Tipress
Cantone
02.04.21 - 12:280
Aggiornamento : 17:16

Ristorazione in crisi nera, non solo colpa della pandemia

Un’interpellanza presentata dal gruppo Mps vuole far luce sul sovrannumero degli esercizi pubblici in Ticino

BELLINZONA - Troppi bar e ristoranti in Ticino. E la crisi del settore non è solo da imputare alla pandemia. Questo quanto ipotizzato dai granconsiglieri Mps Simona Arigoni, Angelica Lepori e Matteo Pronzini nell’ultima interpellanza inoltrata al Consiglio di Stato ticinese. 

Undici domande, quelle dell’Mps, che si rifanno a delle dichiarazioni rilasciate in più momenti dal presidente di Gastroticino Massimo Suter. Secondo l’interpellanza, l’anno scorso come cinque anni fa Suter riportava un dato importante: “Il Ticino ha il più alto numero di esercizi pubblici per abitante del Paese”. “Uno ogni 75 abitanti, quando nel resto della Svizzera è uno ogni 120” nel 2016, e “uno ogni 120. Quando in Svizzera ce n’è uno ogni 240” a giugno 2020.

Sempre nell’intervista del 2016, Suter avrebbe poi affermato che il 60% dei bar e ristoranti ticinesi lavora in rosso, specificando: “Il mercato attorno a quei determinati esercizi pubblici non è più valido, non c’è più un bacino di utenza capace di dare un senso agli investimenti. A volte bisognerebbe guardare in faccia la realtà”.

Delle affermazioni, secondo l’Mps, “contraddittorie” se accostate alle più recenti dichiarazioni rilasciate da Suter, in cui prevedeva, per l’estate 2021, una valanga di fallimenti da imputare alle chiusure imposte dal Governo da inizio pandemia. Arigoni, Lepori e Pronzini sostengono dunque che al momento sarebbe “difficile per i cittadini capire se i ristoranti falliscono perché non c’è più mercato o se sono le misure di protezione della popolazione ad aver decretato la fine di un fiorente settore”. 

Sulla base di queste presunte incongruenze, l’Mps sottopone al Consiglio di Stato undici domande. Tra le principali, il numero attuale di esercizi pubblici per numero di abitanti in Ticino, la diminuzione degli esercizi pubblici e dei relativi posti di lavoro registrata tra il 2016 e fine 2019, e l’evoluzione del tasso di disoccupazione nel settore della ristorazione ticinese negli ultimi dieci anni. Due i quesiti riguardanti gli aiuti per i casi di rigore, in particolare la percentuale di esercizi pubblici che ne ha fatto richiesta rispetto al totale e l’ammontare complessivo del sostegno finanziario concesso.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Gus 5 mesi fa su tio
Troppi esercizi pubblici aperti e molti di pessima qualità, in quanto pulizia, rispetto delle norme, cordialità e accoglienza. Speriamo che alcuni debbano chiudere davvero
Don Quijote 5 mesi fa su tio
Non lavoro nella ristorazione ma sentire queste capre che, invece di brucare l'erba gratuita che ricevono cercano di fare ragionamenti, mi girano in tondo, ma provate una buona volta a fare un lavoro vero per schiarirvi le idee e magari capire che non c'è un lavoro facile e ben pagato per tutti! Ca..o!
Ro 5 mesi fa su tio
Come si fa ad imporre un numero chiuso ? Improponibile. Il reale problema invece è che nessuno vuole inchinarsi a risolvere una volta per tutte i fallimenti fittizi che poi ricadono su tutti. C’è gente che “ fallisce “ ma il giorno dopo, pur avendo lasciato debiti qua e là, riapre con un’altra società. Questo è scandaloso e danneggia gli onesti ristoratori e la tutta la società. Ecco dove bisogna mettere mano e al più presto. E se la legge attuale non lo permette, si cambia la legge. Non esiste una legge statica. Giusto o sbagliato che sia.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
54 min
«Ci hanno dato un contentino»
L'esperto di sanità Bruno Cereghetti non è contento dello "sconto" delle assicurazioni malattia. L'analisi e le critiche
CANTONE
2 ore
Pochi centesimi in meno al mese: «Un timido passo, ma nella giusta direzione»
Il DSS ha commentato il leggerissimo calo dei premi di cassa malati per il 2022.
CANTONE
3 ore
Multe illegali per 28'800 franchi, ma niente rimborsi
«Sono stati sottratti illegalmente 28'800 franchi a 288 cittadini», così il copresidente del PS Fabrizio Sirica.
LAMONE
6 ore
Investito da un'auto: il ciclista 81enne non ce l'ha fatta
L'anziano era stato vittima di un incidente il 14 settembre in via Cantonale a Lamone.
CANTONE
8 ore
Covid in Ticino, 26 casi e ricoverati stabili
Non ci sono nuovi decessi né nuove quarantene di classe. Fermi a quota 18 gli ospedalizzati.
FOTO
BELLINZONA
10 ore
È stata un'estate complicata per gli animali selvatici
Tra aprile e fine agosto la Spab ha dovuto soccorrere un «numero impressionante» di bestiole in difficoltà.
BELLINZONA
12 ore
Forse c'è la svolta per i due "mostri"
Palazzine lasciate a metà in Viale Olgiati: tutto fermo da inizio 2019. Proprietaria vicina alla cessione del progetto.
CANTONE
12 ore
Aghi, inchiostro e quel vuoto (formativo) da colmare
Per diventare tatuatore a oggi non esiste alcuna formazione regolamentata e ufficialmente riconosciuta.
FOTO
BREGGIA
1 gior
Gli alberi stanno tornando in piazza
Le piante erano state rimosse lo scorso marzo per i lavori di valorizzazione a Cabbio
MENDRISIO
1 gior
Si getta ancora la spugna, niente Fiera di San Martino
La tradizionale fiera di novembre non avrà luogo per il secondo anno di fila: «Decisione sofferta, ma obbligata»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile