LUGANO
04.11.13 - 14:400
Aggiornamento : 24.11.14 - 03:12

"Ghisletta parziale, intervenga la sezione Enti locali"

Lo sostiene il Gruppo della Lega in Consiglio comunale, che chiede l'intervento nei confronti di Raoul Ghisletta, presidente del legislativo luganese

LUGANO - Il gruppo leghista in Consiglio Comunale ha segnalato agli Enti Locali Raoul Ghisletta, presidente del legislativo di Lugano.

La Lega accusa l'esponente socialista di non mantenere l'imparzialità necessaria per svolgere in piena serenità la sua funzione di primo cittadino.

La Lega ritiene che Ghisletta abbia superato manifestamente i limiti in due occasioni: "si è fatto promotore - si legge nella nota - addirittura di una manifestazione contro la Lega dei ticinesi e il Mattino della Domenica. Tale manifestazione non era peraltro teso ad attaccare sui temi la Lega dei ticinesi, bensì a voler denigrare le persone vicine al movimento, tacciandole di “fasciste” e comunque di soggetti debili, aggressivi, intellettualmente di serie di B, ecc. Accecato dalla sua ideologia totalitaria l’onorevole Raoul Ghisletta ha tradito la fiducia riposta in lui dal plenum del Consiglio comunale".

Sempre per promuovere la sua manifestazione contro il Mattinon e il Mattinonline Ghisletta avrebbe "addirittura invitato al boicottaggio delle aziende di proprietà della città di Lugano e di manifestazioni da molti anni ospitate in questa Città. Non ci sono parole per simili atteggiamenti…"

Per queste ragioni la Lega chiede alla sezione degli enti locali di intervenire con i mezzi a sua disposizione: "In ogni caso si chiede sia emanata per il futuro una circolare che valga come codice di condotta per i presidenti delle Assemblee comunali e i Consigli comunali".

Commenti
 
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
7 ore
Nevicate che sanno di beffa per Cardada
Vista la meteo di questi giorni, qualche rimpianto per la chiusura degli impianti c’è. «Ma un anno in più non avrebbe fatto la differenza», spiega il locale Sci Club
SONDAGGIO
CANTONE
9 ore
Acquisti online tabù: «I regali comprateli in Ticino»
L’appello della Federcommercio in vista del Natale. La presidente Lorenza Sommaruga: «Non vogliamo demonizzare nessuno. Però tanti piccoli negozi sono a rischio chiusura»
CANTONE
11 ore
Vent’anni di prigione, e l’espulsione dalla Svizzera
È la pena esemplare proposta dalla Procura per il 56enne che, due anni fa, uccise la moglie all’autosilo di Ascona
CANTONE / CONFINE
12 ore
Ticinesi nei boschi per la droga, fermato l'ennesimo traffico
Un anno di pedinamenti, mezzi aerei e diverse auto per porre un freno allo spaccio in quel del Parco Pineta
CANTONE
13 ore
In aula va in scena il video dell'uccisione, e scoppia il dolore
Nella requisitoria, il Pp Moreno Capella ha ricostruito il «calvario» della donna uccisa all’autosilo di Ascona. Critiche dalla Procura alla polizia
CANTONE
14 ore
Ballottaggio per gli Stati: «La RSI non c’era»
La critica del Consiglio del pubblico della CORSI: «C'era voglia di informazione». Quindi le scuse: «Terremo conto delle osservazioni per migliorare»
CANTONE
15 ore
«Mikron? La loro è irresponsabilità sociale»
L'MPS punta il dito contro il Cantone definendolo complice dei licenziamenti «con la sua politica di sgravi fiscali»
CANTONE
17 ore
La "prova" del tradimento? «Un herpes sulle labbra»
Emergono nuovi particolari dal processo al 56enne che, nel giugno 2017, uccise a colpi di pistola la moglie in un autosilo ad Ascona
CANTONE
17 ore
«Non è possibile quantificare esattamente i tagli»
Il responsabile delle finanze di Mikron ha commentato la notizia dei 25 licenziamenti annunciati ad Agno. Senza sbilanciarsi: «Dipenderà dall'evoluzione delle commesse nei prossimi mesi»
CANTONE
18 ore
«Io la amavo, signor giudice, la amavo»
A processo il 56enne che uccise la moglie in un autosilo di Ascona, nel 2017. Tra lacrime in aula e accuse di tradimenti
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile