Tipress (archivio)
CANTONE
13.06.21 - 16:370
Aggiornamento : 18:17

«Si volta finalmente pagina», tra delusi e sollevati

La Legge sulla previdenza dei membri del Consiglio di Stato ha incassato il 52.1% di voti a favore

Raoul Ghisletta: «Nel caso di un "no" sarebbe stato difficile uscirne». Matteo Pronzini: «Tra il ceto politico e la popolazione c'è una distanza sempre più abissale».

BELLINZONA - Per qualcuno è un «sollievo», per qualcun altro è invece «la vittoria della casta e dei partiti che la compongono», come si legge in un commento del Movimento per il Socialismo (MPS) dopo che i cittadini ticinesi hanno espresso il proprio benestare (con il 52.1%) a favore della Legge sulla retribuzione e sulla previdenza professionale dei membri del Consiglio di Stato.

«Si volta finalmente pagina»
Il «casino legato al sistema vecchio lo abbiamo visto tutti», ci dice al telefono il deputato PS e segretario cantonale del VPOD Raoul Ghisletta, in prima linea a favore della nuova Legge. «Dal profilo giuridico è sicuramente un passo avanti. Che permette di evitare polemiche insite nella vecchia legge». Certo, il margine favorevole è molto «risicato», riconosce Ghisletta, sottolineando però come si sia trattato di un tema «difficile da portare» in discussione tra i cittadini. In particolare «in un momento di grandi difficoltà economiche» per tutta la popolazione.

E se il responso delle urne fosse stato diverso? «Si sarebbe rimasti al vecchio sistema e sarebbe stato un peccato. Nel caso di un "no" sarebbe poi stato molto più difficile uscirne». Alla fine quindi, dopo decenni in cui il tema dei privilegi del Governo è rimasto sui tavoli, «si volta finalmente pagina. E questo è importante. Perché il sistema vecchio sarebbe stato difficilmente migliorabile».

L'MPS tra delusione e uno slancio per il futuro
Dall'altro lato, il risultato di oggi, per quanto a prevalere sia il senso di delusione, può essere visto però sotto due lenti diverse per il Movimento per il Socialismo, come ci spiega Matteo Pronzini. «È un motivo di soddisfazione sapere che quasi il 50% della popolazione del cantone, in un contesto difficile e senza che ci fosse prima una grande discussione, ci ha sostenuto», commenta al telefono, guardando le cifre emerse dalle urne. Cifre che mostrano «sempre più una distanza abissale tra il ceto politico, che ormai non rappresenta più gli interessi della popolazione, e un'opposizione come la nostra che invece entra in sintonia con le necessità dei cittadini».

Il risultato, prosegue Pronzini, è quindi «un balzo avanti perché ci permette di raggiungere quasi una maggioranza. E per le battaglie future partiamo da un sostegno importante». Ma tornando subito al presente, e prendendo atto del risultato di oggi, l'MPS non intende comunque fermarsi. «Rimane aperta tutta la questione delle spese». Quei «15mila franchi all'anno, che non hanno alcuna ragione di esistere, così come la necessità di chiarire cosa sia successo in questi decenni sulla questione dei vitalizi», ci spiega. «L’ultimo decreto di abbandono firmato dal Procuratore generale lasciava molti dubbi. E più in generale rimane un problema etico di quanto i politici - i consiglieri di Stato, ma non solo - intascano grazie alla politica. Cifre enormi che noi contestiamo e continueremo a contestare».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Gus 4 mesi fa su tio
Il Ticino è in mano ai leghisti!
Tato50 4 mesi fa su tio
@Gus Meno peggio dei Liberali di sinistra ( vedasi votazione Co2 ) ;-(
Talos63 4 mesi fa su tio
Non si arrende neanche davanti all’evidenza il caro Pronzini
Aargauer 4 mesi fa su tio
Tipico Tessiner...ma sa po’ mïa..
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MENDRISIO
11 min
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CURIO
14 ore
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
14 ore
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
14 ore
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
15 ore
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
CANTONE
17 ore
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
20 ore
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
22 ore
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
CANTONE
1 gior
In Ticino 18 positivi e due nuovi ricoverati
I pazienti Covid che necessitano di cure ospedaliere salgono a 11 in tutto.
FOTO
CANTONE
1 gior
«Dentro il tunnel c'era uno scenario apocalittico»
Era il 24 ottobre 2001, quando nella galleria del San Gottardo morirono undici persone in un tragico incendio
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile