Immobili
Veicoli
Ti Press
CANTONE
25.10.21 - 07:090
Aggiornamento : 13:02

«Pagare i tamponi ai dipendenti cantonali non è un controsenso?»

L'interpellanza di Massimiliano Robbiani sulla decisione del Cantone di pagare i test al personale non vaccinato

BELLINZONA - Pagare per il tampone dei dipendenti cantonali, che non si sono vaccinati, con i soldi dello Stato.

Vuole si faccia chiarezza su questo aspetto il granconsigliere Massimiliano Robbiani che ha proposto un'interpellanza a riguardo. Sostenendo che, in questo frangente, Bellinzona «parli bene ma razzoli male».

«Da un lato il medico e il farmacista cantonale esortano a vaccinarsi, altrettanto fa il Direttore del DSS, e dall'altro si pagano i test a chi non si fa vaccinare con i soldi dei contribuenti, anche di quelli del 60% di popolazione che si è responsabilmente fatta vaccinare», commenta Robbiani, «questo è decisamente poco comprensibile e non va nella direzione tanto sostenuta dalle autorità cantonali e svizzere».

Quindi, le domande: «Per quale motivo si è deciso di pagare i test a tutti i dipendenti?», «Allo stato attuale quanti sono stati i test pagati dal Cantone? Per quante persone?», e infine «Non trova il Consiglio di Stato paradossale pagare i test ai dipendenti e poi invitare quotidianamente i cittadini a vaccinarsi? Non è un controsenso?».

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile