Keystone
FRANCIA
26.07.18 - 09:520
Aggiornamento : 11:33

Parla Benalla: «Ho fatto una grossa sciocchezza»

Il segretario generale Alexis Kohler: «All'Eliseo non esiste una polizia parallela». Macron: «Il caso è una tempesta in un bicchiere d'acqua»

PARIGI - Alexandre Benalla, l'ex guardia del corpo del presidente francese Emmanuel Macron, indagato per le violenze del primo maggio in Place de la Contrescarpe, si esprime per la prima volta in un'intervista al quotidiano Le Monde.

Oltre una settimana dopo lo scoop del giornale che ha portato alla luce i fatti sino ad allora rimasti coperti dietro alle mura dell'Eliseo, Benalla dichiara di «avere la sensazione di aver fatto una grossa sciocchezza».

«Non ho la sensazione di aver tradito il presidente - dichiara Benalla - ho piuttosto la sensazione di aver fatto una grossa sciocchezza. E di aver commesso un errore. Ma questo errore, lo è più da un punto di vista politico: non sarei mai dovuto andare a quella manifestazione (del primo maggio) in quanto osservatore, forse sarei dovuto rimanere nelle retrovie».

Commentando le parole di Macron, che si è sentito "deluso" e "tradito" dal suo ex-bodyguard, Benalla risponde: «Sono dichiarazioni che capisco. Macron aveva e penso abbia ancora fiducia nel sottoscritto, nella mia azione quotidiana. Ma visto ciò che ha suscitato questa storia, non vedo quali altri termini avrebbe potuto usare».

Nell'intervista 'Mr. Sicurezza' dichiara inoltre che, nel maggio 2017, fu lui a scegliere il piazzale del Louvre per il primo discorso del presidente dopo la vittoria all'Eliseo. «Fui io a trovare il luogo, il Louvre, perché cercavamo un posto facile da mettere in sicurezza e semplice d'accesso, in un contesto in cui la sindaca di Parigi ci negava tutto».

Alla domanda su quale fosse il suo ruolo una volta assunto all'Eliseo, il ventiseienne risponde: «Io mi devo occupare dei fatti privati del presidente della Repubblica, perché accanto alle sue funzioni c'è anche una vita, con Brigitte Macron, quella di un francese normale. Va a teatro, al ristorante, parte in vacanza... Io sono sempre presente, con il gruppo di sicurezza della presidenza della Repubblica (Gspr) e il servizio privato del presidente».

Poi smentisce le indiscrezioni secondo cui avrebbe addirittura avuto le chiavi della casa di villeggiatura dei Macron al Touquet: «Una bufala totale, non ho mai avuto le chiavi».

Macron: «Il caso è una tempesta in un bicchiere d'acqua» - Il caso Benalla «è una tempesta in un bicchier d'acqua»: dopo la prima dichiarazione pubblica di ieri sera, il presidente francese, Emmanuel Macron, torna a contrattaccare sulla vicenda del suo ex bodyguard.

«All'Eliseo non esiste una polizia parallela» - «All'Eliseo non esiste una polizia parallela. Non assumiamo milizie private. Il signor Alexandre Benalla non è mai stato responsabile della sicurezza del presidente»: lo ha detto il segretario generale dell'Eliseo, Alexis Kohler, durante l'audizione dinanzi alla Commissione d'inchiesta parlamentare sul caso dell'ex bodyguard.

Nelle dichiarazioni introduttive, Kohler ha riferito di essere venuto a conoscenza già il 2 maggio, quindi all'indomani dei fatti in Place de la Contrescarpe, del video che mostra Benalla commettere «atti inappropriati e scioccanti». Ma «visti gli elementi di cui eravamo a conoscenza in quel momento, la sanzione mi sembra proporzionata».

A una domanda su quella che viene ritenuta una sanzione eccessivamente leggera (appena due settimane di sospensione dal lavoro all'Eliseo) per l'ex bodyguard picchiatore, Kohler ha insistito: «Questa sanzione va valutata alla luce degli elementi di cui disponevamo in quel momento».

Intanto, secondo BFM-TV, emerge che un altro consigliere politico e fedelissimo di Macron, Ismael Emelien, visionò i video sui fatti di Place de la Contrescarpe ottenuti illegalmente da Benalla.

TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
3 ore
«Bill Clinton era sull'isola privata di Epstein»
Lo afferma, in una docuserie che uscirà domani su Netflix, un dipendente del tycoon morto nel 2019
CANADA
4 ore
«La pandemia? È un ottimo momento per costruire un oleodotto»
Una ministra canadese non ha nascosto la propria soddisfazione per l'impossibilità di organizzare proteste.
STATI UNITI
4 ore
Troppe auto con le chiavi all'interno, e i furti s'impennano
Solo a New York questo tipo di reato è aumentato del 63%. Le forze dell'ordine ricordano di chiudere i veicoli
REGNO UNITO
5 ore
Crisi coronavirus: HSBC taglia oltre 35'000 posti di lavoro
Il piano di ristrutturazione del gruppo bancario potrebbe aumentare ancor di più il numero di licenziamenti
ITALIA
7 ore
Un guarito dal Covid-19 ogni tre avrà problemi respiratori cronici
Perché nei casi più gravi il virus può lasciare cicatrici sul polmone e danni irreversibili
ECUADOR
8 ore
Proteste e scontri violenti contro le misure del Governo
Sono migliaia le persone scese in piazza per manifestare contro le decisioni di Lenin Moreno
STATI UNITI
10 ore
LATAM Airlines: si spengono le luci in cabina
Si tratta della seconda compagnia aerea a presentare istanza di fallimento nel mese di maggio
AUSTRALIA
11 ore
Il fumo, il killer nascosto degli incendi boschivi
Il terribile impatto sulla salute causato dall'inalazione dei fumi ha toccato migliaia di persone
BANGLADESH / SVIZZERA
14 ore
«In molti in Svizzera si preoccupano per quelle operaie»
In Bangladesh, la pandemia ha evidenziato le pecche di un'industria dell'abbigliamento malata: «Dev'esserci una svolta».
MONDO
19 ore
La sanità scrive al G20
40 milioni di persone uniti in una lettera, la più grande mobilitazione della comunità sanitaria degli ultimi 5 anni.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile