Immobili
Veicoli
TI Press (archivio)
SVIZZERA / CANTONE
14.04.21 - 14:090

Test “fai da te” dei frontalieri: «Non a carico degli svizzeri»

Con una mozione, Lorenzo Quadri chiede che la spesa venga dedotta dai ristorni delle imposte alla fonte

BERNA - Lorenzo Quadri ha presentato una mozione al Consiglio federale in cui chiede di stabilire che i costi dei test “fai da te” ritirati dai frontalieri in Svizzera vadano messi a carico dei rispettivi paesi di provenienza. Per fare ciò, chiede di autorizzare/incaricare i Cantoni a recuperare la totalità della spesa sostenuta dall’ente pubblico deducendola dai ristorni delle imposte alla fonte dei frontalieri, che vengono versati nell’ambito delle rispettive Convenzioni con i paesi di provenienza (per il Ticino, quella del 1974).

«La Lega è quindi indubbiamente favorevole ai tamponi a tappeto ed è la prima a riconoscerne l’importanza - si legge nel testo della mozione -. Ma se testare è importante, è tuttavia altrettanto importante che i costi dei test ricadano sui soggetti giusti. Non è sostenibile che il contribuente elvetico sia sempre tenuto a pagare per tutti».

Facendo due conti, un test costa 12 franchi. Per cinque test al mese, fanno 60 franchi al mese. Moltiplicando per 70'115 frontalieri, si arriva a un totale di 4'206'900 franchi al mese solo in Ticino. In Svizzera i frontalieri sono invece circa 345mila: la potenziale spesa mensile ammonta quindi a 20,7 milioni di franchi.

«È palese che questo importante costo non può semplicemente essere accollato ai cittadini svizzeri. A maggior ragione in tempi di crisi finanziaria», conclude il deputato leghista.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / SVIZZERA
18 min
Coi ponti festivi, altre code al San Gottardo
Per Ascensione, Pentecoste e Corpus Domini, sono previsti disagi al traffico sull'autostrada A2
LOCARNO
1 ora
Da una cucina, fiamme e fumo
Via San Jorio si risveglia tra le sirene dei pompieri a causa di un incendio in una palazzina.
CANTONE
1 ora
Casi in netto calo e ospedali che si svuotano
I nuovi positivi sono 66. Negli ospedali restano ricoverati 52 pazienti per Covid. Due sono in terapia intensiva
LOCARNO
2 ore
Due intossicati e un ferito nell'incendio in via San Jorio
È questo il bilancio del rogo divampato stamattina poco prima delle 7.30 a Locarno.
CANTONE
5 ore
Gli animalisti saranno più veloci del fucile?
Il WWF valuterà un ricorso «dopo aver visto le motivazioni del governo». E invoca un cambio di strategia in futuro
CHIASSO
5 ore
Chiasso vuole "vendersi" meglio
Eventi, economia, demografia, ma anche turismo. Dopo anni difficili Chiasso vuole rilanciarsi.
FOTO
RANCATE
16 ore
Medacta si espande (e assume 300 persone)
L'azienda ha aperto una nuova sede a Rancate e ha in programma investimenti per diversi milioni
LUGANO
18 ore
Hannibal arriva in Ticino
Le temperature raggiungeranno i 30 gradi nel weekend. I consigli del DSS
LUGANO
18 ore
Sesso con un 14enne: «Mi scuso. Ho capito che i bambini non si toccano»
Condannato a due anni e quattro mesi di carcere, di cui 20 mesi sospesi, un 55enne residente nel Luganese.
CANTONE
22 ore
Da predatore a preda
Il Governo ha dato il via libera all'abbattimento del predatore che lo scorso 26 aprile uccise 19 pecore a Cerentino.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile