CANTONE
04.03.13 - 12:450
Aggiornamento : 14.10.14 - 21:07

Il Consiglio di Stato invita i Cantoni a sostenere il secondo tubo

Con una lettera, il Canton Ticino elenca le ragioni per sostenere il progetto

BELLINZONA - Il Consiglio di Stato ha inviato una lettera a tutti i Cantoni, invitandoli a sostenere il progetto di risanamento della galleria autostradale del San Gottardo proposto dal Consiglio federale attualmente in consultazione.

Il progetto prevede la realizzazione di un secondo tubo, senza aumento della capacità, per garantire il collegamento sull’asse nord-sud anche durante la chiusura dell’attuale tunnel per i necessari lavori di risanamento. Una volta terminati questi ultimi, la circolazione avverrà nei due tubi su una sola corsia di marcia. Questa misura sarà iscritta nella Legge federale concernente il traffico stradale nella regione alpina - come anche l’attuale sistema di dosaggio del traffico pesante, il cosiddetto “contagocce” - impedendo così un aumento della capacità, nel pieno rispetto della Costituzione.

 

Nella sua missiva, il Consiglio di Stato ricorda le principali ragioni a sostegno di questa proposta:

-La realizzazione di un tubo supplementare, senza aumento della capacità, nell’ambito di lavori di risanamento non è una misura eccezionale. Ad esempio, per il risanamento del tunnel del Belchen (che collega i Cantoni di Basilea

Campagna e Soletta sull’A2), il Consiglio federale ha infatti deciso, sulla base di criteri tecnici, la costruzione di un terzo tubo. Ciò permette di gestire al meglio il traffico in transito, di accrescere la sicurezza e di rinforzare la stabilità del collegamento stradale. Queste sono tutte considerazioni valide, a maggior ragione, anche per il San Gottardo, per il quale sarebbe illogico applicare dei criteri differenti.

- La costruzione di un secondo tubo non rappresenta un lusso, visto che miglioramenti in materia di sicurezza e affidabilità del collegamento stradale dovrebbero costituire delle evidenze per la rete delle strade nazionali. I costi per questi miglioramenti sono contenuti: benché sia necessario considerare le cifre con una certa prudenza, i costi supplementari stimati tra i 625 e gli 854 milioni (da 16 a 21 milioni annui su un periodo d’ammortamento di 40 anni, o da 1 a 1,3 milioni per chilometro all’anno) non devono temere il confronto con altre opere di risanamento simili lungo la rete delle strade nazionali.

 

- Le varianti alternative alla costruzione del secondo tubo comportano dei rischi e sono insostenibili dal punto di vista della politica finanziaria, regionale e dei trasporti. In caso di rifiuto della proposta del Consiglio federale da parte del Parlamento o del popolo, le soluzioni alternative comportano una chiusura prolungata dell’attuale galleria e il trasferimento del traffico passeggeri e merci sulla rotaia (rispettivamente tra Airolo e Göschenen, nonché tra Biasca ed Erstfeld lungo la nuova galleria di base del San Gottardo). Questa soluzione è lesiva e rischiosa per la gestione del traffico e presenta altresì numerosi inconvenienti per ciò che concerne la logica della politica dei trasporti (il trasferimento del traffico pesante dovrebbe essere garantito da frontiera a frontiera, non solo tra Biasca ed Erstfeld), gli aspetti finanziari e di politica regionale (la costruzione di giganteschi e provvisori terminali di carico e scarico nelle nostre vallate, degli investimenti a fondo perso, si scontra con una forte opposizione).

- Il collegamento stradale del San Gottardo ha un importanza capitale per la coesione nazionale, esso rappresenta infatti l’unica via stradale sicura tra il Ticino e il resto della Svizzera. Una sua eventuale chiusura prolungata avrebbe

delle ripercussioni dirette sul quotidiano di molti nostri concittadini, i quali si affidano al transito regolare nel tunnel del San Gottardo per questioni professionali, familiari, di studio, mediche o ancora per partecipare a eventi

sportivi o culturali.

TOP NEWS Ticino
CANTONE
5 ore

«Trattamenti da ambulatorio africano e nessuna privacy»

Nuova stilettata dell'avvocato Tuto Rossi contro il medico del traffico Mariangela De Cesare

CANTONE
7 ore

Corteo dei Molinari, il Governo «condanna i toni e le ingiurie»

Il direttore del DI ha risposto all’interpellenza, pur non fornendo cifre precise sul costo dell’intervento della polizia

CANTONE
7 ore

Quella povertà che nessuno vede

Negli ultimi cinque anni sono raddoppiate le richieste a Soccorso d’inverno da parte dei domiciliati in difficoltà economica: «Tante volte le persone non osano chiedere aiuto pur faticando»

CANTONE
8 ore

Ex docente di Montagnola condannato: «Minore messo in pericolo»

Il pretore ha deciso per lui 60 aliquote da 190 franchi sospese per 2 anni e a una multa di 2000 franchi

BELLINZONA
10 ore

Amianto: le FFS si difendono

I vertici dell'ex regia federale sui decessi dei collaboratori in pensione: «Casi noti, monitoriamo la situazione»

FOTO E VIDEO
LUGANO
10 ore

Il robot Sophia che parla agli umani

È sbarcato a Lugano. Può rispondere alle tue domande. Si è presentata durante la seconda edizione del Forum innovazione Svizzera italiana, da oggi al LAC

FOTO
BELLINZONA
13 ore

Ecco il nuovo volto della Posta di Giubiasco

La rinnovata filiale di via Bellinzona 6 è stata inaugurata questa mattina: «Questa sede è apprezzatissima dalla clientela. Siamo orgogliosi di averla rimessa a nuovo»

LUGANO
15 ore

L'impresa di Nicole: campionessa del mondo a 50 anni

Trionfo di una ticinese ai Mondiali Master di judo in Marocco: «Che emozione il salmo svizzero per me»

LUGANO
16 ore

Lavorereste così, a sette piani dal suolo?

In Ticino gli infortuni sul lavoro sono il calo. Ma quelli più gravi, tra cui le cadute dall'alto, restano un problema

FOTO E VIDEO
LUGANO
18 ore

Auto in fiamme nella notte

La vettura è andata completamente distrutta nei pressi della pompa di benzina di Pazzallo

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile