Tipress
CHIASSO
20.08.21 - 09:170

«Non basta un assegno per incrementare le nascite»

Lo scetticismo del Municipio su una mozione che propone un contributo di almeno 500 franchi per nascita o adozione

CHIASSO - Il problema del calo delle nascite è reale, ma le soluzioni per porvi rimedio si stanno rivelando sinora inefficaci. A tutti i livelli: Confederazione, Cantone e Comuni. Non convince, ad esempio, il Municipio di Chiasso la proposta di un incentivo finanziario comunale formulata con una mozione dal PPD. I consiglieri comunali Giorgio Fonio, Davide De Donatis e Patricia Wasser, lo scorso aprile, avevano infatti chiesto al Comune di introdurre per i domiciliati un contributo di almeno 500 franchi per ogni figlio nato e/o adottato. 

Il Municipio dice no - Ora è arrivato il preavviso del Municipio che chiede al Consiglio comunale di respingere la mozione. Il motivo? L’Esecutivo, pur riconoscendo la gravità a tutti i livelli del problema («il fenomeno della diminuzione delle nascite è conosciuto a livello generalizzato in Svizzera» e in particolare nel Canton Ticino) ricorda che «un sostegno per ogni nuova nascita è già stato posto in atto a livello cantonale tramite l’assegno parentale, che consiste nel versamento unico (una tantum) di 3000 franchi per ogni figlio nato dopo il 1. gennaio». In aggiunta vi sono, continua l’Esecutivo, gli assegni famigliari integrativi per i figli fino ai 15 anni e gli assegni di prima infanzia (Api) da 0 a 3 anni. 

Gli incentivi comunali - Il Comune di Chiasso «non manca inoltre di offrire un sostegno ai genitori e alle famiglie, attraverso servizi per conciliare lavoro e famiglia, come i nidi d’infanzia o i servizi extrascolastici. (...) Detto altrimenti, il supporto cittadino alle famiglie è offerto a Chiasso anche sul lungo termine». Proprio alla luce degli aiuti economici esistenti, ossia «in conseguenza di quanto già previsto, si nutrono dubbi sull’efficacia di un ulteriore incentivo, adottato dalla sola cittadina di Chiasso, per invertire la tendenza delle nascite». Un punto questo su cui i mozionanti in parte concordano: «Siamo coscienti - scrivevano nella mozione - che questa misura, da sola, non risolverà il problema della denatalità nel nostro comune. Siamo però convinti che se vogliamo che Chiasso continui ad essere una cittadina attrattiva per le famiglie, bisognerà mettere in atto tutta una serie di misure che la rendano attrattiva».

Rendere il territorio più attrattivo - Secondo il Municipio occorrerebbe per contro indagare sulle cause che portano a un trasferimento della popolazione residente, dal Canton Ticino, da Lugano, da Chiasso, verso altre destinazioni. «Un inizio - conclude l’Esecutivo - consiste nel rendere ancora maggiormente attrattivo il nostro territorio sotto l’aspetto lavorativo, di studio e di soggiorno, così da esercitare un’attrazione per stabilirsi durevolmente in Ticino e nel Comune». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
6 ore
A luglio torneranno gli Swiss Harley Days
I primi tre giorni del mese saranno all'insegna delle due ruote, in riva al Ceresio
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
«In Ticino la richiesta di uffici crollerà»
Uno studio di Credit Suisse prevede che in Svizzera la domanda di uffici tornerà a crescere.
CANTONE
8 ore
Altre tre classi in quarantena, in tutto sono 53
Il Decs ha aggiornato l'elenco delle sezioni costrette al confinamento a causa del Covid-19.
CHIASSO
9 ore
Il centro di vaccinazione momò cambia casa
L'attuale struttura di Canavée (Mendrisio) verrà spostata al Palapenz (Chiasso).
CANTONE
23 ore
Selvaggina, più che alla radioattività occhio al piombo
Il Laboratorio cantonale ha analizzato diversi "prodotti" della terra alla ricerca di radioattività e metalli pesanti
LOCARNO
1 gior
Anche Locarno si mette la mascherina
Raccomandata in centro e nelle zone molto frequentate, nel villaggio di Locarno On Ice ingresso solo con il 2G
LOCARNO
1 gior
Dopo il pestaggio sarà rafforzato da subito il pattugliamento
La decisione presa dal Municipio al termine della seduta odierna.
LUGANO
1 gior
Naturalizzazione negata all'imam? Decisione da rivedere
Il Tribunale amministrativo federale ha accolto il ricorso dell'imam di Viganello, rimandando l'incarto alla SEM
FOTO
CANTONE
1 gior
Nuove officine FFS da 580 milioni di franchi
Aumenta l'investimento, anche a causa della «crescita delle attività nel futuro stabilimento»
CANTONE
1 gior
«Sintomi depressivi gravi per un terzo degli studenti»
L'allarme del SISA in base ai risultati di un questionario distribuito alla Scuola cantonale di Commercio
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile