteriori passi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
SIRIA
8 ore

Completato il ritiro curdo da Ras al Ayn

Tutti i combattenti delle Forze democratiche siriane sono fuori dalla città

REGNO UNITO
13 ore

«Porteremo Johnson in tribunale»

Le opposizioni sono furiose per la doppia lettera inviata dal premier e hanno bollato la manovra come «infantile». Bruxelles, intanto, prende tempo

REGNO UNITO / UNIONE EUROPEA
15 ore

Le due lettere di Johnson e la Brexit che diventa farsa

Ci sarebbe poi una terza missiva inviata a Bruxelles, dove gli ambasciatori europei si sono riuniti per discutere il da farsi

STATI UNITI
18 ore

Trump ci rinuncia, niente G7 al suo Doral Golf Club

«Una folle e irrazionale ostilità dei media e dei democratici», ha twittato

REGNO UNITO
1 gior

Una trappola tesa al momento giusto blocca la Brexit

Il voto decisivo atteso per oggi sul deal è saltato ed ora è muro contro muro fra Parlamento e Governo

REGNO UNITO
1 gior

Stop a Johnson, Westminster rinvia la Brexit

La Camera dei Comuni ha approvato un emendamento che obbliga il premier a chiedere un rinvio all'UE

FOTO
REGNO UNITO
1 gior

Il popolo torna in piazza contro la Brexit

Un raduno colorato, fra slogan, cartelli, bandiere britanniche e dell'Ue e vessilli di partito

SIRIA
1 gior

Ankara accusa i curdi di violare il "cessate il fuoco"

«In 36 ore hanno compiuto 14» violazioni». Ma la Turchia assicura che è in atto un coordinamento con gli Stati Uniti

REGNO UNITO
1 gior

Brexit, l'esito resta incerto

È partito il dibattito vero e proprio sull'accordo. Si vota su due emendamenti: una nuova proroga e referendum bis

REGNO UNITO
1 gior

Oggi è il giorno della Brexit

Boris Johnson chiede al Parlamento di approvare l'accordo da lui raggiunto con l'Ue e avverte la Camera dei Comuni che «ora è arrivato il tempo» di decidere

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile