Keystone
ITALIA
30.01.19 - 10:260
Aggiornamento : 11:26

Ponte Morandi: la traduzione di una perizia da Zurigo potrebbe ritardare la demolizione

È tuttora disponibile solo l'originale in tedesco del documento dell'Empa. Il sindaco: «Lavoriamo perché non ci siano ritardi»

GENOVA /ZURIGO - Il ritardo nella traduzione ufficiale di una relazione 'cruciale' della perizia in tedesco dei tecnici del laboratorio Empa di Zurigo - nominati dal giudice di Genova che indaga sul crollo di Ponte Morandi - potrebbe far slittare sia l'incidente probatorio fissato per l'8 febbraio sia i lavori di demolizione del moncone Est del ponte. Lo anticipano il Secolo XIX e La Stampa.


Keystone

L'istituto interdisciplinare di ricerca per le scienze dei materiali della città sulla Limmat era stato incaricato di verificare la presenza e il livello di corrosione di 16 campioni di materiali prelevati dal ponte crollato. Come riporta La Stampa, l'Empa ha completato i lavori e inviato la relazione, che è in tedesco, a inizio dicembre. Una settimana fa, tuttavia, è emerso che il documento non era stato ancora tradotto in italiano.


Keystone

L'imprevisto determinerà probabilmente il rinvio della prima udienza per discutere della perizia, fissata per l'8 febbraio prossimo. Il ritardo potrebbe avere contraccolpi anche sulla demolizione del ponte. Il moncone di levante, infatti, non potrà essere abbattuto fin quando tutte le prove potenzialmente utili non siano state acquisite.


Keystone

Nel suo ultimo annuncio, il sindaco di Genova e commissario per la ricostruzione Marco Bucci prevedeva l'inizio della demolizione per il 6-8 febbraio e l'apertura del nuovo viadotto al traffico per il 15 aprile dell'anno prossimo. 

Il sindaco conferma l'8 febbraio per l'inizio della demolizione del moncone ovest - Bucci conferma tuttavia che la data decisa per la demolizione del moncone di ponente resta fissata all'8 febbraio. Quel giorno è prevista la messa a terra del primo impalcato, una trave Gerber di circa 40 metri.


Keystone
Resta fissata all'8 febbraio

«Non sono preoccupato. Con l'autorità giudiziaria stiamo lavorando molto bene e troveremo sicuramente il modo perché non ci siano ritardi. Io ho completa fiducia». Così il sindaco di Genova e commissario per la ricostruzione Bucci ha risposto alle notizie di possibili intoppi legati alla mancanza di una traduzione dal tedesco di una relazione della perizia effettuata dal laboratorio Empa di Zurigo sugli stralli. «Io, comunque, non posso farci niente - ha aggunto Bucci -, queste sono cose che riguardano solo l'autorità giudiziaria».

Sull'operazione resta l'incognita maltempo ma Bucci è fiducioso. «Non credo che ci saranno problemi - ha spiegato - per adesso è confermato. Io lavoro con la l'opzione migliore e questa è ciò che conta».

Il sindaco-commissario ha anche fatto il punto sulla road map dei lavori. «Penso che l'ultima parte demolita sarà a fine maggio, primi di giugno - ha spiegato - ma la ricostruzione partirà prima, il 31 marzo. Entro quella data saranno abbattute tutte le strutture necessarie per ricostruire mentre altre parti saranno abbattute dopo. A noi interessa che alla fine di marzo si inizia a costruire».

Dieci nuovi indagati per falso - Nel frattempo è emerso che ci sono dieci nuovi indagati nell'ambito dell'inchiesta sul crollo del ponte Morandi di Genova. Si tratta di tecnici e dirigenti di Autostrade per l'Italia e della Spea, azienda italiana che opera nel settore dell'ingegneria delle infrastrutture. L'accusa è di falso in procedimento connesso ai controlli sugli altri cinque viadotti in stato critico tra cui il Paolillo in Puglia e il Sei Luci a Genova.

  

Commenti
 
LAMIA 6 mesi fa su tio
Cose da pazzi
beta 6 mesi fa su tio
Povera Italia con un popolo simile di incompetenti ! Dovevano , a Zurigo, scrivere il rapporto in dialetto calabro o sardo ??? NO COMMENT .
Equalizer 6 mesi fa su tio
Sono sicuro che a Bozen (Bolzano) ci sono sicuramente ingegneri in grado di tradurre con precisione tali documenti, ma probabilmente non è ciò che vogliono.
sedelin 6 mesi fa su tio
in italia non esiste un traduttore?
miba 6 mesi fa su tio
@sedelin Probabilmente sì ma poi figurati che casini....arriverebbero sicuramente a tirare in ballo l'appartenenza politica del traduttore ed a mettere in discussione la traduzione.... Certo che il tutto mi sembra un po' ridicolo: eppure gli italiani sanno che a Zurigo si parla tedesco e viceversa a Zurigo sanno che in Italia si parla l'italiano.... Possibile che non si siano accordati sulla traduzione???
gabola 6 mesi fa su tio
Ma non avevano detto che in tre mesi lo ricostruivano? E i disan por'italia
chris76 6 mesi fa su tio
Sicuramente sarà stato stipulato un contratto di prestazione in cui presumo sia stato fissato il modo di consegna del rapporto. Arrivare ora a dire che il rapporto non è consegnato nella forma giusta (consegna ad inizio dicembre, quindi due mesi fa!!!!) sa di barzelletta
Equalizer 6 mesi fa su tio
Ci sarà ancora qualcuno che si meraviglia? È nel più tipico modo italiano che si inizia ad ingarbugliare le cose per poi piano piano riuscire a rallentare i procedimenti per portarli fino alla prescrizione. D'altronde ho sempre detto che Asterix a Roma è un documentario sull'italia presentato sotto forma di cartone animato.
GI 6 mesi fa su tio
"bravi" anche loro ! certo che almeno chiedere in quale lingua avrebbe dovuto essere, non sarebbe stato male....
TOP NEWS Dal Mondo
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile