Ti Press
BALERNA
09.03.21 - 10:120

Stazione di Balerna: «Non chiudiamola per un anno»

All'indignazione della popolazione momò e del Municipio di Balerna si aggiunge un'interrogazione al Governo.

Il declassamento deciso dalle FFS, che comporta la rimozione della pensilina e lavori per un anno, non piace a Giorgio Fonio, Maurizio Agustoni e Luca Pagani.

BALERNA - La notizia delle scorse settimane in merito al declassamento della stazione di Balerna alla categoria C ha suscitato grande indignazione tra la popolazione del Basso Mendrisiotto che quotidianamente utilizza quella fermata per raggiungere il proprio posto di lavoro. 

Il declassamento comporterà la rimozione della pensilina, andando a togliere una copertura utile nei giorni in cui il sole cocente e quando piove. Ma non solo: per sistemare la stazione, le FFS avrebbero previsto di chiuderla per un anno intero (va detto che negli scorsi giorni le FFS hanno annunciato che questo termine verrà ridotto).

Per i granconsiglieri momò del PPD si tratta di una decisione «incomprensibile», dal momento che la stazione (con annesso park&rail) funge da importante punto di partenza e arrivo per i numerosi pendolari che al traffico insostenibile del Mendrisiotto prediligono l’uso dei mezzi pubblici. Per questo Giorgio Fonio, Maurizio Agustoni e Luca Pagani (sindaco di Balerna) hanno presentato un'interrogazione al Consiglio di Stato in cui chiedono se sia al corrente delle intenzioni delle FFS e se intenda intervenire per scongiurare sul nascere la chiusura della stazione e l’eliminazione della pensilina.

Un atto parlamentare che si aggiunge quindi all’immediata opposizione del Municipio balernitano, ma anche a una petizione online sottoscritta da quasi 700 persone. A dimostrazione della sensibilità e della preoccupazione di tutta la popolazione locale. 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
Un "corridoio vasariano" a luci rosse tra Iceberg e Moulin Rouge
Progetto di passerella per unire i due locali erotici in un solo postribolo da 60 stanze
CANTONE
2 ore
Valle di Blenio senza radar, Luganese sotto stretta sorveglianza
La prossima settimana nessun radar mobile in Valle di Blenio. Nel Luganese possibili controlli in ben 23 località.
CADENAZZO
4 ore
Due anni di lavori per 7 km di strada: «È inevitabile»
La strada cantonale tra Cadenazzo e lo svincolo di Rivera avrà un cantiere per 24 mesi.
CANTONE
9 ore
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
9 ore
Vaccinazione: un weekend dedicato agli adolescenti
Il primo fine settimana di ottobre verranno riaperti quattro centri cantonali.
RIAZZINO
10 ore
Al Vanilla si torna a ballare
Il reopening, a lungo rimandato a causa della pandemia, è previsto per il 9 ottobre prossimo.
LOCARNO
13 ore
«Che imbarazzo, io trattato come un mostro»
Calci, pugni e pallone: dopo la rissa delle Semine, settimana da incubo per Mauro Cavalli, presidente del FC Locarno.
CANTONE
1 gior
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
MENDRISIO
1 gior
La biblioteca si trasferisce e diventa una palestra
Il progetto SportAcademy riunirà sotto lo stesso tetto, a Genestrerio, diverse discipline sportive.
CANTONE
1 gior
Salario minimo: «La situazione va monitorata»
Le parti convocate al tavolo delle discussioni hanno condiviso che la deroga prevista per i CCL non va stralciata.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile