TIMAMME
02.07.19 - 14:000

La realtà dei bambini prodigio

Successi e sfortune nella vita dei piccoli plusdotati

Sono bambini, ma amano stare con gli adulti e dialogano con loro con sorprendente padronanza di contenuti e linguaggio, a scuola finiscono le verifiche prima dei compagni e si annoiano, possono essere poco coordinati a livello motorio: sono bambini plusdotati? È la domanda che ci si pone dopo aver scartato l'ipotesi che si tratti di figli unici viziati, disabituati a stare con i propri coetanei. Ed in realtà, al cospetto di queste manifestazioni, si può parlare di una «dissincronia della crescita», come la chiamano i medici, ovvero  uno sviluppo mentale superiore alla norma per la propria età. Non è detto che sia una fortuna poiché ad esso può corrispondere uno sviluppo emotivo e di relazione inferiore alla norma, con uno squilibrio notevole. Senza considerare le diagnosi errate alle quali finiscono con il corrispondere rendimenti inesistenti con abbandono scolastico, emarginazione e mancanza di stima personale.

Prendendo per buona la condizione di plusdotazione, si tende a parlare di bambini prodigio, ovvero quelli che in età precoce manifestano uno spiccato talento per uno specifico ambito dell'arte o della scienza. Pargoli che a 3 anni suonano il piano, come Wolfgang Amadeus Mozart, o cantano perfettamente «a cappella», come Michael Jackson. Ma anche enfant prodige dello sport come la rumena Nadia Comāneci che cominciò a praticare la ginnastica a 3 anni per arrivare a vincere, a soli 8 anni, i campionati nazionali, a diventare la stella delle Olimpiadi di Montreal a 14 anni e a ricevere il punteggio di 10 per un'esecuzione perfetta all'American Cup a 15 anni. Sempre a 3 anni comincia la sua carriera di attrice e ballerina Shirley Temple, nota anche come riccioli d'oro, la bambina più famosa di sempre nel mondo del cinema.

Anche la matematica annovera molti bambini prodigio da Blaise Pascal a Paul Erdos, sino al contemporaneo Jacob Barnett, nato nel 1999 con la sindrome di Asperger ed entrato all'Università di Indianapolis a 10 anni. Tra i pargoli plusdotati moderni ci sono anche Akim Camara, anno 2000, che ha cominciato a suonare il violino a 2 anni; Priyanshi Somani, del 1998, campionessa di calcolo mentale che ha cominciato a studiare a 6 anni; e March Tian Boedihardjo, classe 1998, prodigio della matematica divenuto studente universitario a nove anni dopo aver superato i test di ammissione con il massimo dei punteggi.

Da non dimenticare, comunque, che le eccellenze tendono a manifestarsi spontaneamente e che piccolo genio è bello, ma senza forzature è meglio!



TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram

Potrebbe interessarti anche
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile