LOCARNO
15.03.18 - 13:000

L'universo femminile de L'immagine e la parola

Tre giorni di proiezioni, letture e incontri per esplorare la relazione tra immagine in movimento e parola scritta

LOCARNO - Sarà attorno all’universo femminile, alla maternità e alle sue sfaccettature, che ruoterà la sesta edizione de L’immagine e la parola, dal 16 al 18 marzo nella sala del GranRex a Locarno.

Tre giorni di proiezioni, letture e incontri per esplorare la relazione tra immagine in movimento e parola scritta. Numerosi anche gli eventi paralleli che andranno a completare il programma, come i Dj set al Mono bar dalle 23.00, l’atelier creativo per bambini organizzato da Cinemagia e la tavola rotonda Complici e colleghe, dedicata alle donne nel campo dell’audiovisivo, una collaborazione con la Ticino Film Commission e il supporto di SWAN (Swiss Women Audiovisual Network).

La libertà di scelta dell’essere madre, l'indipendenza dai vincoli coniugali e l'ambivalenza dell'amore materno sono i temi ricorrenti nelle opere delle ospiti de L’immagine e la parola: Laura Bispuri, Susanna Nicchiarelli e Antonella Lattanzi. Donne cresciute all’ombra delle rivoluzioni femministe e capaci di reinterpretare quella lotta in chiave contemporanea.

"Figlia mia" di Laura Bispuri, "Nico, 1988" di Susanna Nicchiarelli, "Les Gardiennes" di Xavier Beauvois: tre film in anteprima con indimenticabili figure femminili che hanno sfidato le regole imposte. Tema che torna nell'universo letterario della scrittrice Antonella Lattanzi che presenterà il romanzo "Una storia nera" e introdurrà il film classico, "Che fine ha fatto Baby Jane?" di Robert Aldrich.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Agenda
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report