keystone
STATI UNITI
29.05.18 - 21:030

Arriva la stretta di Trump su beni e investimenti dalla Cina

Questo nonostante i progressi nei colloqui in corso tra Washington e Pechino per cercare di scongiurare una vera e propria guerra commerciale tra le due superpotenze

WASHINGTON - Donald Trump tira dritto per la sua strada e annuncia una nuova stretta sull'importazione dei prodotti 'made in China' e sugli investimenti cinesi negli Stati Uniti.

Questo nonostante i progressi nei colloqui in corso tra Washington e Pechino per cercare di scongiurare una vera e propria guerra commerciale tra le due superpotenze.

Una guerra che rischia di espandersi a macchia d'olio: il primo giugno infatti scade anche l'ultimatum della Casa Bianca all'Europa, quello sui dazi alle importazioni di alluminio e di acciaio.

La mossa del presidente americano ha colto un po' di sorpresa gli osservatori, dopo le aperture dei giorni scorsi e con il segretario al commercio Usa Wilbur Ross in partenza per Pechino per la ripresa dei negoziati.

Il provvedimento firmato da Trump prevede dazi del 25% su una serie di beni nel settore dell'hi-tech, il tutto per un valore di 50 miliardi di dollari: dai televisori a schermo piatto alle attrezzature mediche, passando per molti altri prodotti di elettronica. La lista definitiva dei beni colpiti, comunque, sarà diffusa il 15 giugno con le nuove tariffe pronte a scattare subito dopo.

Il memorandum prevede anche una ulteriore restrizione degli investimenti cinesi negli Usa per limitare l'accesso di aziende di Pechino a tecnologie 'made in Usa', restrizioni che saranno rese note il prossimo 30 giugno e che dovrebbero entrare in vigore ai primi di luglio.

Il tutto in nome della sicurezza nazionale, la stessa motivazione addotta per l'imposizione di dazi del 25% sulle importazioni di acciaio e del 10% su quelle di alluminio. Proprio lo scenario che teme l'Europa che spera di essere esclusa, anche in nome dell'alleanza storica con l'altra sponda dell'Oceano Atlantico.

Il presidente americano, infine, ha messo nero su bianco la volontà degli Stati Uniti di procedere con la battaglia contro la Cina davanti alla Organizzazione mondiale per il commercio, con Washington che accusa Pechino di 'furto' sul fronte dei brevetti e dei diritti di proprietà intellettuale.

La reazione del governo cinese non si e' fatta attendere, con il ministero del commercio di Pechino che si è detto "molto sorpreso" per l'annuncio della Casa Bianca: "Sollecitiamo gli Usa ad agire in linea col nostro precedente comunicato congiunto", si afferma in una nota. Ma non è detto che le nuove misure punitive annunciate da Trump vengano alla fine realmente applicate.

Molti osservatori sono convinti che la decisione della Casa Bianca di alzare di nuovo i toni sia proprio mirata a fare pressione sui negoziatori cinesi, con Ross che va a Pechino per ribadire con forza le richieste Usa, tra cui la reciprocità sul fronte commerciale e la fine dei sussidi alle aziende cinesi che poi esportano verso gli Usa.

TOP NEWS Dal Mondo
SIRIA
31 min

Completato il ritiro curdo da Ras al Ayn

Tutti i combattenti delle Forze democratiche siriane sono fuori dalla città

REGNO UNITO
5 ore

«Porteremo Johnson in tribunale»

Le opposizioni sono furiose per la doppia lettera inviata dal premier e hanno bollato la manovra come «infantile». Bruxelles, intanto, prende tempo

REGNO UNITO / UNIONE EUROPEA
8 ore

Le due lettere di Johnson e la Brexit che diventa farsa

Ci sarebbe poi una terza missiva inviata a Bruxelles, dove gli ambasciatori europei si sono riuniti per discutere il da farsi

STATI UNITI
10 ore

Trump ci rinuncia, niente G7 al suo Doral Golf Club

«Una folle e irrazionale ostilità dei media e dei democratici», ha twittato

REGNO UNITO
23 ore

Una trappola tesa al momento giusto blocca la Brexit

Il voto decisivo atteso per oggi sul deal è saltato ed ora è muro contro muro fra Parlamento e Governo

REGNO UNITO
1 gior

Stop a Johnson, Westminster rinvia la Brexit

La Camera dei Comuni ha approvato un emendamento che obbliga il premier a chiedere un rinvio all'UE

FOTO
REGNO UNITO
1 gior

Il popolo torna in piazza contro la Brexit

Un raduno colorato, fra slogan, cartelli, bandiere britanniche e dell'Ue e vessilli di partito

SIRIA
1 gior

Ankara accusa i curdi di violare il "cessate il fuoco"

«In 36 ore hanno compiuto 14» violazioni». Ma la Turchia assicura che è in atto un coordinamento con gli Stati Uniti

REGNO UNITO
1 gior

Brexit, l'esito resta incerto

È partito il dibattito vero e proprio sull'accordo. Si vota su due emendamenti: una nuova proroga e referendum bis

REGNO UNITO
1 gior

Oggi è il giorno della Brexit

Boris Johnson chiede al Parlamento di approvare l'accordo da lui raggiunto con l'Ue e avverte la Camera dei Comuni che «ora è arrivato il tempo» di decidere

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile