Fotolia
SOCIETÀ
28.06.18 - 14:240

Uno studio rivela: non sono i social media a radicalizzare

Una ricerca australiana stabilisce che il jihadismo nasce in famiglia e nei gruppi sociali

SYDNEY - Una ricerca di esperti australiani sfata il mito diffuso secondo cui i social media creano terroristi - l'idea cioè che si diventi terroristi in un vuoto, solo guardando propaganda on line dello Stato islamico (Isis). Il rapporto, che ha esaminato tre ondate di cospirazioni terroristiche in un periodo di 17 anni in Australia, conclude che il jihadismo - definito come "violenta manifestazione dell'islamismo" - trae in massima parte le sue radici in gruppi sociali e familiari.

"È quell'influenza dal mondo reale, non dei fattori legati al comportamento on line o a contatti on line", scrivono gli autori della ricerca, Shandon Harris-Hogan e Kate Barrelle, che addestrano le autorità antiterrorismo e la polizia federale australiana in materia di deradicalizzazione e di disimpegno dal terrorismo.

"Nella rete jihadista di adolescenti australiani vi sono pochissimi esempi di giovani radicalizzati soltanto on line". Dei 116 jihadisti australiani studiati nel periodo, è risultato che 109 avevano collegamenti umani nel mondo reale.

Mentre internet consente agli adolescenti di collegarsi con persone in tutto il mondo, la piattaforme di social media agiscono solo come camere d'eco, per rinforzare credenze esistenti. Non vi sono evidenze che sia quella la causa della radicalizzazione. "È ora di smettere di incolpare i social media di radicalizzare i jihadisti adolescenti, e piuttosto di guardare alle reti esistenti", scrivono i ricercatori.

Nell'esame del campione nell'arco di 17 anni, i lupi solitari sono stati assolutamente infrequenti, anche se dalla metà del 2014 vi è stato un piccolo aumento nel numero di persone che programmano da soli atti di violenza. Statisticamente, hanno una probabilità molto maggiore di soffrire di una malattia mentale diagnosticabile, rispetto a individui che si radicalizzano in un contesto sociale, e non sono presenti nella rete terroristica nel suo insieme.

Coloro che agiscono da soli sono un'eccezione alla norma, almeno in Australia, e coloro che hanno pianificato o commesso un atto di violenza avevano comunque legami familiari o strette connessioni personali con altre persone.

Benché non vi siano state donne coinvolte durante le due prime ondate di jihadisti esaminati, negli ultimi anni alcune donne sono state incriminate con reati terroristici. In ciascun caso sono state arrestate mentre assistevano il compagno o un altro familiare in attività legate al terrorismo. "Le donne stanno certamente svolgendo un ruolo più attivo nella rete e sono aumentate quelle in prima linea", scrivono gli autori della ricerca.

Commenti
 
TOP NEWS Dal Mondo
GIAPPONE / COREA DEL NORD
3 ore
Tokyo: una donna si è ammalata due volte
Le autorità sanitarie di Osaka hanno comunicato che è il primo caso di questo genere
ITALIA
7 ore
Lombardia, governatore in auto-isolamento e 37 guariti
I due focolai, quello lombardo e quello veneto, sono risultati essere collegati.
STATI UNITI
8 ore
Coronavirus: primo caso da origini non chiare
Il contagiato non ha di recente viaggiato in un paese straniero o avuto contatti con persone malate
CINA
8 ore
Coronavirus: accertati 433 nuovi casi e 29 morti
Cala ancora il numero di vittime come pure quello dei pazienti in gravi condizioni
STATI UNITI
10 ore
Lui non le compra l'erba, lei lo accoltella con una katana
Una dimenticanza è stata all'origine di un truculento scontro per una coppia del Michigan
STATI UNITI
10 ore
Scopri se il tuo tipo barba è problematico per il coronavirus
Un'anticipazione: se ce l'hai probabilmente lo è, parola di un nuovo grafico del Centro Controllo Malattie americano
STATI UNITI
10 ore
La ciotola è "offline" e così cani e gatti restano senza cibo
Problemi tecnici per lo “smartfeeder” prodotto da Petnet. Le lamentele sui social
GERMANIA
19 ore
Studenti fanno l'esame ma scompare nel nulla: dovranno ripeterlo
Più di 250 studenti dell'Università di Siegen dovranno ripetere un esame che hanno effettuato e che non si sa dove sia
CINA
22 ore
Scarseggiano gli edulcoranti artificiali: Coca Light e Zero a rischio?
L'azienda dice di aver attivato «piani di approvvigionamento di emergenza».
ITALIA
22 ore
Coronavirus, guarita la prima malata. Madre positiva dà alla luce bimbo sano
La turista cinese era in quarantena allo Spallanzani da fine gennaio. La neomamma invece era stata ricoverata ieri
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile