tipress
CANTONE / BERNA
03.05.21 - 19:390

Quadri: «I test “fai da te” dei frontalieri non dobbiamo pagarli noi»

Da qui la richiesta al Consiglio federale: «vengano dedotti dai ristorni delle imposte alla fonte»

LUGANO / BERNA - Dal 7 aprile è possibile ritirare nelle farmacie i test “fai da te” per il rilevamento del Coronavirus. Il Consiglio federale prevede che questi test (5 al mese) siano gratuiti. E non solo per i residenti in Svizzera, ma anche per i frontalieri (oltre che per i cittadini di Campione d’Italia).

Non tutti però sono d'accordo. «Se testare è importante - sottolinea il Consigliere nazionale leghista Lorenzo Quadri in una mozione trasmessa oggi al Consiglio federale - è tuttavia altrettanto importante che i costi dei test ricadano sui soggetti giusti. Non è sostenibile che il contribuente elvetico sia sempre tenuto a pagare per tutti».

Quadri ha fatto qualche conto: «Un test costa 12 franchi. Per cinque test al mese, fanno 60 franchi al mese. Moltiplicando per 70'115 frontalieri si arriva a un totale di 4'206'900 franchi al mese. Questo solo in Ticino».

Il «problema» riguarda però tutte le zone di confine. «In Svizzera - prosegue Quadri - i frontalieri sono circa 345mila. Quindi una spesa mensile di 20,7 milioni di franchi».

Da qui la richiesta di stabilire che i costi dei test “fai da te” ritirati dai frontalieri in Svizzera vengano «messi a carico dei rispettivi paesi di provenienza», e di «autorizzare/incaricare i Cantoni di recuperare la totalità della spesa sostenuta dall’ente pubblico per i test “fai da te” dei frontalieri deducendola dai ristorni delle imposte alla fonte dei frontalieri che vengono versati nell’ambito delle rispettive Convenzioni con i paesi di provenienza».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
CHIASSO
58 min
Anziano leggermente intossicato dal fumo a Chiasso
L'incendio, divampato questa mattina in una casa di via Soldini, è stato domato dai pompieri.
CANTONE
1 ora
In Ticino altri tre casi e zero decessi
Gli ospedali cantonali accolgono attualmente un solo paziente. Le cure intense sono vuote da due settimane.
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 ora
I centauri ticinesi ricordano Jason Dupasquier
L'Associazione Motociclisti Ticinesi ha voluto realizzare un piccolo gesto simbolico in memoria del giovane pilota.
CANTONE
3 ore
Quei falsi profili di Rapelli che sono spuntati su Facebook
La ditta ticinese lancia l'allarme ai propri clienti: «Non siamo noi. Non partecipate al concorso».
LOCARNO
18 ore
Strano funerale in Piazza Grande
Una bara, un prete e persone in lutto al seguito. Il mini corteo non è passato inosservato. Chi è morto?
FOTO E VIDEO
RIAZZINO
19 ore
Si scontra con un'auto, ferito uno scooterista
L'incidente è avvenuto questo pomeriggio sulla strada cantonale di Riazzino.
CANTONE
21 ore
Battezzato il nuovo Giruno Ticino
L'evento si è svolto questa mattina alla presenza delle autorità cantonali, tra cui Claudio Zali e Nicola Pini.
CANTONE
1 gior
Philipp Plein doppiamente nei guai
L'ispettorato del lavoro e una società italiana hanno presentato due denunce penali al Ministero pubblico
CANTONE
1 gior
Un altro giorno senza decessi, i casi sono tre
Gli ospedali cantonali accolgono attualmente un solo paziente. Le cure intense sono vuote da ormai due settimane.
CANTONE
1 gior
«Il certificato Covid non deve diventare un mostro burocratico»
HotellerieSuisse accoglie con favore il ripristino della libertà di viaggiare.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile