Tipress
LUGANO
12.04.21 - 18:310
Aggiornamento : 22:24

Borradori: «Dico no ai profeti del declino»

Il sindaco critica la corsa elettorale in cui spicca «chi riesce a dipingere la città nel modo più brutto e decadente»

di Redazione

LUGANO - Forse perché un sindaco ha a disposizione quattro (stavolta cinque) anni per dire la propria, non si sono lette molte prese di posizione di Marco Borradori durante questa campagna. È un po' l'eccezione il contribuito che il sindaco di Lugano ha mandato in esclusiva a Ticinonline per... togliersi alcuni sassolini dalle scarpe.

Che la contesa metta a confronto chi evidenzia i risultati ottenuti durante la legislatura e chi tenta di sminuirli, per il sindaco di Lugano ci sta: «È una normale dinamica democratica». Ma stavolta, aggiunge, «leggendo alcune prese di posizione delle ultime settimane, anche di partiti che siedono a tutti gli effetti nella stanza dei bottoni, mi chiedo se abitiamo nella stessa città». Nel concerto di campane Borradori vede «una corsa a chi a chi la spara più grossa. A chi riesce a dipingere Lugano nel modo più brutto, decadente e depresso possibile. E allora dagli con la retorica disfattista della città immobile, grigia, inconcludente, disabitata, senza infrastrutture e che perde un pezzo al giorno. In certi articoli mancano solo la carestia e le cavallette, per completare il quadro. Ma questa non è la nostra Lugano, quella reale che viviamo tutti i giorni». 

Il sindaco parla di una città meno in crisi di quanto si legga: «Personalmente rifiuto categoricamente questa tiritera lugubre che ci viene propinata dai profeti del declino. Lugano ha i suoi problemi, ci mancherebbe, e li abbiamo sempre affrontati, talvolta bene e talvolta meno, ma da qui a dipingerla come una periferia povera e depressa, ce ne passa. Il problema è che questo ritornello distruttivo e lamentoso fa forse gli interessi di qualcuno ma fa male alla città». 

Il contributo integrale nella rubrica Elezioni 2021.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
«La TV "sfrutta" le donne? Preoccupatevi dei social»
Luca Tiraboschi, ex direttore di Italia 1, ospite di Piazza Ticino. Guarda la video intervista. 
CANTONE
4 ore
«Non sapendo chi è vaccinato dobbiamo indossarla ancora»
Negli Stati Uniti gli immunizzati possono nuovamente circolare a viso scoperto. Il tema sta tenendo banco.
FOTO
BELLINZONA
7 ore
Una panchina anti Covid fatta... ad arte
Si tratta del progetto “Point of View” di Patrizia Pfenninger presentato oggi davanti alla stazione FFS di Bellinzona
CANTONE
10 ore
Delitto alla pensione La Santa: chiesti diciassette anni
Si è aperto questa mattina il processo nei confronti dell'austriaco accusato di assassinio
TERRE DI PEDEMONTE
10 ore
Cade da un albero: ferite gravi per una trentenne
L'incidente si è verificato questa mattina nelle vicinanze del pozzo di Tegna
CANTONE
12 ore
Covid: 26 positivi e nessun decesso
Prosegue il trend positivo, anche negli ospedali. Sono solo 26 le persone ricoverate.
CANTONE
14 ore
Permesso di dimora al badante, un tempo rapinatore
Il Tribunale federale sconfessa il Tram e il Consiglio di Stato che avevano fatto obbligo al 50enne di lasciare il Paese
CANTONE
17 ore
Microbi magici made in Val di Blenio, una soluzione all’inquinamento
Scoperti dalla SUPSI dei batteri acquiferi che assorbono e neutralizzano metalli tossici.
SONDAGGIO
CANTONE
17 ore
Farmacie “sotto assedio” per andare in Italia
La vicina penisola ha riaperto le porte ai turisti stranieri. Ma solo se in possesso di un test negativo (anche rapido)
BELLINZONA
23 ore
Ciclista investito a Bellinzona in pericolo di vita
Lo riferisce la polizia cantonale. Si tratta di un 20enne svizzero del Bellinzonese.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile