Tipress
LUGANO
12.04.21 - 18:310
Aggiornamento : 22:24

Borradori: «Dico no ai profeti del declino»

Il sindaco critica la corsa elettorale in cui spicca «chi riesce a dipingere la città nel modo più brutto e decadente»

di Redazione

LUGANO - Forse perché un sindaco ha a disposizione quattro (stavolta cinque) anni per dire la propria, non si sono lette molte prese di posizione di Marco Borradori durante questa campagna. È un po' l'eccezione il contribuito che il sindaco di Lugano ha mandato in esclusiva a Ticinonline per... togliersi alcuni sassolini dalle scarpe.

Che la contesa metta a confronto chi evidenzia i risultati ottenuti durante la legislatura e chi tenta di sminuirli, per il sindaco di Lugano ci sta: «È una normale dinamica democratica». Ma stavolta, aggiunge, «leggendo alcune prese di posizione delle ultime settimane, anche di partiti che siedono a tutti gli effetti nella stanza dei bottoni, mi chiedo se abitiamo nella stessa città». Nel concerto di campane Borradori vede «una corsa a chi a chi la spara più grossa. A chi riesce a dipingere Lugano nel modo più brutto, decadente e depresso possibile. E allora dagli con la retorica disfattista della città immobile, grigia, inconcludente, disabitata, senza infrastrutture e che perde un pezzo al giorno. In certi articoli mancano solo la carestia e le cavallette, per completare il quadro. Ma questa non è la nostra Lugano, quella reale che viviamo tutti i giorni». 

Il sindaco parla di una città meno in crisi di quanto si legga: «Personalmente rifiuto categoricamente questa tiritera lugubre che ci viene propinata dai profeti del declino. Lugano ha i suoi problemi, ci mancherebbe, e li abbiamo sempre affrontati, talvolta bene e talvolta meno, ma da qui a dipingerla come una periferia povera e depressa, ce ne passa. Il problema è che questo ritornello distruttivo e lamentoso fa forse gli interessi di qualcuno ma fa male alla città». 

Il contributo integrale nella rubrica Elezioni 2021.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Certificato Covid elettronico di nuovo funzionante
«Certificato con firma non valida», è ciò che era apparso a molti, forse a tutti, i detentori del Covid-Pass digitale.
LUGANO
3 ore
Sanitari non vaccinati licenziati alla Moncucco, rifiutavano i test
«Chi non si sottopone al vaccino e nemmeno ai test non può lavorare in Clinica», così il direttore Christian Camponovo.
CANTONE
5 ore
Si aprono oggi le porte dello Swiss Virtual Expo
Sono già diversi gli eventi in programma nelle prossime settimane
CANTONE
5 ore
I prossimi radar? Ecco dove saranno
La prossima settimana i controlli mobili risparmieranno solo la Vallemaggia.
VERZASCA
6 ore
Verzasca: si cercano idee per lo stemma comunale
Il Municipio ha deciso di pubblicare un bando di concorso aperto a tutti i ticinesi.
CANTONE
7 ore
La libertà può essere a un tiro di "sputo"
L'iniziativa parlamentare urgente dell'UDC spiegata da Massimo Suter e Paolo Pamini
BELLINZONA
11 ore
Brenno Martignoni Polti prende in mano l'UDC di Bellinzona
L'ex sindaco della Capitale succede al dimissionario Simone Orlandi, travolto dallo scandalo delle targhe.
CANTONE
12 ore
Altri 22 contagi e nessun decesso in Ticino
Salgono a nove i pazienti ricoverati in ospedale. Uno si trova nel reparto di cure intense.
CANTONE
12 ore
«Diamo il certificato Covid anche a chi si testa in azienda»
A chiedere il cambiamento, con un'iniziativa parlamentare e con un voto d'urgenza, è l'UDC. Sostenuto da Massimo Suter.
AGNO
14 ore
Sotto il cielo di “Agno” l’‘ammucchiata’ di cordate rischia una nuova frenata
Ecco dai documenti ufficiali caratteristiche e diversità dei progetti ora in ‘Consortium’.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile